Contro il bullismo, parliamo di sentimenti

È una realtà che, prevedibilmente, la triste realtà di molestie esoclar Non cambierà nel breve periodo. Ci sono sempre stati compagni di classe abusivi, ma il secolo della tecnologia ha moltiplicato il suo effetto. Se i genitori sono preoccupati che i nostri figli subiscano il bullismo, siamo ancora più angosciati dal fatto che vivono in isolamento l'angoscia che questa situazione produce. La chiave, dicono gli esperti, è di mantenere una comunicazione fluida e sincera in famiglia, con un cuore aperto e con i sentimenti sul tavolo.

C'è sempre stato bullismo. Nessuna era e nessuna società è libera da questo flagello perché le persone agiscono con gli altri sulla base di molti fattori: temperamento, carattere ... Ma qualcosa sta accadendo nella società di oggi che il bullismo, nelle sue versioni di bullismo e cyberbullismo, supera più di quella data in una nicchia maledetta o al bullo che rubava i panini dei più deboli. Ora, per ragioni diverse che sono irrilevanti, in troppe occasioni le molestie si concludono con lo scenario peggiore: un suicidio, una fuga in avanti per sfuggire al labirinto. E se non arrivi al punto di toglierti la vita, c'è, in ogni caso, sofferenza indicibile.


Cosa sta succedendo? È possibile che uno dei fattori coinvolti in questa realtà sia la mancanza di resilienza dei nostri adolescenti. Molti di loro, educati tra i cotoni, hanno serietà difficoltà nel gestire la frustrazione nella vita di tutti i giorni. Quando questa frustrazione è anche esasperata e moltiplicata, i molesti non dispongono di meccanismi sufficienti non solo per risolvere la situazione, ma anche per chiedere aiuto. Ma c'è un altro fattore molto più potente che ha causato un cambiamento sostanziale in la vera realtà delle molestie: i social network hanno un effetto devastante perché moltiplicano lo scopo - nel tempo, nello spazio e nel pubblico - di qualsiasi atteggiamento di abuso.


C'è una lunga strada da percorrere. Gli ultimi casi di bullismo hanno "messo le batterie" nella società e in alcune amministrazioni pubbliche che lavorano in protocolli di azione e sistemi preventivi per agire alla minima indicazione. Ma il ruolo fondamentale all'esterno della casa corrisponde alle scuole che richiedono molte ore di lavoro in classe.

A scuola, è meglio prevenire il bullismo

Lavorare dalla cattedra per prevenire, rilevare e, se necessario, intervenire in un caso di molestie, non è così semplice come sembra. Come spiega l'educatrice Maite Vallet, è necessario che lo staff insegnante sia ben preparato. Allo stesso modo in cui ti viene richiesto di conoscere l'argomento che insegni, sarebbe necessario completare la formazione degli insegnanti su argomenti relativi all'educazione emotiva.

Ma affinché tale conoscenza sia realmente messa in pratica in classe, ci vuole tempo. In alcuni centri, viene data poca importanza alle ore dedicate al tutoraggio. Tuttavia, sono momenti chiave per lavorare in piccoli gruppi di emozioni e migliorare la riflessione. "Quando i bambini riflettono su quello che è successo, scoprono sempre cosa c'è che non va."


Esistono diversi sistemi per gestire il casi di abuso nelle auleAd esempio, quando uno studente dice qualcosa di negativo su un altro, possiamo invitarlo a elencare dieci qualità dei suoi compagni di classe. Il lavoro in piccoli gruppi, di circa cinque bambini, è molto efficace per incoraggiare la riflessione su situazioni specifiche. Ma l'essenziale è che l'insegnante sappia come affrontare una situazione di molestia quando la percepisce e ferma immediatamente il molestatore. Quando il problema viene rilevato nel tempo, un intervento accurato può impedire che la situazione si complichi.

A casa, una tavola rotonda per rilevare il bullismo

Maite Vallet spiega che uno dei problemi rilevati in molte famiglie nel campo della comunicazione è che, anche se si parla molto di questioni relative al campo accademico, i sentimenti sono poco approfonditi. I genitori che considerano che si preoccupano dei loro figli perché chiedono loro come hanno fatto, considerano valida la risposta del risultato dell'ultimo esame o le difficoltà di un determinato argomento. Ma non osano o non sanno come indagare su questioni relative al terreno socio-emotivo.

La sfida è questa parlare di sentimenti è più complicato. In realtà, Vallet suggerisce di utilizzare le giuste tecniche, come chiedere domande molto specifiche e indagare oltre la prima risposta. "Non devi sapere solo quello che hanno giocato e con chi, ma come si sono sentiti, se volevano suonare o se preferivano suonare qualcos'altro e non li hanno lasciati".

Per Vallet, è molto importante insegnare ai ragazzi a gestire il loro rapporto con quelle persone con cui non hanno armonia e generare una dinamica di rispetto. Allo stesso tempo, possiamo guidarli a scegliere quegli amici con cui si sentono più a loro agio, senza per questo motivo smettere di trattare con chi è più distante."Non si tratta di togliere loro quello che sta succedendo a loro, ma perché, perché è importante, imparano a gestirlo in modo che non segna le loro vite".

María Solano Altaba
consiglio: Maite Vallet. pedagogo

Video: Cyberbullismo - Gli adolescenti e i social network - Come aiutare le vittime ma anche i bulli


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...