Vacanze estive: consigli per evitare l'attrito con il tuo partner

Durante il vacanze estive passiamo più tempo insieme e questa unione genera anche alcuni cambiamenti nella routine quotidiana che possono influenzare la qualità delle relazioni della coppia. Di conseguenza possono sorgere attriti che danneggiano il nostro benessere emotivo e, naturalmente, anche le nostre vacanze desiderate.

Negli ultimi anni, il numero dei divorzi è aumentato considerevolmente in Spagna. I dati parlano da soli, separazioni e divorzi sono aumentati del 4,8% nei primi tre mesi del 2017, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Particolarmente significativa sembra l'alta concentrazione di casi registrati al ritorno delle vacanze estive, il 28% delle richieste di divorzio per l'intero anno sono presentate in tribunale nel mese di settembre.


Ci sono diversi motivi che possono influenzare questi dati sorprendenti: ad esempio, passare più tempo con la coppia, può dare origine a quelle tensioni che si sono accumulate durante l'anno e che testano le capacità di comunicazione o la risoluzione di conflitti.

È importante prendersi cura della relazione e affrontare i problemi giorno dopo giorno. "Lascia tutto per l'estate pensando che passare del tempo insieme allevia le tensioni, aumenterà solo la nostra sensazione di frustrazione e aggraverà sicuramente i conflitti preesistenti", afferma Rocío Asperilla, psicologo della Blua Sanitas.

Suggerimenti per evitare l'attrito con il tuo partner in vacanza

Uscire dalla routine, cambiare programma e stile di vita sembra essere un ostacolo per molte coppie che non trovano nelle vacanze estive il resto che intendevano. Per iniziare un nuovo periodo di vacanze, l'ufficio di psicologia di Blua Sanitas propone alcune linee guida per evitare l'attrito e sfruttare al massimo i giorni liberi:


1. Ascolto attivo e miglioramento della comunicazione: cerca i momenti di dialogo per parlare con sincerità e senza incolpare l'altro. L'ideale è dire quello che ti serve e non aspettare che le proposte e le soluzioni emergano da sole. Lasciare il peso sull'altra persona in modo che comprenda i nostri suggerimenti non è raccomandato. Se vuoi fare qualcosa, prova a chiederlo direttamente. Ad esempio, se un membro della coppia vuole mangiare con la famiglia o gli amici, può suggerirlo e proporlo usando espressioni come "Vorrei", "potremmo andare ...", ecc.

2. Pianificare: Avere chiari gli obblighi di ciascuno e le attività che verranno sviluppate ogni giorno può impedire molte discussioni. Possiamo usare una lista di compiti e responsabilità per ogni membro della coppia per considerare le loro faccende, anche i bambini se ci fossero, come prendere il cane, abbassare la spazzatura o riempire il deposito dell'auto ... Inoltre, seguendo una pianificazione giornaliera può aiutaci ad avere una mappa mentale degli orari e dei bisogni: questo giorno andremo a fare snorkeling, questo al cinema, ecc. Naturalmente, i piani devono essere aperti e soggetti a modifiche a seconda delle esigenze o degli interessi della coppia o della famiglia.


3. Generosità: si tratta di trovare un equilibrio tra gli interessi di tutti i membri e sapere come cedere in alcune occasioni. È così pericoloso non cedere mai, come sempre arrendersi. Questo può aiutarti a lavorare con empatia, mettendoti nei panni dell'altro per capire meglio i loro bisogni. È anche consigliabile negoziare quegli aspetti che sono più sensibili, cercando di arrivare a un risultato in cui entrambe le parti escono vincenti.

4. Indipendenza: anche se viaggi con bambini, dovremmo cercare di trovare il tempo per te stesso, per praticare i nostri hobby, per vedere i nostri amici, per bilanciare il tempo trascorso in coppia con il tempo di cui abbiamo bisogno per noi stessi ... Si consiglia di avere un momento della giornata per te, sia in estate che durante il resto dell'anno, per poter respirare, per chiedere come stai, cosa ti serve e per goderti il ​​tuo regalo. Essere con te stesso è importante, è un modo per prendersi cura di te stesso e non devi sentirti in colpa per averne bisogno.

Pablo Alarcón
consiglio:Rocío Asperilla, psicologa di Blua Sanitas

Video: Developer Keynote (Google I/O '18)


Articoli Interessanti

Bullismo: chi punisce la legge?

Bullismo: chi punisce la legge?

Il suicidio di Diego, un ragazzo di undici anni, precipitato da una finestra in una scuola di Madrid, riapre il dibattito sociale sull'efficacia delle misure contro il bullismo. Attualmente, 1 su 4...