Convulsioni infantili febbrili: come sapere se è pericoloso

Il disturbo convulsivo più frequente durante l'infanzia è quello manifestato con convulsioni infantili febbrili. Appare nel corso di processi con febbre, molto numerosi durante i primi anni di vita. All'interno di convulsioni febbrili, si dovrebbero distinguere tre tipi: convulsioni febbrili tipiche o semplici, atipiche e concomitanti.

Quando le condizioni di a tipico attacco febbrile O semplice la previsione è eccellente. Forse il bambino potrebbe presentare un'altra crisi simile in un processo febbrile durante i mesi o gli anni a venire, anche se è probabile che non accadrà mai più. Ma non vi è alcun rischio di lesioni cerebrali e il bambino continuerà il suo sviluppo fisico e mentale con assoluta normalità. In questi casi non è necessario assumere alcun farmaco e dovrebbe essere evitato solo in futuro con forti aumenti di temperatura.


Come sapere che la convulsione febbrile è benigna?

Per essere definito come tipico o semplice, un attacco deve soddisfare tutte queste caratteristiche:

1. Appare nei bambini di età superiore a sei mesi e inferiore a cinque anni.

2. Accade nel corso di un processo febbrile quello non interessa direttamente il sistema nervoso centrale. Le più comuni sono le infezioni respiratorie - faringite, tonsillite, catarro, infezioni influenzali e gastrointestinali.

3. Che non siano trascorse più di dodici ore dall'inizio della febbre. Di solito appaiono con il primo "aumento" e anche prima che la presenza della febbre sia stata notata dai genitori.


4. Che non c'è storia di lesioni cerebrali di alcun tipo, entrambi congeniti e acquisiti dopo la nascita.

5. Non ci sarà alcuna storia familiare di convulsioni tranne, forse, le convulsioni anche febbrili in alcuni membri della famiglia perché questa malattia di solito riconosce una certa predisposizione ereditaria.

6. Il sequestro dovrebbe durare meno di quindici minuti. In genere, durano tra uno e cinque minuti, più che abbastanza tempo per i genitori di sentirsi come un'eternità.

7. I movimenti saranno generalizzati e scosse simmetriche su entrambi i lati del corpo. Possono essere accompagnati, come già accennato, di perdita di coscienza e emissione involontaria di urina e feci.

8. Quando la crisi si placa, da solo o con un intervento medico, il bambino è assolutamente normale, forse un po 'obeso ma senza alcuna difficoltà nel movimento di tutti i muscoli.


9. Dopo una settimana dopo la crisi, Un elettroencefalogramma eseguito sul paziente deve essere normale, senza segni di danno cerebrale o presenza di focolai epilettici.

Convulsioni atipiche

Si chiama convulsioni febbrili atipiche colui nel cui sviluppo manca uno dei nove punti indicati per quelli tipici, o diversi. Qui la prognosi deve essere riservata perché le probabilità di ricorrenza delle crisi sono piuttosto elevate e anche questo tipo di crisi appare in alcuni bambini che in seguito saranno epilettici essendo la prima manifestazione di questa malattia e più grave.

Questi bambini dovrebbero ricevere qualche tipo di trattamento anche se non esiste un accordo unanime circa le caratteristiche del trattamento. Per alcuni medici è preferibile mantenere il paziente in terapia continua durante gli anni in cui è prevedibile la comparsa di nuove crisi; per altri, i farmaci sarebbero necessari solo durante i periodi febbrili o nei processi in cui è prevedibile l'insorgenza della febbre.

I bambini che hanno avuto uno o più attacchi febbrili atipici devono essere controllati periodicamente dal pediatra o dal neurologo pediatrico al fine di stabilire, mediante esame clinico ed elettroencefalografico, la presenza di un segno epilettico.

Il loro sviluppo psichico è normalmente normale ed è necessario assicurarsi che il farmaco prescritto non influenzi la loro capacità di partecipare, il che è fondamentale per l'apprendimento a quell'età.

Quali sequestri sono pericolosi?

il Convulsioni concomitanti febbrili sono quelli che fanno la loro comparsa nel corso di processi infettivi febbrili che colpiscono direttamente il sistema nervoso centrale - l'infiammazione, l'encefalite-. Pertanto, hanno una maggiore gravità derivata da questa affettività cerebrale e hanno poco in comune con la vera crisi febbrile. Saranno trattati in un altro articolo insieme alle malattie che li hanno originati.

José Ignacio de Arana. Dottore in Medicina e Chirurgia. Specialista in pediatria e assistenza all'infanzia

Video: Cosa fare se il bambino ha le convulsioni


Articoli Interessanti

Petecchie, macchie rosse sulla pelle

Petecchie, macchie rosse sulla pelle

Le petecchie sono piccole lesioni cutanee che si verificano a seguito di spargimenti di sangue quando si rompe un capillare. Quando questi minuscoli vasi sanguigni superficiali si rompono, una...

Come prevenire l'asma dalla gravidanza

Come prevenire l'asma dalla gravidanza

I rischi del bambino che sviluppa allergie durante l'infanzia sono il risultato di certe abitudini che si verificano durante la gravidanza come il fumo, lo stress o una dieta povera. Attualmente, il...