I benefici della coesistenza intergenerazionale

Il concetto di famiglia è molto più ampio di quello di padre, madre o fratelli. Anche i nonni fanno parte di questi nuclei. Questa cifra facilita aspetti come la conciliazione e aiuta anche i neo-genitori ad avere una base su cui basare l'educazione dei loro figli. prole, allo stesso tempo che vengono presentati come un buon riferimento per il più piccolo della casa.

A volte i nonni fanno anche parte di questa casa e vivono quotidianamente con i loro figli e nipoti. Anche se, come in ogni relazione, possono sorgere attriti nel modo di focalizzare questo giorno per giorno. Tuttavia, il famiglia multigenerazionale Ha diversi vantaggi che sono condivisi tra tutti i membri di questa unità domestica e che dovrebbero essere sfruttati al massimo.


Ristrutturazione della popolazione

Perché ha importanza famiglia multigenerazionale negli ultimi tempi? La risposta sta nell'invecchiamento della popolazione in Europa e nella maggior parte dei paesi del primo mondo. I progressi della medicina hanno fatto crescere l'aspettativa di vita e la presenza dei nonni nella vita dei figli e dei nipoti per durare più a lungo.

Ciò rende necessario trovare un posto per i nonni all'interno della famiglia. Una sistemazione che dovrebbe vantaggio entrambe le generazioni più giovani presenti in casa e nelle generazioni più anziane. Quindi, il primo beneficio delle famiglie multigenerazionali, gli anziani non sono soli e in questo modo viene evitato uno dei maggiori problemi in questo settore della popolazione.


Come indicato in una pubblicazione congiunta del Università di Murcia e l'Istituto di ricerca universitario, sia le vecchie generazioni che le giovani generazioni possono condividere i loro interessi e bisogni in modo da creare una simbiosi tra entrambi i punti:

Bisogno degli anziani:

- Educare e crescere come facevano ai loro tempi con i propri figli.

- Insegna tutto ciò che ha imparato e trasmetti i loro costumi e valori.

- Trasmetti la tua eredità alla tua famiglia (nipoti in questo caso).

Bisogno di genitori:

- Riconciliazione, una persona che può prendersi cura dei propri figli quando sono al lavoro e che genera sufficiente fiducia per mantenere la calma.

- Presenza dei propri genitori e rafforzare ulteriormente il legame che hanno sviluppato in passato.


Bisogno del più piccolo:

- Ricevi cure eccellenti da qualcuno di cui ti fidi e condividi lo stile genitoriale che i genitori vogliono implementare.

- Un modello positivo da cercare, anche quando i genitori non sono presenti a casa.

- Sapere da dove viene e conoscere il suo passato.

Benefici delle famiglie intergenerazionali

In risposta ai bisogni che ciascuno dei membri delle famiglie intergenerazionali può avere e al modo in cui questi requisiti possono essere integrati con quelli del resto, i seguenti benefici possono essere derivati ​​da questo coesistenza:

- Migliora l'autostima delle persone anziane facendole sentire di nuovo amate e lascia da parte la solitudine che affligge questo settore della popolazione.

- Aumenta la tua vitalità e il tuo desiderio di vivere e scommetti su un nuovo stile più attivo dopo aver catturato l'energia del più giovane.

- Continuano ad imparare dalle nuove generazioni, essendo in grado di conoscere meglio i cambiamenti avvenuti nel mondo in cui sono integrati.

- I giovani cambiano la loro percezione nei confronti degli anziani, ci vedono già come persone lontane da quelli che non riescono a capire.

- Estendono la loro rete di supporto in tempi difficili.

- Le nuove generazioni conoscono nuovi valori e altri modi di vedere la vita.

- Qualcuno con totale fiducia rimane responsabile del più piccolo della casa.

Damián Montero

Video: Il rapporto tra il procedimento prefallimentare e la procedura concorsuale di concordato preventivo


Articoli Interessanti

Bullismo: chi punisce la legge?

Bullismo: chi punisce la legge?

Il suicidio di Diego, un ragazzo di undici anni, precipitato da una finestra in una scuola di Madrid, riapre il dibattito sociale sull'efficacia delle misure contro il bullismo. Attualmente, 1 su 4...