Amici e famiglia: cosa è cambiato nella società?

Gli importanti cambiamenti sociali che abbiamo vissuto negli ultimi decenni hanno particolarmente influenzato l'esperienza dell'amicizia nella gioventù e nell'età adulta. Ma cosa è cambiato negli ultimi decenni, così che l'amicizia sta attraversando ore così basse?

Poco tempo per essere amici con i nostri amici

La mancanza di tempo si è rotta in modo decisivo. La complicazione degli ordini del giorno lascia poco spazio alle amicizie. I ritmi del lavoro impongono routine dal lunedì al venerdì che rendono quasi impossibile adattarsi ai momenti di svago. Succede spesso anche agli adolescenti e ai giovani, che distribuiscono le loro ore tra classi, attività extrascolastiche e sport, qualche lezione in più, il lavoro dei soggetti e un piccolo contatto quotidiano con la famiglia. Quando arriva il momento delle amicizie, si concentrano sul contatto attraverso i social network che lascia poco spazio perché si sviluppa in un ambiente di gruppo eccessivamente mediato dalle nuove tecnologie.


Durante il fine settimana, i giovani si vedono nelle loro uscite notturne, di solito in gruppi piuttosto numerosi e in spazi rumorosi in cui la conversazione è poco favorita. Aggiunto al consumo di alcol, quei momenti non sono quelli che incoraggiano un'amicizia sincera. Nel corso della giornata, continueranno ad essere collegati attraverso i social network, ma creeranno relazioni molto superflue, con poca profondità.

Per quanto riguarda gli adulti, preferiscono dedicare il weekend alla famiglia, un atteggiamento davvero encomiabile, al quale non sono stati in grado di prestare molta attenzione durante la settimana. È un cambiamento sostanziale con le generazioni precedenti in cui i matrimoni cercavano di avere più vita sociale durante le vacanze e lasciavano i bambini a capo di altre persone.


L'indivualismo sta intaccando le amicizie

C'è anche un sostanziale cambiamento nel modo di comprendere la fiducia. L'individualismo postmoderno ha portato la società a praticare una falsa modestia e vicino agli altri in quegli aspetti che si riferiscono ai sentimenti e, al tempo stesso, alle intimità aeree in cui l'amicizia non sarebbe mai entrata e rivela la vita privata a attraverso i social network e altri canali di comunicazione.

Infine, una certa mancanza di generosità, probabilmente derivata da questo individualismo e il sentimento di autosufficienza che la società cerca di imporci, sta anche mettendo il suo tributo sulle amicizie. L'uomo postmoderno crede di essere capace di affrontare tutte le sfide, quindi ha abbandonato l'idea di famiglia come sostentamento, quella della fede e anche quella dell'amicizia.

Ma se veniamo a conoscenza di tutti questi limiti, scopriamo quanto facilmente le amicizie possono recuperare e l'effetto benefico che esercitano su di noi e sul nostro ambiente, finché siamo più felici e riflettiamo sulla felicità degli altri.


Quando l'amicizia è un problema

- Amicizie tossiche durante la gioventù. Si verificano quando il concetto utilitaristico dell'amicizia si estende oltre l'adolescenza. Le relazioni di estrema dipendenza sono spesso generate, a volte con aspetti di abuso psicologico. Alcuni giovani sono immersi in situazioni che non ritengono adeguate, ma di coloro che non sanno come partire per paura di rompere con ciò che è nel loro ambiente il mainstream.

Il problema è che i genitori hanno difficoltà a rompere con questa realtà. Prima, quando appropriato, venivano considerati i cambiamenti a scuola o a casa. Oggi Internet impedisce di mettere terra nel mezzo. Qui solo una sincera comunicazione con i bambini lavora per far vedere loro il rischio di quella relazione.

- Non conosco i tuoi amici. Una delle lamentele più frequenti dei genitori oggi è che non sanno nulla degli amici dei loro figli, amici quasi virtuali con cui non hanno contatti diretti. Prima dell'irruzione delle nuove tecnologie, i genitori conoscevano personalmente gli amici dei bambini perché la relazione era fisica, faccia a faccia.

Per risolvere questo problema non possiamo violare la privacy dei nostri figli ed entrare nel loro mondo virtuale, ma dobbiamo favorire il recupero del contatto reale con i bambini. Ma questo significherà per noi lo sforzo extra di esercitare i tassisti nel nostro tempo libero e, soprattutto, di aprire le porte a casa nostra, il rumore e il disordine che genera avere un grande gruppo in ogni stanza della casa. Non si tratta di genitori che sono in cima ai loro figli, ma di offrire uno spazio naturale, salutare e accogliente che permetta loro di monitorare con chi i loro figli si muovono.

- Non sopporto gli amici del mio compagno. Dicono che ci sposiamo con il marito o la moglie e con tutta la loro famiglia, ma nessuno nota che sposiamo anche gli amici opposti, che ci piacciano o no. Se ci piacciono, la vita dell'amicizia in coppia fluirà senza difficoltà. Se non ci piacciono, vale la pena fermarsi a riflettere sulle ragioni, se sono reali o apparenti, e fino a che punto possiamo accettare alcune amicizie dell'opposto che non ci soddisfano. In ogni caso, non è male per le coppie riservare uno spazio alla propria amicizia purché non influenzi la vita in comune.L'ideale sarà che la coppia formerà le loro amicizie da quelle che ognuno ha portato e con la somma di nuovi amici che troveranno.

María Solano
consiglio: Alfredo Alonso-Allende, scrittore

Video: Quando scopre la verità su chi ha operato il figlio, il padre...


Articoli Interessanti

Cinque seggioloni economici per il tuo bambino

Cinque seggioloni economici per il tuo bambino

Sei già Preparandoti a comprare il seggiolone migliore per il tuo bambino? Il tempo vola e, quando te ne rendi conto, lo stai già mangiando con il resto della famiglia. I seggioloni sono i migliori...

Occhio secco, una sindrome che può essere evitata

Occhio secco, una sindrome che può essere evitata

Ore e ore davanti al computer o esposti a polvere domestica, fumo di tabacco, alcuni prodotti per la pulizia o inquinamento sono alcuni dei fattori di rischio che causano la cosiddetta sindrome...