Nuove generazioni di genitori più coinvolti nella cura dei loro figli

I tempi cambiano e con loro si evolvono alcuni aspetti del passato. Se in passato il modello di famiglia ha presentato un padre Incaricato di sostenere economicamente la famiglia e una madre che si prendesse cura dei suoi figli, oggigiorno l'uomo è diventato più coinvolto nelle faccende domestiche. Questo è dimostrato dalStudio sulla paternità".

Il nuovo ruolo di padre nelle famiglie spagnole si è evoluta e insieme all'incorporazione delle donne nel mondo del lavoro, questo ruolo implica un uomo più coinvolto nell'educazione dei suoi figli. Qualcosa che favorisce la creazione di un legame tra entrambi i membri della famiglia.

Cambio di pannolini

Come mostrato dalStudio sulla paternità"Attualmente i genitori sono stati coinvolti nella cura dei loro figli attraverso attività come cambiare i pannolini." Attualmente, l'85% dei genitori con bambini tra 0 e 4 anni afferma di aver fatto questa pratica durante l'educazione dei loro piccoli e il 65% spiega che è qualcosa che fanno ogni giorno.


D'altra parte, i risultati di questa ricerca mostrano che il tempo insieme ai bambini è qualcosa che i genitori apprezzano molto positivamente. Infatti, il 54% afferma che vorrebbero essere più con i propri figli. Anche così, i momenti che gli uomini trascorrono con i loro figli sono aumentati e l'83% riconosce di giocare quotidianamente con loro e il 46% spiega che la passeggiata con i bambini è il loro momento preferito nella giornata.

Attualmente, i genitori sono diventati più coinvolti nella cura dei loro figli attraverso attività come 64% lei afferma che veste e spoglia i bambini a casa ogni giorno e il 62% dà loro da mangiare o da mangiare. Per quanto riguarda le preferenze degli uomini, l'alimentazione dei bambini è l'attività meno gradita dal momento che solo il 5% ha indicato che si trattava del loro lavoro preferito. Il bagno, il 15%, o li accompagni a letto, il 13% sono altri compiti che meno li godono.


Il padre durante la gravidanza

Il ruolo del padre non inizia quando nasce il bambino, ma può anche aiutare molto durante la gravidanza. In effetti, il American College of Obstetricians and Gynecologists Dì agli uomini che cosa possono fare in gravidanza per dare tutto il loro aiuto:

1. Primo trimestre. I primi tre mesi di gravidanza che coprono fino a 14 settimane di gestazione richiedono un maggiore riposo da parte della madre e in questo momento possono comparire sintomi come nausea e vomito che si verificano durante il giorno, non c'è tempo apparire di più A questo punto è importante sapere che gli sbalzi d'umore saranno molto comuni da ora in poi e che il supporto emotivo per la coppia sarà fondamentale.

2. Secondo trimestre. È nel secondo trimestre di gravidanza quando la donna si sente meglio durante la gravidanza. Il corpo della madre si adatta alla gestazione e la sensazione fisica migliora e anche la nausea può scomparire. I genitori dovrebbero sapere che questo è un buon momento per creare legami con il loro partner perché questi giorni cominciano a sentire i primi movimenti del bambino e il battito del cuore, la condivisione di questi momenti tra i due rafforzerà il progetto che comporta il portare una persona al mondo.


3. Terzo trimestre. I ginecologi americani ricordano che l'ultimo trimestre è il più complicato per le donne. Lasciano che i genitori sappiano che è dopo la settimana 28 che la donna può sentirsi più a disagio quando il corpo del bambino cresce e il corpo della madre si prepara per il parto. È in questo periodo in cui i nervi prima della nascita imminente raggiungono il loro punto più alto, quindi è importante che il padre sia con il suo partner che dà il loro sostegno in ogni momento.

Damián Montero

Video: Anna, ex tossicodipendente, parla ai giovani: "Di droga si muore, fermatevi"


Articoli Interessanti

5 trucchi per rendere il tuo trucco più a lungo

5 trucchi per rendere il tuo trucco più a lungo

Oggi ci sono diversi tipi di basi per il trucco sul mercato. Compatto, liquido, crema, stick ... e promettono tutti la stessa cosa: lunga durata. E se nessuno di loro mentisse? Che cosa succede se il...

Cibo solido per il bambino: mai prima di 6 mesi

Cibo solido per il bambino: mai prima di 6 mesi

Le associazioni pediatriche più importanti al mondo consigliano di introdurre alimenti solidi nella dieta del bambino dopo 6 mesi. Prima di questa data, il latte materno o la bottiglia sono...