Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa succede? Siamo in grado di chiedi perdono, da dì "Mi dispiace"? Lasciamo che il risentimento ci blocchi? Forse è nella giovinezza quando è più importante imparare a perdonare.

Dalla frustrazione alla liberazione

Proprio come il risentimento appartiene all'area affettiva, il perdono è inquadrato nell'area della volontà, cioè in un'area più elevata. Ogni volta che perdoniamo, scegliamo di cancellare il debito morale che l'altro ha contratto con le sue azioni, cioè lo liberiamo come debitore.E 'naturale che dopo l'offesa, in qualsiasi persona, le tendenze emotive negative siano automaticamente innescate: fa parte di natura umana


Ma quando non perdoniamo un deficit di libertà è stabilito, perché ci sono una serie di legami che ci costringono ad essere bloccati, legati, frustrati, ma l'uomo è uno spirito incarnato e se questa dimensione spirituale è lasciata sorgere, allora si verifica una svolta, il passaggio liberatore dalla schiavitù alla libertà, dalla frustrazione alla liberazione, dall'amarezza alla felicità, dalla stagnazione alla progressione.

Caratteristiche del perdono

Questi sono i requisiti per il perdono per essere vero.

IMMEDIATEZZA. Prima che il risentimento diminuisca. Quanto più a lungo è concesso, tanto più difficile è il perdono, perché il danno è radicato e non vuole andarsene, intende corroderci.


INTEREZZA. Devi perdonare senza riserve, tutto, anche l'apparentemente imperdonabile. Se lasciamo qualcosa di spietato, significa che non esiste una vera intenzione di pace o libertà. In tal caso, è possibile che stiamo ingannando noi stessi e la nostra coscienza.

RIPETUTA. Sempre. Sarà difficile, troveremo molte difficoltà: stanchezza, pensando che ci stanno ridendo (ancora la tentazione dell'orgoglio ferito), credendo che sembreremo ingenui ... Questo atteggiamento, più che ingenuità, è sagacia perché è una questione di progetto a lungo termine e il trionfo è sempre per chi agisce correttamente, con uno sguardo al futuro, con una visione a lungo termine. Per perdonare ripetutamente a vari insulti o ad uno e nel tempo, è necessaria la forza.

REALISTICO. Il perdonare non è ingenuità. Devi sapere come guardare il reato come quello che è. La realtà è vista di fronte, non tangenzialmente. Questo realismo comporta, in primo luogo, la considerazione delle possibili circostanze estenuanti o attenuanti. Più tardi, per odiare il danno, il male, l'ingiusto, ma sempre con la commiserazione verso l'aggressore. "Odia il crimine e simpatizza con il delinquente", si diceva una volta.


UMILE. Condizione essenziale per perdonare. L'orgoglioso non perdona davvero e se lo fa, il suo perdono è difficilmente autentico e profondo.

ACCOGLIENTE. Dobbiamo essere pronti a cercare una "uscita aggraziata" che ha offeso. Oltre a perdonare, è necessario aiutarlo a rettificare il suo comportamento in modo che non lo ripeta più e, forse anche, in quel modo e grazie alla testimonianza serve a canalizzare altri atteggiamenti inappropriati. Questo modo accogliente potrebbe comportare la modifica di alcune delle nostre disposizioni e comportamenti poiché, in quanti reati abbiamo ricevuto, non abbiamo avuto parte nella provocazione dell'altro?

La cosa buona di chiedere perdono

I benefici di chiedere perdono sono molteplici, ma il più grande di tutti è la pace interiore che si ottiene. Molti disturbi, delusioni e stati depressivi hanno origine dal risentimento. Ed è logico, dal momento che le ferite non guarite dell'anima sono spesso più dolorose e complicate della maggior parte delle ferite corporali, ecco perché chiedere perdono e sapere come perdonare ha così tanti benefici.

Perdona noi stessi

Il senso di colpa e il perdono sono intimamente legati. Chiunque abbia consapevolezza delle proprie azioni viene colto (e deve essere colto) da un senso di colpa dopo certi pensieri, atteggiamenti o azioni inappropriate. Proprio come la vita con il risentimento è difficile, con un senso di colpa è anche difficile andare avanti. Il senso di colpa è legato al non permettere a noi stessi di essere perdonati, non ammettere che possiamo essere perdonati. Denota una certa dose di orgoglio e una paura profonda e ineffabile di essere autenticamente liberi.

La soluzione è semplice. Proprio come devi dissolvere il risentimento, attraverso il perdono all'altro, devi risolvere il senso di colpa, ammettere il perdono che ci dai e sapere come perdonare noi stessi. Altrimenti, arriveremmo ad una coscienza tormentata o ad una coscienza confortevole o negligente. La vera soluzione al senso di colpa è il perdono, il vero pentimento prima dell'offesa provocata agli altri. È la più grande delle versioni. Vera pace, la tranquillità è raggiunta.E, ancora una volta, da questo punto di vista possiamo vedere le migliori prospettive, l'orizzonte pulito che ci consente di andare avanti e raggiungere l'obiettivo proposto.

Ignacio Iturbe

Video: Alessandra Amoroso - Fidati ancora di me (Official Video)


Articoli Interessanti

Bullismo: chi punisce la legge?

Bullismo: chi punisce la legge?

Il suicidio di Diego, un ragazzo di undici anni, precipitato da una finestra in una scuola di Madrid, riapre il dibattito sociale sull'efficacia delle misure contro il bullismo. Attualmente, 1 su 4...