Educa senza urlare: se urli, urlano

La tua casa è diventata pazza? I tuoi figli stanno sempre urlando? Cosa è successo, come siamo arrivati ​​a questa situazione? Se vuoi smettere di urlare a casa, prova a farlo educare senza urlare ai tuoi figli Ricorda, se urli, urlano e la ragione è che i bambini piccoli agiscono per imitazione.

L'abitudine all'emissione della voce del bambino è segnata nei suoi primi anni di vita da diverse cause: la fonazione utilizzata dalle persone con cui vive a casa, a scuola e, soprattutto, dalla madre. L'imitazione che il bambino fa delle persone più vicine è decisiva per il futuro di un'abitudine fonatoria. Pertanto, se i tuoi figli sono circondati da adulti urlanti, potrebbero finire anche loro a urlare.


La voce della madre

Ci sono "modelli" di relazione e convivenza che possono essere positivi per alcuni membri della famiglia e non così di successo per gli altri. Generalmente, gridare ai bambini non è mai la soluzione. Il bambino è immerso in questo contesto, che a sua volta offre "modelli" di voce: la voce della madre, del padre, dei fratelli ... Molte volte diciamo "questo bambino parla come suo padre" perché parla molto forte o urlante ...

Inoltre, nella famiglia ci sono altri stimoli come la televisione, il computer, che può essere accompagnato da violenza, rumore e modelli verbali, che portano certi valori, anche se sappiamo che questi stimoli non sono negativi (tutto dipende dall'uso e dall'abuso che è renderli).


Un altro aspetto che influenza le dinamiche proprie del bambino è la scuola, compresa la scuola materna (da 0 a 3 anni). Questo ambiente scolastico offre modelli o riferimenti verbali molto diversi quando si interagisce: rispettare o non parlare di svolte, parlare ad un'intensità appropriata o abusarne, parlare in ambienti silenziosi senza rumori di sottofondo o farlo in un ambiente molto rumoroso come al tempo del patio, della sala da pranzo, del tempo dello sport, ecc.

A casa, cosa possiamo fare per educare senza urlare?

Educare con l'esempio

- Evita le situazioni in cui il bambino deve forzare la voce.

- Non parlare con il bambino ad alta voce. È conveniente parlare con un tono medio senza alzare o abbassare la voce in modo esagerato, in modo che l'atto di gridare sia strano o qualcosa di insolito.

- Non parlare animatamente né precipitare davanti al bambino. Questo è un modello inappropriato e dannoso per la tua voce.


- Quando si dirige il bambino a farlo a una distanza prudentemente breve. Non parlarti da lontano; Il bambino è costretto a rispondere costringendo la voce a essere ascoltata.

- Assicurati che il bambino non parli troppo quando controlli di avere la voce "presa" o rauca.

- Evita giochi ad alta azione. È conveniente che il bambino trascorra più tempo in situazioni di rilassamento e tranquillità che in situazioni che causano la loro agitazione, il che potrebbe causare un uso inappropriato della voce.

Prenditi cura dell'ambiente

- Impedisce al bambino di trovarsi in ambienti eccessivamente carichi e chiuso o in cui c'è molto rumore (fumi, musica ad alto volume, ecc.).

- Non bere bevande molto fredde o molto calde. Evitare anche condimenti piccanti ai pasti; evita l'irritazione delle corde vocali

- Aumenta l'umidità nell'ambiente familiare per evitare i media asciutti e riscaldati originati in inverno dai riscaldatori e in estate, dall'aria condizionata. Prevenire cambiamenti improvvisi di temperatura.

- Fornire al bambino un sonno regolare e stabile.

- Supervisionare l'igiene orale visitare regolarmente il dentista, abituando il bambino a lavarsi i denti dopo i pasti con dentifricio al fluoro e controllare il consumo di zucchero entro i margini di una dieta equilibrata.

- Fai senza tappeti (sintetico o meno) nelle camere; mantengono un gran numero di allergeni.

Marisol Nuevo Espín

Video: Come dire No ai figli senza scatenare urla e capricci?


Articoli Interessanti

Bullismo: chi punisce la legge?

Bullismo: chi punisce la legge?

Il suicidio di Diego, un ragazzo di undici anni, precipitato da una finestra in una scuola di Madrid, riapre il dibattito sociale sull'efficacia delle misure contro il bullismo. Attualmente, 1 su 4...