6 consigli per dosare la tecnologia con il ritorno a scuola

La tecnologia è diventata uno strumento essenziale nella nostra vita quotidiana e in quella dei nostri figli. Ma abusarne può essere dannoso. Per questo ti offriamo sei pratiche che puoi adottare affinché i tuoi figli possano misurare il loro utilizzo dei media digitali e aumentare il rendimento scolastico in questo ritorno a scuola.

C'è un ritorno a scuola e molti genitori si trovano nella difficile posizione di determinare se l'uso della tecnologia da parte dei bambini sia più dannoso che vantaggioso, o viceversa. Indubbiamente, la tecnologia è fondamentale per migliorare l'apprendimento dei bambini e le capacità intellettuali, ma l'abuso di dispositivi elettronici ha i suoi rischi.


Per trovare un equilibrio salutare nell'uso della tecnologia è necessario comprendere gli effetti che l'uso di dispositivi elettronici ha sul nostro sistema nervoso e su quello dei nostri figli. Il Dr. Manuel Antonio Fernández, specialista in Neurologia Pediatrica, spiega che "essere gratificanti, immediati e ripetitivi, la tecnologia genera un effetto insaziabile sui bambini, qualcosa che influisce sul rendimento scolastico".

La criptonite del più piccolo

L'uso di nuove tecnologie da parte dei bambini può produrre cambiamenti nella struttura e nel funzionamento del cervello. I nuovi dispositivi hanno una serie di funzioni che stimolano il nostro sistema di ricompensa a livello cerebrale. "Come ?, Dandogli quello che chiede e rendendolo insaziabile", dice il dottor Fernandez. Questi sono i tre tipi di risposta che le tecnologie generano nel nostro sistema nervoso:


1. Ricompensa gratificante. Il numero di opzioni, la loro onnipresenza e il facile accesso a media come cellulari, computer e tablet fanno sì che i bambini e i giovani abbiano una risposta alla loro volontà senza il bisogno di sforzi.

2. Risposta immediata. I dispositivi elettronici sono immediati, quindi stimolano in modo intenso e diretto il nostro meccanismo di ricompensa cerebrale.

3. Risposta ripetitiva o illimitata. È quello che produce la maggiore dipendenza. I contenuti delle applicazioni e del web sono illimitati e possono essere ripetuti tutte le volte che vogliamo.

Pratiche per aumentare le prestazioni accademiche

L'iperfocalizzazione e la dipendenza dai dispositivi limita la nostra capacità di attenzione, che influenza direttamente l'apprendimento e lo studio. "Non si tratta di relegare il ruolo dell'elettronica a un livello secondario, ma il" dosaggio "della tecnologia non dovrebbe essere una misura temporanea o eccezionale, l'obiettivo è che i bambini imparino a gestirlo e gli diano il giusto uso", dice il Dott. Fernández.


Queste sono sei pratiche che aiuteranno i tuoi figli a migliorare le loro prestazioni accademiche:

1. Se studi, la tecnologia è fuori dalla portata. Interruzioni e distrazioni causate dal cellulare, ad esempio, producono un calo delle prestazioni.

2. Ridurre al minimo e relativizzare la sensazione di perdita. Lasciando da parte la tecnologia, un senso di perdita e ansia può verificarsi nei giovani. Per correggere questo, è necessario che, come genitori, parliamo razionalmente del soggetto con i nostri figli, educando così la loro intelligenza emotiva.

3. Momenti per tutto e ognuno per il proprio. Impostare orari specifici è un buon modo per educare i bambini all'uso della tecnologia. Dovendo adempiere ai loro doveri, ad esempio, prima di usare il Tablet, faranno provare loro lo sforzo e la ricompensa di aver fatto tutto.

4. Incoraggia lo sforzo come una risposta gratificante. "Si basa sulla spiegazione ai bambini dell'importanza che, come genitore, viene dato allo sforzo sui risultati, ad esempio, valutando il tempo dedicato allo studio sui risultati e premiando il primo rispetto al secondo", spiega Dr. Fernandez.

5. Sviluppo della tolleranza in attesa. Una buona idea per questo è stabilire un programma di ricompensa con punti, che possono poi essere scambiati con dei bonus. Pertanto, la risposta positiva viene ritardata in cambio delle aspettative di raggiungerli, migliorando lo sforzo.

6. E se usi la tecnologia, meglio condivisa. L'uso sociale della tecnologia ha ripercussioni meno negative rispetto all'individuo.

Isabel López Vásquez
consiglio:Dr. Manuel Antonio Fernández, Specialista in Neurologia Pediatrica dei TopDoctors.

Video: My First Time Trying Magic Mushrooms (Trip Report) (Psilocybin Cubensis)


Articoli Interessanti

Bullismo: chi punisce la legge?

Bullismo: chi punisce la legge?

Il suicidio di Diego, un ragazzo di undici anni, precipitato da una finestra in una scuola di Madrid, riapre il dibattito sociale sull'efficacia delle misure contro il bullismo. Attualmente, 1 su 4...