Imparare a galleggiare: quando e come può iniziare il mio bambino

il il contatto con l'acqua porta molti benefici al bambino poiché migliora le sue capacità cardiorespiratorie, favorisce la sua coordinazione muscolare e sviluppa le sue capacità sensoriali e psicomotorie. Dal quinto al sesto mese, puoi fare il tuo primo tuffo in piscina.

In quale mese posso portare il mio bambino in una scuola di nuoto per imparare a nuotare, o almeno a galleggiare, per evitare incidenti sfortunati? Questa è una delle domande più frequenti che i genitori si pongono quando arriva l'estate. Si chiedono anche a che mese possono mettere in piscina senza essere colpiti dal cloro, per esempio. La prima cosa che devi sapere è che dal quinto mese, il bambino trova nell'acqua la possibilità di muoversi in modo trimidimensionale, essendo una maggiore libertà e continuità dei movimenti.


È consigliabile che dal momento in cui sei nato, inizi a lavorare con lui una serie di esercizi nella vasca da bagno. Normalmente il bambino ama l'acqua, poiché durante la gravidanza è rimasta nel liquido amniotico e, per così dire, l'acqua ha costituito la sua abitudine naturale.

È importante notare che la pratica dell'attività acquatica rafforza il cuore e i polmoni del bambino, a causa del lavoro respiratorio svolto nell'acqua che aumenta l'efficienza dell'ossigenazione e del trasferimento di sangue. Allo stesso modo, questa pratica migliora e rafforza la relazione affettiva e cognitiva tra il bambino ei suoi genitori.

Gli inizi nel nuoto del tuo bambino

Si consiglia di attendere fino a cinque o sei mesi di vita per portare il tuo piccolo in piscina, poiché a quest'età avrà sviluppato più il suo sistema immunitario e ricorderà sempre che fino a un anno e mezzo fa non acquisterà autonomia nell'acqua. La paura dell'acqua si acquisisce man mano che il bambino cresce, ma se il tuo bambino non ha avuto alcuna esperienza negativa con l'acqua durante il bagno, in linea di principio non c'è alcun problema per iniziare la tua attività acquatica in modo soddisfacente. hai deciso che impari a fluttuare in una scuola regolamentare, è altamente raccomandato che inizi con lui nella piscina all'inizio.


Prima di tutto, dovrai dare al tuo bambino, attraverso un intenso contatto fisico, un senso di sicurezza. Le tue mani devono trasmettere sicurezza perché, all'inizio, potresti mostrare qualche disagio per la nuova situazione, ma ti sentirai immediatamente a tuo agio e inizierai a dare calci.

Requisiti piscina: speciale per i bambini

È altamente raccomandato che la piscina sia coperta e riscaldata perché la temperatura dell'acqua è più coerente con la tua e, naturalmente, conforme a tutti i requisiti sanitari e igienici stabiliti. Cerca di tenere sempre il piccolo tra le braccia e portarlo al petto e parlargli tono rilassante: il tecnico o il monitor, appositamente studiato per lavorare con i bambini, spiegherà tutti i passaggi che devi dare in dettaglio, ma ricorda che il vero insegnante sarà te, dal momento che il monitor ti fornirà le linee guida e le raccomandazioni per l'azione.


Importa più che l'esperienza del tuo bambino nell'acqua è piacevole, divertiti a ottenere la flottazione, che arriverà un momento dopo per conto proprio. Non dovresti ossessionarti perché tuo figlio impara le tecniche di sopravvivenza per non affogare. Dovresti sempre stare al suo fianco e controllarlo, poiché la cosa principale è che comincia a provare piacere nell'acqua, e così imparerà a nuotare.

Se per paura o per qualsiasi altra ragione provi a fare pressione sul tuo bambino per raggiungere obiettivi a breve termine, gli effetti che otterrai saranno probabilmente l'opposto di quello che stai cercando. Inoltre, a queste età i bambini percepiscono tutto ciò che li circonda in modo molto intenso. Tieni presente che se la tua esperienza è stata molto traumatica nell'acqua, questo lascia sequel per il resto della tua vita.

