La divisione dei compiti dal punto di vista dei bambini

il lavori di casa sono un argomento che genera un grande dibattito all'interno della casa. Anche se tutti a casa dovrebbero prestare una spalla e assumere responsabilità, a volte questi compiti non sono condivisi bene. C'è sempre qualcuno, nella maggior parte dei casi la donna, che si assume gran parte di questo onere senza ricevere un grande aiuto dai loro parenti.

Su questo argomento ha indirizzato la relazione sulla corresponsabilità nella casa preparata dal Fondazione Alares. Un lavoro che ha tenuto conto dell'opinione della più piccola della casa per vedere come lavori di casa all'interno delle famiglie in Spagna e in cui è dimostrato come i bambini abbiano compreso la necessità di collaborare a questi compiti.


Più del 65% crede nella distribuzione equa dei compiti

In questo rapporto, per un totale di 504 minori tra 3 e 12 anni che sono stati intervistati per verificare la loro visione della distribuzione dei compiti in casa. Per questo, hanno presentato diverse carte in cui apparivano immagini di situazioni diverse, come una madre che si occupava personalmente dei compiti e viceversa, i bambini dovevano indicare quale di queste carte sembrava corretta.

Per cominciare, lo sottolinea 65,9% dei minori considera corretta l'equa distribuzione all'interno della casa. Mentre c'è questa convinzione su ciò che è giusto nei bambini, il 40% di loro considera che questo non è il caso nel caso della loro famiglia. Un fatto che, sebbene indichi che c'è molto da fare fino a raggiungere la corresponsabilità totale, migliora quelli degli anni passati.


È anche degno di nota il modo in cui nel caso dei bambini, la percentuale di bambini che credono nella corresponsabilità è leggermente inferiore a quella delle ragazze, 60,4% per il 69,5% di quest'ultimo. Al momento di concentrarsi su casi specifici, la percentuale di bambini che credono che solo uno dei genitori deve prendersi cura del lavoro a casa, anche se c'è un numero maggiore di bambini che credono che la madre sia quella che dovrebbe assumersi questa responsabilità da solo.

In particolare, a 26,2% dei minori intervistati riteneva corretta l'immagine della madre che esercitava da sola le faccende domestiche, solo il 7,76% considerava equo il modello in cui il padre era colui che si occupava di questi compiti senza l'aiuto di nessuno. Ancora una volta, i bambini che pensano che le donne siano quelle che devono assumersi più compiti sono più grandi delle ragazze, il 29,6% rispetto al 24,1%.


Come coinvolgere i bambini nelle faccende domestiche

Per ottenere la corresponsabilità, ai bambini deve essere insegnato, sin dalla tenera età, la necessità di partecipare nelle faccende domestiche. Ecco alcuni suggerimenti per questo:

- Inizia poco alla volta. Mentre i più piccoli non possono affrontare compiti più difficili come cucinare, possono iniziare aiutando a sollevare il tavolo, togliere la confezione dei loro dolci e raccogliere i loro giocattoli dopo averli usati.

- Conduci con l'esempio. I genitori devono mostrare un'equa distribuzione dei compiti e non mostrare che uno dei genitori è l'unico che assume questi compiti.

- La tua stanza, la tua responsabilità. Mentre l'asilo nido è uno spazio di autonomia per i bambini, è anche una loro responsabilità. Sono responsabili del ritiro, della sistemazione del letto e della cura che tutto sia in ordine.

- Lodate il positivo. Anche se non dovremmo essere grati se il bambino collabora, poiché sembrerà un aiuto che non avrebbe dovuto prestare, è necessario lodare che il bambino è in grado di assumersi le sue responsabilità e raggiungere questa maturità per incoraggiarlo a continuare.

Damián Montero

Video: Il maestro Richet parla ai bambini


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...