I bambini che vivono nelle case con fumo fumano tra 60 e 150 sigarette

il fumatore Non solo compromette la tua salute. Tutti quelli che lo circondano e respirano il fumo espulso dalle sue sigarette sviluppano anche problemi di salute. Questo è uno dei motivi per cui i pediatri raccomandano che il tabacco sia un elemento proibito nella casa e che i genitori che lo consumano cercano sempre di farlo il più lontano possibile dai loro figli.

Un promemoria a cui la Società Spagnola di Pneumologia e Chirurgia Toracica si unisce nel suo studio sull'esposizione al fumo. tabacco ambientale da 0 a 3 anni in 'Prevenzione del fumo. Segnala in cui è chiaro che i bambini nelle case con fumatori soffrono di più infezioni respiratorie e ricoveri ospedalieri.


Maggiore vulnerabilità

Sebbene qualsiasi persona esposta al fumo subisca le conseguenze del fumo passivo, nel caso dei bambini la vulnerabilità è maggiore. La sua superficie corporea più piccola e il suo peso, insieme alla quantità di ore che passano a casa (specialmente in periodi come l'inverno) li rende più propensi a sviluppare malattie respiratorie.

Per valutare gli effetti del fumo passivo durante l'infanzia, in particolare da 0 a 3 anni, uno studio retrospettivo trasversale è stato condotto nelle cliniche pediatriche di cura del Centro sanitario Artilleros, a Madrid, a cui hanno preso parte complessivamente 150 bambini, di cui il 56,7% sono stati maschi e femmine. 43,3% di ragazze


Del campione totale 43,3% ha presentato esposizione al fumo ambientale, di cui il 61,5% erano bambini e il 38,5% femmine. Tra i bambini esposti al fumo passivo, il 56% era per avere un padre che fumava, il 27,8% per una madre che fumava e fino al 15% per un caregiver primario.

Si stima che i bambini delle case fumatori ricevano una dose annuale totale di nicotina equivalente al fumo tra 60 e 150 sigarette un anno I responsabili di questo lavoro evidenziano altri studi in cui è stato dimostrato che l'esposizione al fumo di tabacco ambientale.

Assistenza e malattia

Questo studio ha anche confermato che il numero metà degli episodi e le consultazioni con il pediatra per le infezioni respiratorie, tra le altre necessità di assistenza sanitaria, erano più alte nei bambini esposti al fumo di tabacco che nei bambini che non lo facevano. In questo modo, i bambini esposti al fumo di tabacco ambientale avevano una media di 9,0 casi di infezioni respiratorie rispetto a 7,4 bambini che non erano stati esposti.


Una media di 11,8 consultazioni con il pediatra rispetto a 9,4 dei non esposti, una media di rinvii a cure specialistiche di 1,9 rispetto a 1,1 nei pazienti non esposti; e una media di 0,3 di reddito da infezioni respiratorie, anche maggiore nei bambini esposti al fumo, rispetto a 0,2 in quelli non esposti. Il numero di episodi di infezioni del tratto respiratorio superiore nei bambini esposti era superiore a quelli non esposti, indipendentemente dal fatto che il padre fosse il fumatore o la madre il fumatore

Nel caso dell'infezione del tratto respiratorio inferiore, solo la differenza nel numero di episodi nei bambini era statisticamente significativa esposto e non esposto, quando la madre era il fumatore.

Damián Montero

Video: Tratamiento natural de la Hipertensión, por Adolfo Pérez Agustí


Articoli Interessanti

Petecchie, macchie rosse sulla pelle

Petecchie, macchie rosse sulla pelle

Le petecchie sono piccole lesioni cutanee che si verificano a seguito di spargimenti di sangue quando si rompe un capillare. Quando questi minuscoli vasi sanguigni superficiali si rompono, una...

Come prevenire l'asma dalla gravidanza

Come prevenire l'asma dalla gravidanza

I rischi del bambino che sviluppa allergie durante l'infanzia sono il risultato di certe abitudini che si verificano durante la gravidanza come il fumo, lo stress o una dieta povera. Attualmente, il...