10 luoghi insoliti da visitare con bambini nell'Alto Tajo

Non è facile trovarsi a pochi chilometri l'uno dall'altro, paesaggi che competono con il Canyon del Colorado, foreste quasi impenetrabili, città secolari ricche di storia, conventi e castelli centenari, un gastronomia incredibile ... e anche grotte preistoriche chi scopre un passato insospettato. E tutto avvolto dal manto protettivo di uno spazio naturale riconosciuto dall'Unesco come patrimonio universale.

Ancora più sorprendente è scoprire questo mondo nella provincia poco nota di Guadalajara, a pochi chilometri da Madrid. Tutto questo fa parte del Geopark della Comarca de Molina-Alto Tajo, una delle vette della biodiversità di Castilla-La Mancha. Situato tra la parte sud orientale di Guadalajara e la parte nord-est di Cuenca, questo spazio naturale è la rete più estesa di canyon e falcetti in questa comunità. Un susseguirsi armonioso di falesie, torsioni e terrazze e forme uniche di colline come coltelli, aghi e monoliti che il Tago e i suoi affluenti hanno scavato mentre attraversavano queste terre. Terre bramate per secoli, come dimostrano le loro numerosi castelli, fortezze e torri. Terre millenarie i cui figli hanno lasciato le loro firme in caverne impenetrabili.


10 delle sorprese dell'Alto Tajo da visitare con i bambini

Canyon del Colorado in miniatura
il Canyon della falce del fiume Gallo è sicuramente il paesaggio più bello dell'intero Geoparco e uno dei più spettacolari della Spagna. L'erosione per migliaia di anni di queste terre del Triassico ha formato un susseguirsi di fantasmagoriche forme di vita e colori caldi che contrastano con la vegetazione che li circonda, che cambia anche in base alle stagioni, offrendo un ambiente naturale di grande bellezza. Scogliere, scarpate e scogliere rossastre di 400 metri che si ergono sul fiume Gallo, lasciando ai suoi piedi l'affascinante eremo della Virgen de la Hoz, del 13 ° secolo, in contrasto con i toni verdi, gialli e marroni dei pini che penetrano le loro radici tra le fessure del muro gigantesco e i boschi lungo il fiume vicino al fiume . Ci sono tre punti di vista a diverse altezze dai quali, con un po 'di fortuna, è possibile osservare i numerosi rapaci - blu reale, aquila di Bonelli, falco pellegrino, avvoltoio egiziano, grifone, gufo reale ... - che sorvolano e nidificano nelle cavità del burrone.


Un rito sessuale scolpito nella pietra
Non è facile accedere alla grotta situata in cima a una collina e sotto le rovine di un'antica torre di avvistamento. È necessario attraversarlo accucciato, con lanterna e casco, ma ne vale la pena. Dichiarata Monumento Nazionale dal 1935, la Cueva de los Casares contiene sulle sue mura a serie di incisioni paleolitiche -rinocerone, cervo, cavallo, ghiottone e pesce- fatto con grande naturismo che lo rendono il più importante sito di arte rupestre all'interno della penisola iberica. Queste incisioni sono state oggetto di attenzione dei più rinomati ricercatori internazionali sulla preistoria e alla base di nuove proposte scientifiche sull'evoluzione dell'arte paleolitica, suscitando interessanti dibattiti sulla capacità e audacia artistica dei primi coloni della Regione di Molina de Aragón . Particolarmente interessante è una scena controversa, che alcuni ricercatori considerano la prima rappresentazione di una cerimonia rituale sessuale trovata in Spagna.


Una foresta di pietra
il Foresta fossile della Sierra de Aragoncillo18 km di distanza. de Molina de Aragón, è una delle più antiche formazioni di tronchi fossili del mondo. La sua fossilizzazione è stata causata da un'eruzione vulcanica che li ha ricoperti con un manto di lava e cenere che si è verificato nel Paleozoico superiore 290 milioni di anni fa. I tronchi, ora convertiti da una varietà di opale, sono nella posizione della vita, cioè le loro radici sono osservate penetrando nel substrato così come erano disponibili mentre il campione era vivo. È il più antico fossile di questo tipo al mondo. La rapida sepoltura nel materiale vulcanico insieme alla successiva circolazione di fluidi saturi in silice con una certa temperatura, ha reso possibile un processo di silicizzazione in cui il tessuto vegetale è stato sostituito da minerali di silice conservandone i dettagli microscopici, il che conferisce loro un valore enorme per lo studio di queste verdure antiche.

