8 marzo: la donna felice è colui che sceglie ciò che ha successo

Abbiamo un problema È evidente Perché se c'è un giorno per la donna che lavora, se lo festeggiamo, se riempiamo i media con contenuti correlati a questo, se l'hashtag #DiaInternacionalDeLaMujer rimane una settimana ancorata nei social network, è perché abbiamo molto da parlare di conciliazione e molto altro da fare. Di questo non c'è dubbio.

La cosa brutta è che, come in tante battaglie dell'opinione pubblica, è molto facile finire per mescolare churras con merine, perdere il tiro e finire a sparare ai piedi mentre la grassa preda fugge davanti al nostro naso. Forse è per questo che questo argomento mi rende così stanco. Finiscono per lasciare le solite voci: che se l'heteropatriarcado, che se l'educazione tradizionale, se la donna sottoponesse ...


Il discorso mi sembra terribilmente superato. Sono un professore universitario e molti, molti anni fa - almeno una generazione completa - che se a una donna piace davvero studiare l'ingegneria più complicata, precedentemente sottoposta a veto, possiamo farlo. E lo farà anche con una borsa di studio per l'eccellenza accademica, un master al MIT e un lavoro assicurato in cui giace il futuro più sorprendente. Abbiamo donne nelle posizioni più alte in politica e affari, ricerca e letteratura. E sì, è vero che non sono molto "mezzi", ma dobbiamo chiederci se la causa è nascosta nella risposta ideologica del "machismo".

Ovviamente c'è un buco. Gli studi ci dicono. I più rigorosi, che contano il salario in base alle ore, calcolano in un 14 percento la differenza. E i dati attestano che le donne continuano a dedicare più tempo al lavoro non retribuito in casa. Sono quelli che, a maggioranza, chiedono misure di conciliazione come la riduzione dell'orario di lavoro, sono quelli che cercano gli orari più flessibili e non accettano complementi per la disponibilità assoluta, sono quelli che preferiscono posizioni che non obbligano a viaggiare. Totale: il divario tra uomini e donne ha molto a che fare con la maternità.


Dato un tale dilemma ci sono soluzioni all'equazione per tutti i gusti. La maggioranza, fortemente ideologizzata da correnti più tipiche del 20 ° secolo. Ma quasi nessuno prende in considerazione la base del problema con un aspetto veramente pratico. È per questo che mi piace Nuria Chinchilla, una professoressa IESE, che è una donna, una madre, una moglie, una lavoratrice e, soprattutto, felice e una brava persona. È impossibile riassumere il suo potente discorso in queste righe, ma preferisco due idee:


La prima è che tutto sarebbe più facile se raggiungessimo programmi più ragionevoli (per uomini e donne, siano essi genitori o meno), che siano soddisfatti e che finalmente espellano dal nostro mercato il "presentismo" improduttivo così caratteristico della nostra cultura.


È chiaro che questo problema non può essere semplificato e ogni posizione lavorativa dovrà essere valutata. Non è lo stesso per gestire i turni di raccolta dei rifiuti come un'attività d'ufficio. Ma molti paesi intorno a noi raggiungono alti livelli di riconciliazione semplicemente perché hanno un programma migliore.


Il secondo ha a che fare con ciò che le donne vogliono, quali sono i loro sogni e le loro ambizioni. La tesi che Chinchilla difende è che abbiamo bisogno di un approccio più plurale al concetto di ambizione, di realizzazione. Oggi è misurato da criteri economicamente eminentemente maschili. Il successo è inteso solo come trionfo professionale accompagnato da un alto stipendio. Ma cosa succederebbe se il successo della donna fosse quello, potendo scegliere, lei scelga un lavoro che la soddisfi e che le permetta di prendersi cura di lei? E se il suo trionfo risiede nel sapere come scartare ciò che ferisce le sue vere ambizioni? E se ci manca la preda perché per vincere questa battaglia all'inseguimento di una presunta "libertà di lavoro" perdiamo un'altra molto più importante, quella della "libertà di famiglia"?

il giorno della donna lavoratrice Non avrà più senso quando il lavoro, quello di chiunque, uomo o donna, con o senza figli, è, in realtà, compatibile con la vita.

Video: Giorgia - Scelgo ancora te (Official Video)


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...