Perché impariamo per imitazione

il imitazione È il modo più comune per imparare per i bambini, soprattutto quando sono piccoli. I genitori sono il suo modello di riferimento e sono attenti a tutto ciò che facciamo e dicono di fare lo stesso. Grazie all'imitazione, i bambini imparano il vocabolario, scoprono come eseguire le routine quotidiane e interpretano i gesti che facciamo per sapere ciò che proviamo, le emozioni.

Diversi anni fa, due gruppi scientifici che cercavano le radici dell'empatia - una parte fondamentale della natura umana che consente alla maggior parte delle persone di interessarsi agli altri - hanno trovato le regioni del cervello che supportano il imparare per imitazione.


Gli studi, condotti da un team francese e uno statunitense, con la partecipazione di neuroscienziati specializzati nell'area cognitiva sociale, hanno portato all'identificazione di una rete di regioni cerebrali che supportano l'imitazione umana e che consentono a una persona distinguersi dagli altri.

Secondo questi scienziati, il bambino non impara a imitare. Fa parte della nostra natura biologica, cioè, siamo nati per imitare. L'empatia ha radici nei primi anni di vita e può essere collegata all'imitazione.

Come migliorare l'apprendimento imitando i bambini

Sappiamo che i bambini imitano molto presto nella vita. Dal tempo di Aristotele avevamo già l'idea di apprendere per imitazione, e in seguito le scoperte hanno dimostrato che i bambini non replicano immediatamente ciò che vedono, ma osservano tutto con grande attenzione. Quindi l'imitazione sta diventando un buon modo di apprendere che acquista sempre più importanza con la crescita e lo sviluppo dei bambini.


Per promuovere l'apprendimento imitando i tuoi figli, puoi attuare queste idee:

- Riempi qualsiasi stimolo di amore e attenzione per il bambino. I migliori piani di apprendimento sono inutili se ti mancano i due ingredienti più importanti per rafforzare la tua sicurezza: amore e attenzione.

- Propone di leggere, cantare o parlare con ogni bambino ogni giorno. All'arrivo da scuola, a merenda, prima di andare a letto ...

- Rispondi sempre alle domande dei tuoi figli. Alcuni saranno più semplici e altri più complicati, ma pensate che, se lo fanno, è perché sono interessati alla risposta o perché vogliono attirare la vostra attenzione.

- Dagli l'opportunità di correre, saltare, ballare, dipingere, tagliare ... Le abilità motorie fini e grossolane sono importanti fonti di stimoli.

- Permetti al tuo bambino di prendere alcune decisioni e assumerne le conseguenze per quanto piccolo possa essere.


- Approfitta delle situazioni della vita quotidiana per trasformarli in una fonte inesauribile di stimolazione. Con pazienza e buon umore, fare il bucato con il piccolo può essere il momento ideale per classificare gli abiti con colori, trame, dimensioni e persino odori!

- Pensa a un piano settimanale in cui ogni giorno offri stimoli per sviluppare ciascuno dei tuoi cinque sensi: vista, udito, tatto, olfatto e gusto. Il sabato e la domenica, ripasso. Il senso del gusto è solitamente meno stimolato a queste età. Se cambierai intenzionalmente il menu frequentemente, conseguirai un duplice obiettivo: stimolare i tuoi figli attraverso il gusto e educare la loro forza e volontà a imparare a mangiare tutto. Un ultimo consiglio: non vale la pena mascherare tutto con salsa di pomodoro o maionese; avremmo perso entrambi gli obiettivi.

Marisol Nuevo Espín
consiglio: José Antonio Alcázar. Consulente di educazione

Video: IMITAZIONI DI ACCENTI/VOCI DIVERSI!


Articoli Interessanti

Bullismo: chi punisce la legge?

Bullismo: chi punisce la legge?

Il suicidio di Diego, un ragazzo di undici anni, precipitato da una finestra in una scuola di Madrid, riapre il dibattito sociale sull'efficacia delle misure contro il bullismo. Attualmente, 1 su 4...