Il bullismo aumenta del 20% all'anno in Spagna

Casi gravi di bullismo aumentano ogni anno in Spagna del 20% all'anno, registrando solo lo scorso anno, per un totale di 1.475 casi gravi. Questa situazione si è verificata negli ultimi anni in termini di prevenzione, formazione ed evoluzione della mediazione scolastica, come evidenziato nella Mediazione scolastica del Rapporto come metodo di risoluzione dei conflitti nelle aule preparate dall'Università Internazionale di Valencia (VIU).

In questo rapporto, preparato da Antonia Martí Aras, un professore collaboratore del Master in Psicopedagogia e un esperto di violenza adolescenziale, la necessità di utilizzare la mediazione e l'esistenza di squadre di convivenza che incoraggiano l'apprendimento e la risoluzione pacifica di violenza nelle aule. Comprendiamo la mediazione scolastica come "uno strumento che promuove la risoluzione pacifica dei conflitti all'interno delle scuole e che è regolata nel piano di coesistenza di ciascun centro", come indicato dall'esperto dell'Università Internazionale di Valencia.


In questo senso, e tenendo conto dello scopo più importante, l'autrice sottolinea che "il numero di interventi nella popolazione scolastica è aumentato in maniera significativa, mirando essenzialmente a modificare il comportamento aggressivo degli studenti e a recuperare la figura autorevole dell'insegnante". Inoltre, sottolinea che il conflitto fa parte del comportamento umano e che deriva da situazioni in cui entrano in gioco opposizione e contraddizione, sia di interessi che di bisogni, valori e desideri.

Ecco perché Antonia Martí propone alcuni modi per affrontare il conflitto: il superamento, quando c'è la volontà di superarlo, la negazione del problema, quando evita di riconoscerne l'esistenza, l'evitamento, quando conosciamo la sua esistenza ma non c'è voglia di farcela, l'alloggio, quando riconosciamo l'esistenza del problema ma non c'è volontà di rispondere ad esso, risolvendo il problema e adattandoci ad esso, e infine, aggressività, quando c'è una risposta violenta per combattere il problema.


Per questo, ci sono modi per affrontarlo e diverse possibilità che consentiranno la costruzione di opportunità per la crescita e il cambiamento personale ", parleremo di negoziazione quando le persone coinvolte nel conflitto sono in grado di dialogare per raggiungere un accordo", dice l'esperto. Un altro modo di gestire il conflitto è attraverso l'arbitrato, cioè "affidando la ricerca di soluzioni a terzi, chiamato un conciliatore che offre proposte di risoluzione", ha detto il professore all'Università Internazionale di Valencia.

Infine, la situazione attuale indica che la mediazione scolastica non ha spazio senza una formazione specifica che consente ai mediatori nello sviluppo di un corretto processo di risoluzione e l'uso di linee guida specifiche da seguire al suo interno e i cui obiettivi finali da perseguire sono essere diretto a gestire il conflitto in modo positivo e creativo, promuovere un clima di dialogo, tolleranza e cooperazione nella comunità scolastica, prevenire la cronologia dei problemi e la comparsa della violenza. Nonostante negli anni '90 i programmi di mediazione scolastica iniziassero ad essere implementati in alcune comunità autonome, i dati non sono molto incoraggianti in quanto in comunità come l'Andalusia, solo la mediazione è stata utilizzata in meno del 2% dei comportamenti contrari alle la convivenza.


PROFILO DELLE VINCITE PIÙ PICCOLE DEI GIOVANI

Alcuni studi identificano una serie di caratteristiche psicologiche o atteggiamenti e comportamenti comuni alle vittime del bullismo. Ma, sfortunatamente, qualsiasi studente può diventare il bersaglio della beffa di un gruppo di aggressori, spesso per nessun'altra ragione che una pura casualità. Tuttavia, ci sono alcuni fattori che moltiplicano le possibilità di subire molestie, come ad esempio, soffrono di disabilità fisiche o mentali, hanno qualche tipo di disturbo dell'apprendimento, specialmente problemi legati al linguaggio orale perché sono molto ovvi e facilmente presi in giro, hanno subito bullismo prima o appartengono a un gruppo di orientamento sessuale etnico, religioso, culturale o minoritario.

Inoltre, una volta iniziata la molestia, avere una personalità introversa o riservata o una cattiva comunicazione con i genitori o gli insegnanti rende difficile ai bambini segnalare situazioni in tempo, con il conseguente pericolo che le molestie andranno oltre, aggravando le sue conseguenze e complicando la sua risoluzione.

Video: Aprende a quererte; Descubre tus dones, por Diana López Iriarte


Articoli Interessanti

L'inserimento lavorativo: l'ascesa sociale dei giovani

L'inserimento lavorativo: l'ascesa sociale dei giovani

La crisi economica iniziata nel 2007-2008 e che attualmente si sta ritirando ha avuto un impatto piuttosto negativo sulla popolazione giovane, anche se prima di iniziare questa crisi, i giovani erano...

Pregorexia: la paura di ingrassare in gravidanza

Pregorexia: la paura di ingrassare in gravidanza

Restare magri durante la gravidanza è un'ossessione che colpisce sempre più donne, sebbene vada direttamente contro le leggi della natura. L'aumento di peso in gravidanza è necessario per la buona...