Idee per sfuggire alla tristezza a Natale

Molte persone detestano le vacanze di Natale, tanto che viaggiano persino in altri paesi dove l'atmosfera di luci, alberi e presepi è diluita in un ambiente di sole e spiaggia. Hanno messo migliaia di chilometri tra loro, la loro famiglia, la cena della vigilia di Natale e i regali. Sono quelli che si deprimono a Natale, coloro ai quali questi giorni in cui si celebra la felicità li rendono veramente infelici.

Succede anno dopo anno. Uno dei motivi, secondo la psicologa Pilar Conde, "è che queste date ci fanno mettere in discussione gli aspetti più importanti della nostra vita: la famiglia, l'amore, la nostra traiettoria di vita e la felicità in generale." Se questi aspetti, spiega, non sono coperto, o non so come migliorare, diventa consapevole di ciò che "dovrebbe sentire e non sentire", portando a emozioni negative.


Quando qualcuno manca al tavolo a Natale

In Spagna, la famiglia è l'epicentro della celebrazione e mancare qualcuno al tavolo, soprattutto se l'assenza è recente, è spesso motivo di tristezza, tristezza e talvolta di grande dolore. Questa circostanza vanifica, soprattutto nella nostra cultura, dove, se il lutto viene salvato, può essere considerato irrispettoso da godere quando una persona cara è deceduta, specialmente nei primi anni.

Da un lato, provoca emozioni negative, non essendo in grado di rispettare il rito di felicità che questo incontro in cui la famiglia celebra, e, d'altro canto, c'è il timore di mancare di rispetto agli assenti con festeggiamenti o festeggiamenti gioiosi. L'esperto crede che un modo per attutire il disagio della perdita dei nostri cari sarebbe quello di onorarli in questi giorni: "godendo della compagnia dei nostri parenti, e anche ridendo, ci permetterebbe di affrontare più positivamente questi giorni. piangere per coloro che non lo sono, ma non isolarci, ma una volta passato questo momento, prova a goderti la compagnia e la celebrazione ".


No alle polemiche familiari di sempre alla vigilia di Natale e Capodanno

Questa trasformazione positiva non dovrebbe essere rovinata né dalle dispute familiari né dalle dispute, siano esse politiche o biologiche. La raccomandazione è di sedersi al tavolo con un atteggiamento conciliante e ignorare ogni tentativo di polemica. Dobbiamo andare a questi eventi come se non ci fosse stato nessun problema precedente. Solo allora puoi goderti la festa.

7 consigli per parcheggiare la tristezza a Natale

Inoltre, e non soffocare sul cibo e, sì, per una volta, sii felice come una famiglia, a tavola ea Natale, l'esperto ci dà questi suggerimenti:

1. Lascia i telefoni parcheggiati, goditi il ​​momento presente e le persone che incontriamo.

2. Goditi i sapori degli alimenti di quei giorni, della decorazione. Cerca il positivo, il buono, il bello.


3. Non entrare in conflitto, quando vediamo che un parente cerca di generare polemiche, non seguire il gioco.

4. Evitare di prendere questioni controverse come la politica.

5. Se vediamo che ci stiamo irrigidendo, Esci per prendere l'aria o vai in bagno.

6. Se sappiamo che con certe persone è facile per noi "perdere il controllo", controllare il consumo di alcol.

7. Prima di andare a quei pasti difficili, pensa a cosa può andare storto e pensa a come vogliamo gestirlo, in modo da non finire in conflitto.

In breve, vivi il qui e ora, approfittando del bene che ci dà il momento.

Pilar Conde Direttore tecnico di Clínicas Origene

Video: Film cristiano completo in italiano 2018 - "La fede in Dio" Rivelare il mistero della fede in Dio


Articoli Interessanti

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

La condivisione è uno dei migliori valori che la maggior parte delle persone può imparare piccolo. Il fatto di dare agli altri l'opportunità di essere felici con ciò che si gode è qualcosa di...

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Poche situazioni impongono tanto quanto arrivare con la nostra prima figlia dall'ospedale e sapendo che, all'improvviso, siamo irrevocabilmente e permanentemente responsabili di questo piccolo e...