Smartphone, alcuni improbabili compagni per il sonno dei bambini

Dalla prima ora del mattino le nuove tecnologie sono presenti nella nostra giornata. Chi non si è seduto a colazione a guardare le notizie? O cercare informazioni su un lavoro accademico? Tuttavia, ci sono alcuni contesti dove è consigliabile tenerli lontani da noi.

Ad esempio, quando si va a dormire è consigliabile smartphone stai fuori dalla stanza. Non solo perché la loro presenza può farci cadere nella tentazione e farci usarli, impedendoci di addormentarci. Dallo studio pubblicato gli Atti della National Academy of Sciences indicano diversi punti sul perché si raccomanda che questi dispositivi non siano presenti mentre il più giovane della casa dorme.


Luce e melatonina

Dopo aver analizzato 1.058 casi in cui è stata superata la qualità del sonno e l'uso di smartphone di quelle persone è stato possibile verificare che l'uso di schermi prima di dormire temesse un effetto diretto sulla qualità del resto. La luce rilasciata da dispositivi come smartphone o tablet ha alterato la produzione di melatonina, l'ormone responsabile della regolazione del sonno.

Inoltre, l'uso di questi dispositivi attiva il cervello, che si traduce in una maggiore difficoltà nell'essere in grado di dormire perché è più difficile entrare in uno stato di rilassamento. Ciò che alla fine produce che la persona è in uno stato di vigilanza quasi costante. Infine, anche la scarsa qualità del sonno risalta fino a quando lo smartphone può suonare di notte.


Molte sono le notifiche che possono arrivare per tutta la notte, producendo suoni che alterano la persona che è addormentato. Infine, come è stato detto all'inizio, uno smartphone nelle vicinanze costringe il bambino a fare continue domande che lo portano ad alterare il proprio ritmo di riposo.

Suggerimenti per un buon uso

Insegnare ai piccoli a fare buon uso delle nuove tecnologie è molto importante. Questi sono alcuni consigli per ottenere questo fine:

1. I dispositivi tecnologici devono essere adeguati al livello di sviluppo del bambino e alle sue esigenze di apprendimento.

2. I possibili rischi e le regole d'uso saranno discussi e negoziati con loro.

3. Le tecnologie saranno collocate in spazi comuni e quando sono piccole si raccomanda di condividerle con gli adulti.

4. Il tempo di connessione (non esiste una ricetta), verrà condiviso con la connessione NO.


5. Devi insegnare loro a interagire con altre persone nei social network come vorrebbero che li trattassero.

6. Non tutte le informazioni su Internet sono affidabili. Devi insegnare loro ad essere critici.

7. Cerca di essere al passo con gli sviluppi tecnologici, per facilitare l'apprendimento per i nostri bambini.

8. Sii un esempio di uso responsabile di Internet.

9. Stai attento a qualsiasi sintomo di possibile dipendenza.

10. Essere coerente con l'uso ragionevole di ciò che facciamo della tecnologia e con i comportamenti che chiediamo ai nostri figli.

Damián Montero

Video: Fabio Rovazzi litiga con un fan che lo insulta, critiche: “Era solo un ragazzino"


Articoli Interessanti

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

La condivisione è uno dei migliori valori che la maggior parte delle persone può imparare piccolo. Il fatto di dare agli altri l'opportunità di essere felici con ciò che si gode è qualcosa di...

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Poche situazioni impongono tanto quanto arrivare con la nostra prima figlia dall'ospedale e sapendo che, all'improvviso, siamo irrevocabilmente e permanentemente responsabili di questo piccolo e...