Mettersi a studiare, questione dell'intelligenza emotiva

Andando a studiare È un obbligo per i bambini che richiede molta volontà di voler imparare. Per ottenere ciò, è essenziale educare all'intelligenza emotiva. La regolazione delle emozioni è il punto di partenza per infondere aspetti importanti come motivazione, fiducia, autonomia, spirito di auto-miglioramento e responsabilità. Queste sono le migliori basi per il successo, e non solo di natura scolastica, ma per un futuro professionale e personale.

Analizzando gli obiettivi stabiliti dal nostro sistema educativo - o anche noi stessi come genitori quando si tratta di trovare la migliore scuola - non smettiamo di prendere in considerazione tutti gli aspetti accademici: il bilinguismo, il voto medio per entrare nell'università, ecc. ... potremmo dire che esiste una certa ossessione sociale con i risultati e non tanto a causa di quel delicato processo che questi anni importanti contengono.


Molti bambini hanno richieste accademiche eccessive in cui devono raggiungere alcuni obiettivi attraverso lo studio, ma non hanno gli strumenti per raggiungerlo. a studiare per volontà propriasenza dover chiedere molte volte, non dovresti solo occuparti del contenuto di ciò che vogliamo che nostro figlio apprenda, ma anche di come lo presentiamo a loro.

Idee per applicare l'intelligenza emotiva a mio figlio / a mia figlia

Queste sono alcune idee che possono aiutarci a integrare l'intelligenza emotiva nell'apprendimento:

1. Non concentrarsi sulle note: devi prenderti cura del processo e non tanto del risultato. Se sappiamo che un bambino sta investendo uno sforzo, ciascuno al suo livello, nel raggiungimento di un obiettivo, e quindi il risultato non è aggiustato, dobbiamo sempre riconoscere che il lavoro svolto.


2. Non gratificante con il materiale: Un dono fisico non è il modo migliore per motivare lo studio, poiché qualcosa di materiale non cessa di essere effimero e con un valore limitato. Un'alternativa è riconoscere personalmente il grande sforzo che hai fatto, inclusa la ricerca di un giorno per essere in grado di darti quel premio, fare un piano speciale con la tua famiglia o con uno dei genitori.

3. Impara dai fallimenti: la punizione per la suspense è molto allettante ma non costruttiva. Deve essere analizzato il motivo per cui è successo: mancanza di studio, difficoltà nell'esecuzione dell'esame, scarsa organizzazione, scarsa comprensione dell'argomento * Dov'è il fallimento? Come possiamo risolverlo? Cosa dobbiamo imparare?

4. Dai loro gli strumenti e non fare il lavoro: Nello studio è molto importante che i bambini imparino a organizzarsi. Invece di prendere personalmente la tua agenda scolastica, è meglio insegnare loro come possono farlo. In questo modo, dopo le indicazioni, possiamo accompagnarvi all'inizio a rivedere come stanno facendo e dare possibili correzioni e miglioramenti. Una volta automatizzati e appresi, devono farlo da soli.


5. Educare in responsabilità: è lo studio il più grande obbligo che i bambini hanno e per instillare il desiderio e il dovere di portarlo avanti è molto utile educarli dal piccolo alla responsabilità. Da casa può essere fatto con piccoli compiti domestici, che solo loro sono responsabili, in modo tale che se non lo fanno, nessun altro lo farà per loro. È importante rafforzare questo ruolo che hanno in casa e grazie a loro rimane quel compito.

Perciò, viziamo il meraviglioso processo che sta imparando a tirare fuori il meglio dai nostri figli e insegnare loro a sviluppare quelle abilità così necessarie per il loro futuro, che danno loro le basi della loro personalità. Prendendo cura del processo, i risultati arrivano; innaffiando la pianta, ottieni un bel frutto.

Belén de Toro Mingo. Neuropsicologo Infantojuvenil de Psicólogos Pozuelo

Video: Autoestima, pareja y misión: Consulta tus dudas a Covadonga Pérez Lozana


Articoli Interessanti

Bullismo: chi punisce la legge?

Bullismo: chi punisce la legge?

Il suicidio di Diego, un ragazzo di undici anni, precipitato da una finestra in una scuola di Madrid, riapre il dibattito sociale sull'efficacia delle misure contro il bullismo. Attualmente, 1 su 4...