I pediatri avvertono dei pericoli dei galleggianti del collo

Un'estate in famiglia è sinonimo di grandi ricordi. Ci sono molte attività che possono essere fatte insieme, comprese le visite alle spiagge, piscine o laghi dove si può godere una nuotata rinfrescante. Gli anziani che sanno difendersi in questo ambiente hanno la possibilità di non cadere vittime di incidenti perché non sanno nuotare, ma i più giovani devono fare uso di elementi di sicurezza.

il galleggianti Sono uno degli oggetti che più accompagna le famiglie durante i loro viaggi estivi in ​​tutte queste località. Alcuni prodotti che impediscono il rischio di immergersi in questi ambienti senza elementi di sicurezza, la prova di ciò sono i 70-150 bambini che muoiono ogni anno nell'acqua. Tuttavia, non tutti i galleggianti sono raccomandati come tali e avvertiti dall'Associazione spagnola di pediatria, AEP.


Sicurezza e supervisione

La prima cosa che i genitori dovrebbero tenere a mente è che quando i neonati oi bambini piccoli sono dentro o attorno all'acqua dovrebbero essere a portata di mano e sotto la supervisione di un adulto esperto. In modo che questo sorveglianza essere adeguati, la distanza dal bambino dovrebbe essere inferiore alla lunghezza del braccio del caregiver, vale a dire, deve essere a portata di mano.

L'uso semplice di galleggianti o i tubi gonfiabili non sono una protezione efficace. Mentre questi possono essere un elemento che consente il contatto con l'acqua per imparare a nuotare, intorno ai 4 anni. Negli ultimi tempi, i galleggianti sono stati commercializzati intorno al collo per essere usati dai bambini.


Allo stato attuale, non ci sono studi che dimostrano che l'uso di floater nel collo produce benefici nei neonati. Da un lato, l'uso di dispositivi gonfiabili Può produrre un senso di sicurezza sbagliato. La forma più sicura di bagno per i bambini è tra le braccia di un adulto e sempre soggetta e sorvegliata.

Pubblicazioni come quella realizzata da Tutor di nuoto per bambini STA Indica che l'uso di questi galleggianti che mantengono il collo in posizione verticale può essere controproducente per lo sviluppo. I bambini che sono tenuti verticalmente nell'acqua con la testa sostenuta da una struttura semirigida, specialmente i più piccoli, possono ricevere compressione del loro collo e sforzare i loro legamenti e muscoli.

Sicurezza dell'acqua

Dall'American Association of Pediatrics sono indicati i seguenti consigli di sicurezza in modo che i più piccoli possano godersi le attività nell'acqua:


- In luoghi come le spiagge, i genitori dovrebbero essere consapevoli delle onde che possono abbattere i bambini e sommergerli. Nel caso delle piscine, si dovrebbe prestare attenzione alla profondità.

- I bambini che già nuotano, anche in una pozza poco profonda per i bambini piccoli, devono sempre essere osservati da un adulto, fornendo una "supervisione dove possono afferrare" quando cadono neonati o bambini piccoli.

- Pubblicizzare le regole di sicurezza e applicarle in acqua.

- Non permettere ai bambini di usare giocattoli gonfiabili o materassi come se fossero giubbotti di salvataggio.

- Gli adulti non dovrebbero consumare bevande alcoliche quando nuotano. Rappresenta un pericolo per loro e per i bambini che potrebbero essere supervisori.

Damián Montero

Video: Hai la faccia storta?


Articoli Interessanti

Adolescenza: madri sullo sfondo

Adolescenza: madri sullo sfondo

Con l'adolescenza, avviene il baratto ruoli tra padre e madre che si stava preparando negli anni precedenti. Ora è papà che deve prendere una posizione più attiva, specialmente con i figli e mamma...

Come prevenire la congiuntivite

Come prevenire la congiuntivite

La congiuntivite è uno dei fenomeni oculari più comuni che colpisce tutta la famiglia, compresi i neonati. Anche se è molto fastidioso, nella maggior parte dei casi non è grave, ma è importante...