Isolamento sociale nei bambini, perché succede e come prevenirlo?

L'importanza di avere amici è stata spiegata in molti studi. L'essere umano è sociale Per natura, questo significa che non puoi vivere senza la compagnia di altri individui. Le amicizie sono quella famiglia che si sceglie e con cui vengono condivisi grandi momenti. Tuttavia, a volte i bambini o gli adolescenti non hanno uno di questi gruppi.

Il fatto che un bambino non abbia il proprio gruppo di amici è già un sintomo di avvertimento. Spesso si può pensare che questo isolamento sia dovuto a un caso di molestie oa causa del rifiuto della personalità del bambino. Ma cosa succede quando è lui a scegliere questo stile di vita? Cosa possono fare i genitori per aiutare i loro figli e sviluppare il loro lato sociale? Su questo argomento si tratta Kenneth H Rubin in una delle sue opere per l'Università del Maryland.


L'origine dell'isolamento

Il Rubin è chiaro nel suo approccio: dietro l'isolamento sociale nei bambini è sempre nascosto un problema che si trascina da molto tempo. In alcuni casi, questa decisione viene presa di fronte a una bassa autostima, che evita il contatto con altri individui come metodo di protezione. Vale a dire, il figlio pensa che sarà respinto e per questo motivo si blocca nel suo mondo.

In altri casi, l'origine può essere molto più serio. Un esempio è che il bambino ha sintomi di depressione, un grave disturbo che causa l'isolamento del bambino dal resto del mondo. Un'altra causa che merita tutta l'attenzione dei genitori è la possibilità di una fobia sociale che richiede, così come la depressione, l'attenzione di uno specialista.


Dal Istituto Nazionale di Salute Mentale Stati Uniti La fobia sociale è definita come una forte paura di essere giudicati dagli altri e di provare vergogna. Questo panico può essere tanto grave quanto rendere difficile andare a scuola o svolgere attività quotidiane che richiedono il contatto con altri bambini.

Le persone che hanno la fobia sociale hanno paura di fare cose quotidiane di fronte ad altri individui. La maggior parte pazienti Con questo problema sanno che non dovrebbero essere così spaventati, ma non possono controllarlo. Una sensazione che peggiora la loro situazione, così finiscono per evitare luoghi o eventi in cui pensano di essere costretti a fare qualcosa che li fa vergognare.

Trattamento dell'isolamento sociale

Il trattamento dell'isolamento sociale comporta il passaggio attraverso diversi stadi nel più piccolo Punti diversi che hanno come ultimo obiettivo di far superare al bambino le loro paure e possono favorire la loro relazione con altre persone:


- Sai perché il bambino prova questa vergogna. Perché il bambino sente che fa qualcosa di sbagliato, cosa motiva questi sentimenti?

- Lavora sul cambio di pensiero. Il bambino deve accettare come è, con le sue cose buone e le sue cose cattive. Lavora per cambiare quest'ultimo e scommetti molto sul primo. Tutti abbiamo qualcosa di grande da offrire, dobbiamo far capire ai bambini quello che è.

- Chiedi aiuto quando ti senti debole. Le ricadute sono inevitabili, in questo momento devi dare sostegno ai bambini e invitarli a non lasciarsi trasportare da questi brutti pensieri.

Damián Montero

Video: Riconoscere la violenza


Articoli Interessanti

L'inserimento lavorativo: l'ascesa sociale dei giovani

L'inserimento lavorativo: l'ascesa sociale dei giovani

La crisi economica iniziata nel 2007-2008 e che attualmente si sta ritirando ha avuto un impatto piuttosto negativo sulla popolazione giovane, anche se prima di iniziare questa crisi, i giovani erano...

Pregorexia: la paura di ingrassare in gravidanza

Pregorexia: la paura di ingrassare in gravidanza

Restare magri durante la gravidanza è un'ossessione che colpisce sempre più donne, sebbene vada direttamente contro le leggi della natura. L'aumento di peso in gravidanza è necessario per la buona...