Tecniche di apprendimento per far galleggiare i bambini nell'acqua

I delicati esercizi combinati con l'acqua a una temperatura confortevole rilassano il bambino, stimolando allo stesso tempo il loro appetito e facendoli mangiare e dormire meglio. In questo modo migliorerai il tuo carattere e il tuo comportamento. Le lezioni di nuoto di solito durano mezz'ora perché possono stancare il bambino più tempo. Ciò che funziona principalmente è il campo delle abilità psicomotorie in modo che il bambino si adatti all'acqua e inizi a vederlo come qualcosa di più naturale.

Per raggiungere questo obiettivo, il bambino eseguirà una serie di esercizi sempre con te, come appoggiare le gambe contro il muro della piscina e fare flessioni; con la mano sotto la schiena e tuo figlio sulla schiena rafforzerà il tuo senso di equilibrio ed eseguirà altri esercizi che sul pavimento non potranno mai esercitare. Usando una serie di materiali ausiliari, come una cintura di gomma che ti fa galleggiare e ti permette di eseguire movimenti con braccia e gambe, contribuirai a rafforzare e tonificare i muscoli.

Sviluppo psicologico e sociale

Il tuo bambino si sentirà più sicuro e si divertirà imparando a nuotare molto, a percepire che sei vicino e che tutta la tua attenzione è focalizzata su di lui. Questo, a sua volta, aumenterà il tuo senso di indipendenza e fiducia in se stessi, perché anche se non cammini ancora, puoi muoverti sull'acqua da solo.

D'altra parte, la convivenza in piscina con altri bambini ti aiuterà a relazionarti meglio, oltre a ciò imparerai a condividere e svolgere attività con altre persone, poiché il bambino acquisisce più fiducia nel comunicare e svilupparsi in un gruppo, perché sarà in permanente contatto con istruttori e altri bambini.

In acqua con il tuo bambino: consigli pratici

- Non lasciare mai il bambino da solo vicino all'acqua. Anche se i programmi di nuoto ti insegnano a muoverti, devi sempre rimanere al tuo fianco per evitare qualsiasi spavento.

- Non stabilire un certo periodo di tempo per raggiungere gli obiettivi, dato che ogni bambino ha il suo ritmo, quindi cerca di rispettare il ritmo del tuo bambino e non forzarlo mai a fare qualcosa che non vuole. Non paragonarlo con altri bambini in quanto ciò può danneggiare il suo sviluppo.

- Evitare sempre piscine di controllo igienico e sanitario dubbioso perché possono essere al centro di gravi infezioni.

- Se tuo figlio è cattivo, non dovresti fare il bagno in nessuna circostanza e non riportarlo in piscina fino a quando non è completamente recuperato.

- Nelle piscine all'aperto, ricorda che dovresti proteggerle con una crema solare alto fattore e non esporre più di un'ora e mezza al sole e acqua in periodi non più lunghi di mezz'ora.

Ricorda sempre che è molto importante trasmettere confidenza e fiducia al tuo bambino attraverso il contatto fisico. Cerca sempre di rendere la piscina divertente con giochi divertenti per renderla un'esperienza gratificante e non costringerlo a fare cose che non vuole fare.

Marisol Nuevo Espín
consiglio: D. Jesús Abiol. Direttore di BabyGim Chamartín (Madrid). Specialista del centro per l'attività acquatica dei bambini

Video: Come imparare a nuotare ( Massimiliano Bagnaia )


Articoli Interessanti

Diabete infantile: 10 consigli per vivere

Diabete infantile: 10 consigli per vivere

Negli ultimi anni, c'è stato un aumento dei casi di diabete infantile, a causa di un aumento dello stile di vita sedentario, cattive abitudini alimentari e fattori genetici e ambientali. In effetti,...

Questo è un adolescente innamorato

Questo è un adolescente innamorato

La primavera - che altera il sangue - ha trasformato la nostra ragazza adolescente in una ragazza ancora più assorbita: è più sensibile, è permanentemente in Babia, le conversazioni con i suoi amici...

Perché è difficile per noi prendere decisioni?

Perché è difficile per noi prendere decisioni?

Sei una persona indecisa? Sovrascrivi tuo figlio con più opzioni? Perché è difficile per noi prendere decisioni? Cosa succede a noi quando dobbiamo scegliere tra molte opzioni? Come risponde il...