Educare nei sentimenti

Di Javier Urra Psicologa e prima fanciullezza

Siamo formati nell'apprendimento della conoscenza, ma in che altro è necessario educare? "La conoscenza inizia con la sensibilità" (Eliot). È necessario educare nei sentimenti, nell'apprezzamento della loro ricchezza, nel saper esprimere i propri, nel comprendere e comprendere quelli degli altri. Imparare a condurre la propria vita e gestire le relazioni mantenute con gli altri.

I bambini dovrebbero sapere come rivolgersi agli altri per consultare o negare le loro richieste. Esprimere emozioni e bisogni, facilitare l'equilibrio psichico. L'intelligenza è un concetto globale, cognitivo e affettivo. ¿Quante persone vediamo che sono eccezionali professionalmente, ma emotivamente squilibrate? La tua vita fallisce.


La socializzazione è il processo attraverso il quale la personalità individuale nasce e si sviluppa. La socializzazione implica immersione nella cultura, controllo degli impulsi, esperienza di sé, sviluppo dell'affettività e motivazione del conseguimento. Deve facilitare una "competenza comunicativa" e una "convivenza".

L'atteggiamento e la filosofia devono essere: conosci te stesso e mettiti nei panni dell'altro, cioè, approfondire l'introspezione e la socializzazione. Alla fine, siamo ciò che l'educazione ricevuta e la successiva auto-educazione ci ha fatto, riflettiamo su quale specchio, amore o malvagità ci siano stati posti.

Il buon carattere del bambino, i suoi atteggiamenti positivi, il loro autocontrollo dipenderanno dal clima favorevole in casa, dalla corretta modellizzazione, dall'uso equilibrato del controllo e dall'autonomia del comportamento di coloro che stanno imparando il significato di accettare le conseguenze del loro agisce, di formare consapevolezza di ciò che è buono e di ciò che è inaccettabile.


Il bambino sarà pronto a interagire con il proprio ambiente. Dovrà essere dotato di un buon giudizio morale. L'empatia è essenziale, la capacità di mettersi nei panni di un'altra persona, di come ci si sente, di come si percepisce. L'empatia richiede riflessione, sensibilità e riduce (o elimina) la possibilità di risposte violente.

C'è quello insegnare ad avere amici sani e duraturi; educare alla gentilezza, nell'altruismo, nel tu; promuovere la solidarietà.

Come ci comportiamo? Bene, secondo quello che vediamo, secondo la nostra autostima. Dobbiamo avere fiducia in noi stessi, dobbiamo amare noi stessi, il concetto di sé positivo è correlato favorevolmente con il comportamento di aiuto, quindi, dobbiamo promuovere nei bambini un'immagine positiva di se stessi basata sulla realtà della loro vita. L'autostima è come un antidoto, che ci protegge dai problemi psicologici.

Ognuno deve impara l'autocontrollo, essere sereni, ragionare oggettivamente, dialogare, essere equilibrati. Ammetti che i problemi, le frustrazioni, fanno parte della nostra vita. Sii onesto con te stesso e con gli altri. Conoscere il positivo e il negativo di se stessi, i limiti. Sviluppa un senso dell'umorismo, autocritica. Datti un obiettivo, un obiettivo.


Assumersi la responsabilità delle sue conseguenze

Ai bambini viene ripetutamente detto cosa dovrebbero o non dovrebbero fare (anche dire o tacere), ma è essenziale che sappiano come gestire i loro pensieri, perché condizionano le emozioni e le sensazioni.

Nel caso dei bambini, devono essere educati nella tolleranza delle frustrazioni e nella capacità di rinviare le gratificazioni. A volte il bambino viene educato a essere intellettualmente e formalmente capace, ma dimentica di insegnare a rispondere ai problemi emotivi.
Il bambino deve essere educato per essere migliore, non il migliore.

Video: Umberto Galimberti - Le emozioni e i sentimenti


Articoli Interessanti

Postpartum come tempo per la crescita personale

Postpartum come tempo per la crescita personale

La maternità cambia la vita delle donne. Non solo perché un altro membro torna a casa e le spese crescono, anche l'interno delle madri è alterato e in effetti questo stadio può essere tradotto in un...

Come spiegare la Settimana Santa ai bambini

Come spiegare la Settimana Santa ai bambini

Le celebrazioni liturgiche e le processioni che attraversano le strade in questi giorni sono un buon momento per parlare ai nostri figli di questioni importanti. Sia che siamo credenti o meno, sia...