Esami finali: terrore nelle aule

Con un volto segnato dalla mancanza di sonno e la casa piena di fotocopie, gli studenti universitari affrontano, da qui a giugno, i test finali e definitivi: il sempre esami finali estenuanti Sono vicini Alcuni optano per il caffè e la mancanza di sonno per affrontarli. Altri, tuttavia, lanceranno completamente nel tradizionale "chuleteo". Dov'è la disciplina e l'organizzazione quindi per preparare gli esami?

Studiare in modo efficace quando sei uno studente universitario e preparare correttamente gli esami finali significa saper organizzare in anticipo. Allo stesso modo, anche a questo punto la disciplina sarà fondamentale, specialmente ora che i soggetti sono infinitamente più vasti e complicati di quelli studiati durante la maturità.


Requisiti di base per superare gli esami finali

Ovviamente, aver passato circa sei mesi di assoluta vaghezza può essere un grande fardello che non tutti gli studenti possono superare ... proprio per questo, è importante che i giovani assimilino fin dal primo giorno che l'università non è la scuola e quell'organizzazione e disciplina sono essenziali.

Utilizzare i libri in modo tempestivo, prendere appunti e, soprattutto, utile, sapere come rivedere il tempo, autovalutare spesso ... saranno le chiavi per arrivare agli esami finali senza stress e nervi eccessivi.

Inoltre, è trascorso anche il tempo delle riunioni di gruppo per studiare e lavorare insieme. È vero che questo tipo di attività serve per esercitare l'espressione orale, risolvere dubbi e avviare lo spirito critico, ma è giunto il momento di concentrarsi quasi esclusivamente sui processi di sintesi e memorizzazione.


3 pilastri per preparare gli esami finali

Ma se ci sono tre pilastri su cui basare la preparazione degli esami finali sono, senza dubbio, i seguenti:

1. Sviluppo del pensiero critico e capacità di lettura. Vale a dire, durante i prossimi tre mesi, ragazzi e ragazze dovranno leggere e leggere senza fermarsi. Dipenderà da loro per estrarre la più importante di queste letture e assimilarle correttamente.

2. Trova sempre le migliori fonti di documentazione. Dobbiamo tenere presente che i professori universitari tendono ad essere più docenti che consulenti, quindi gli studenti dovranno usare i propri mezzi per completare la formazione impartita nelle aule.

3. Stabilire un buon metodo di studio che si basa, principalmente, nell'organizzazione, nella concentrazione e nell'uso del tempo. Ed è così, soprattutto da ora in poi, i minuti, le settimane e i giorni saranno essenziali se non si vuole arrivare all'estate con lo zaino pieno di suspense.


Un metodo di studio per ognuno

In ogni caso, è importante ricordare che non esiste un metodo perfetto e ugualmente valido per tutti. E, cosa ancora più importante, è inutile avere il metodo migliore se non vuoi davvero studiare, perché anche il sistema più brillante di solito fallisce se non è vestito con poche gocce di forza di volontà.

Da lì, la cosa più importante sarà impara a organizzare il materiale di lavoro, in modo che sia davvero facile trovare informazioni, trovare un appuntamento o un esercizio in pochi minuti.

Inoltre, come conta i minuti, ogni volta che arriva il momento dello studio, sarà necessario cercare di rimuovere dal tavolo di lavoro tutto ciò che potrebbe portare a distrazioni o essere un ostacolo. Sarà anche fondamentale studia sempre prima i soggetti più difficili e alla fine per quelli meno complicati.

Un trucco molto utile che dovrebbe essere preso in considerazione è non studiare uno dopo l'altro, quei soggetti che potrebbero interferire l'uno con l'altro. Vale a dire, se stiamo studiando filologia e dobbiamo affrontare gli esami finali di latino e greco, proviamo a inserire un altro soggetto diverso in modo che non c'è "trasferimento negativo" di conoscenza. In questo caso, potremmo confondere vocabolari, sintassi o costruzioni, senza andare oltre.

Allo stesso modo, per uno studente universitario è fondamentale cercare di mettere in relazione ciascuno degli studi che sta facendo. Quindi, se stiamo analizzando l'arte della rinascita, non esitate ad entrare, per esempio, sulle idee o sui pensieri filosofici di quel tempo. Questa piccola risorsa ci permetterà di guadagnare molti punti nell'esame.

Preparare gli esami finali, come faccio?

Idealmente quando si preparano gli esami finali è studiare tutti i giorni un certo numero di ore perché la routine è un grande amico di concentrazione. I primi momenti, quelli in cui è più bello, saranno dedicati esclusivamente allo studio (prima di tutto quelle materie il cui esame è più vicino, ovviamente).

Le ultime ore si concentreranno sulla revisione di ciò che è stato studiato durante i giorni precedenti. È anche importante che, man mano che lo studio progredisce, piccoli diagrammi sinottici o grafici vengano realizzati contemporaneamente. Questa semplice risorsa di solito consente di risparmiare un sacco di tempo, specialmente nelle ultime revisioni prima dell'esame. Inoltre, psicologicamente, non è la stessa cosa dover affrontare alcune pagine di schemi che mille pagine di note sfocate da tanto stress.

A che ora vado a studiare?

Le ore migliori per studiare sono solitamente le prime ore del mattino. È in questi momenti in cui la capacità di memorizzare è molto più efficace. Anche così, ci sono molti studenti che preferiscono lavorare di notte quando il silenzio è più palpabile. Ovviamente, a volte è meglio non forzare te stesso, perché se un ragazzo non riesce a concentrarsi non appena salta fuori dal letto, è più efficace scegliere quelle volte in cui si sente più predisposto a studiare.

E infine, una raccomandazione che "quasi" nessuno studente di solito esegue. La notte prima dell'esame, niente da studiare. Le prove sono sempre benvenute, ma l'abbuffarsi di centinaia di nuovi testi non solo sarà inutile, ma potrebbe anche portare a un "blocco" inaspettato. In effetti, non è raro trovare studenti universitari che si sono lasciati vuoti il ​​giorno dell'esame, non tanto per i nervi, ma per pura stanchezza fisica e mentale.

María Viejo
consiglio: Carlos Solís. Avvocato e MBA

Video: In fuga dal WI-FI


Articoli Interessanti

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

La condivisione è uno dei migliori valori che la maggior parte delle persone può imparare piccolo. Il fatto di dare agli altri l'opportunità di essere felici con ciò che si gode è qualcosa di...

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Poche situazioni impongono tanto quanto arrivare con la nostra prima figlia dall'ospedale e sapendo che, all'improvviso, siamo irrevocabilmente e permanentemente responsabili di questo piccolo e...