Il ricordo della sua vita: una conseguenza naturale della morte

La grande fabbrica di cartoni animati Disney Pixar ha portato ai nostri schermi un film su morte dovrebbe essere essenziale per i bambini, gli adolescenti, i giovani, i genitori e i nonni in tutte le case: noce di cocco. Ambientato in Messico, permette di "attraversare lo stagno" una tradizione profondamente radicata nella sua cultura, il ricordo dei morti.

Mentre da questa parte del mondo lasciamo che Halloween sia la versione più complicata del party che si impossessa delle celebrazioni di Tutti i Santi, il significato originale di questa tradizione svanisce a poco a poco in una specie di corsa per sfuggire alla morte Colpisce il modo in cui la società di oggi non ha paura dei bambini e degli adolescenti che si avvicinano a distopie come fantasmi, spiriti o zombi e, tuttavia, li allontana deliberatamente da realtà come la malattia, la disabilità o la morte.


Ma nel nostro compito di genitori, entrambi morte come i processi che lo portano dovrebbero essere parte dell'educazione che vogliamo dare ai nostri figli perché non riflettere su questa realtà porta solo a rubare la possibilità di affrontarlo nel modo giusto.

Ciò che non è contato, non esiste

Molti genitori sostengono che è meglio per i bambini vivere felici e non ascoltare il dolore e la morte. Alla fine della giornata, prima o poi finiranno per trovare questa realtà. Non sentono il bisogno di anticipare questo momento. Tuttavia, dicendo loro che esistono con un linguaggio e immagini appropriate all'età di ogni bambino, favoriranno sempre la loro crescita personale. Solo se sei consapevole di questa realtà puoi comprenderne la portata.


Nelle generazioni precedenti, bambini e adolescenti hanno sentito la malattia e la morte fin dall'infanzia. C'erano alti tassi di mortalità precoce e famiglie allargate condividevano le case o risiedevano molto vicino in modo che i nipoti vivessero con i nonni con cui condividevano la loro malattia e li accompagnavano da vicino nel transito fino alla morte. Oggi non è così comune che situazioni simili accadano intorno a loro, e se succedono, molte famiglie le nascondono per cercare di evitare di soffrire i bambini.

ma Gli psicologi si impegnano a permettere a bambini e adolescenti di partecipare a queste situazioni in modo che li interiorizzino e imparino a gestire le emozioni che li producono. Altrimenti, corriamo il rischio di raggiungere la giovinezza o l'età adulta senza questa capacità sviluppata e affrontiamo il dolore da una risposta che non è molto riflessiva, contrassegnata in eccesso dall'emozione.


Approccio positivo

La questione centrale della prospettiva con cui affrontiamo il dolore e la sofferenza per cercare di trasferirla ai nostri figli ha a che fare con l'approccio che diamo. Come spiega María José Calvo, medico di famiglia, l'ottimismo è la chiave per trasferire realtà che possono generare emozioni e sentimenti negativi. Per esempio, pensiamo ai processi di deterioramento fisico e cognitivo che una persona anziana può soffrire. La società, basata sul pragmatismo produttivo dell'economia di mercato, tende ad etichettare queste situazioni come negative.

Tuttavia, la famiglia può trasmettere sensazioni molto positive sul dolore e sulla sofferenza, sia rispetto alla persona che ne soffre che a chi se ne prende cura. I bambini ricevono un messaggio di dedizione, generosità e affetto che è molto prezioso per la loro educazione nelle virtù.

Meno Halloween e più ricordi

È possibile che nel tuo caso combatta contro l'afflusso di Halloween e dei loro bizzarri costumi, contro la valanga di dolci e l'attrazione di tutto ciò che suona americano, è quasi impossibile. Ma i genitori possono rendere la virtù una necessità e approfittare di questa modalità di celebrazione, un misto di origini religiose con tradizioni pagane, per aggiungere ciò che è veramente importante in questi giorni: ricorda quelli che non lo sono.

recuperare la tradizione della celebrazione del 1 novembre, il giorno di tutti i Santi, è un'opportunità per aiutare i nostri figli a crescere. Non solo perché è un'opportunità per parlare di morte a seconda dell'età e della capacità di ogni bambino, ma soprattutto perché permette di mantenere un sentimento di appartenenza alla famiglia, l'affetto per chi non lo è e il riconoscimento della vita quotidiana delle persone che hanno lasciato il segno su di noi.

Alicia Gadea

Video: Quando la morte muore - 2018 - reportage antropologico (sub eng/spa)


Articoli Interessanti

Adolescenti, perché non parliamo la stessa lingua?

Adolescenti, perché non parliamo la stessa lingua?

La stessa cosa succede a tutti i genitori: non appena i nostri figli salgono sul palco adolescente, la comunicazione, prima semplice e fluida, diventa ora un compito molto complicato. Cosa succede,...

Emozioni dall'utero

Emozioni dall'utero

Durante i 9 mesi di gravidanza, vengono effettuati controlli regolari sia sulla donna incinta che sul bambino, ma lo stato emotivo della madre è preso in considerazione? Non solo alcol, tabacco e...

Recupera il Natale

Recupera il Natale

Di Mercedes Honrubia. Direttore dell'Istituto Coincidir. si avvicina Natalele strade sono piene di luci, i canti inondano i centri commerciali, le piazze, le case, le persone escono e pensano solo...