Metodi per stabilire una routine del sonno nel più piccolo

Quanto è importante dormire, ma anche se sembra difficile credere che nessuno sia nato sapendo come farlo. Non almeno nelle ore che corrispondono. La routine di sognare È qualcosa che dovrebbe essere inculcato ai piccoli mentre crescono così che al calar della notte si abituino ad andare a letto, chiudendo gli occhi e dando libero sfogo al riposo dopo un'intera giornata di attività.

Come in tutti gli insegnamenti, ci sono diverse tecniche per adattare i piccoli a queste routine. Dal Fondazione Baby Center Negli Stati Uniti sono compilati diversi metodi con cui far abituare i bambini a dormire quando giocano e non a volte dove non corrisponde.


Passi per la routine dei sogni

Da Baby Center questi passaggi sono consigliati per ottenere una buona routine sognare nei bambini:

- Quando iniziare. Quando il bambino ha più o meno 6 settimane, si consiglia di iniziare a creare una routine notturna per dormire. Per fare questo, ogni giorno, alla stessa ora ogni pomeriggio, fargli un bagno, leggergli un libro, dargli da mangiare, cantargli una ninna nanna e un aquéstalo.

- Stendendolo alla stessa ora ogni giorno. Per creare una routine niente di meglio che scegliere un'ora che diventa il momento di andare a letto e ripetere giorno dopo giorno.

- Segui gli orari diurni. Al mattino, i genitori devono prendere i loro figli alla stessa ora ogni giorno. Si raccomanda inoltre che il tempo della siesta sia lo stesso in ogni giorno.


- Se non ha esito positivo, si consiglia di rivolgersi a uno specialista per verificare se dietro a questa situazione vi sia un disturbo del sonno.

Tecniche di insegnamento

Baby Center spiega anche diverse tecniche per insegnare la routine del sonno per i più piccoli in casa. Questi sono un po ' di loro:

- "Lascialo piangere". Gli specialisti che puntano su questo metodo scommettono sul lasciare il bambino piangere nella culla, ma lo fanno indefinitamente. Il consiglio è di mettere a letto il bambino mentre è ancora sveglio e permettergli di piangere per brevi periodi di tempo, con te che entri a intervalli per calmarlo, ma senza portarlo tra le sue braccia.

- "Dormi senza piangere". Gli specialisti che raccomandano questo metodo difendono un allenamento più graduale, con il papà o la mamma che offrono conforto immediato quando piange il bambino. In questo modo il bambino si calmerà e sarà più facile addormentarsi.


- Dissolvenza. Questo metodo si colloca a metà strada tra i precedenti. Qui i genitori eliminano gradualmente la loro presenza e il loro ruolo quando mettono il bambino a dormire. All'inizio si siedono accanto alla culla finché il piccolo non si addormenta, ma ciascuno sposta la sedia dalla culla finché non lascia la stanza. In questo modo, a poco a poco, il bambino più piccolo guadagnerà sicurezza vedendosi senza i genitori di notte.

Damián Montero

Video: 6 modi per combattere la stanchezza mentale


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...