La tomba da giardino di Narciso Yepes
Ha un nome molto lungo: Monastero della Santa Madre di Dio di Buenafuente del Sistal anche se di solito è noto semplicemente come Buenafuente, il cui nome deriva da una fonte da cui scaturisce l'acqua all'interno del monastero. La sua storia è ugualmente lunga da quando le sue origini risalgono al XIII secolo, all'ordine di Cîteaux e del re Alfonso VIII. Da allora, hanno vissuto nel monastero del chiostro della Common Observance, oggi ce ne sono solo una dozzina. Il monastero accoglie chiunque desideri vivere un'esperienza di ritiro e di preghiera, dove la liturgia è condivisa con la comunità cistercense e dalla quale è possibile accogliere coloro che cercano un incontro con Dio.Non è un luogo di riposo, di vacanza o di studio. Lo stile molto sobrio spicca soprattutto per l'armonia delle sue pietre e dei suoi dintorni. Per salvarlo dallo stato fatiscente in cui si trovava, il cappellano Angel Moreno, nel 1971, promosse l'iniziativa per il suo recupero e creò la Buenafuente del Sistal Foundation nel 1980.

Vedi il Tago come un falco
Il modo migliore per contemplare la bellezza di questo Geoparco è da alcuni dei suoi punti di vista, torri di avvistamento privilegiate da dove si può apprezzare la ricchezza naturale dell'ambiente, apprezzando la diversità delle formazioni rocciose, falcetti, lagune, cascate, fiumi color smeraldo, foreste infinite, brughiere, moltitudine di uccelli o il maestoso volo del grifone. Da questi punti di vista possiamo vedere lo scarso intervento umano di questo vasto territorio dove poche azioni alterano il paesaggio. Uno dei più belli è il Mirador del Tajo che ti permette di godere delle meravigliose vedute della confluenza del Tago con il fiume Gallo. Curiosamente, il punto di vista è condizionato per il cieco (che è ancora un paradosso cieco / cieco) e le persone con mobilità ridotta. Il punto di vista è molto vicino al Ponte di San Pedro e vicino alla cascata intermittente della Escaleruela. Gli avvoltoi egizi, i falchi pellegrini, i grifoni, le aquile reali e le aquile di Bonelli saranno i vicini del visitatore.

Due fiumi in bianco e rosso
il Ponte di San Pedro Si trova proprio all'incrocio dei fiumi Tago e Gallo, un posto bellissimo dove i bagnanti abbondano quando fa caldo. L'unione di entrambi i canali che navigano da letti di rocce di diverso tipo, produce, quando c'è pioggia intensa e vengono trascinati sedimenti, un curioso contrasto tra il colore delle acque del Gallo, rossastro dovuto a sabbie e argille di quel colore, e quelli del Tago, biancastri poiché trascinano particelle di caolino. In questo modo il fiume scorre per pochi metri con entrambi i colori. Ma oltre allo spettacolo di acque pulite, la vegetazione che li circonda è uno spettacolo da vedere. Sargas, pioppi neri, noccioli, cornioli, betulle e frassini intrecciano i loro rami e i loro diversi colori e sfumature, creando un ambiente unico.

Stage (uno in più) di Game of Thrones
Visto da lontano, sembra impossibile che su una torre di osservazione rocciosa di circa 20 metri di altezza si possa costruire una torre di altri metri e che non possa crollare. Quando lo vedi più vicino puoi capire che questa torre fa parte di un recinto murato, perfettamente restaurato, che ai suoi tempi arrivò ad ospitare fino a 500 uomini. Il castello di Zafra, di origine musulmana, divenne una delle enclave più importanti del Medioevo. Il meglio che si dice di lui è che sono state girate alcune scene della serie Game of Thrones - mobilitando dozzine di strade e centinaia di persone, e le sue visite si moltiplicano per cinque da quando è apparso nella sesta stagione, e che È privato, acquistato nel 1971 da un parente di Carmen Polo, la moglie di Franco, Antonio Sanz Polo, per poco più di 33.000 pesetas. Da allora molte centinaia di migliaia di euro sono stati investiti per recuperarlo, una misura generosa ma alquanto assurda poiché le visite non sono consentite o utilizzate. Certo, i panorami sono fantastici. Da esso è dominata tutta la brughiera della brughiera.

Assapora i "bolos con morro"
Capriolo o cervo, funghi e funghi, trote, tartufo nero, sanguinaccio ...
Ovviamente in questa zona di Guadalajara non c'è fame. Uno dei piatti più sorprendenti della zona, in particolare nelle giornate fredde sono i "Bowling" con il naso. È uno stufato fatto con fagioli a cui si aggiunge salsiccia, orecchio e, naturalmente, il naso. Un'altra grande gastronomia della zona, sono i pappa, che si ottengono cuocendo acqua e farina precedentemente tostate e mescolando per ottenere una consistenza cremosa e densa. Per accompagnarlo puoi aggiungere pezzi di pancetta o salsiccia, o anche peperoncino piccante o cetrioli sottaceto. Il cervo, il capriolo e l'agnello sono tipi di carne molto tipici e abbondanti. Di solito sono preparati in una casseruola. Anche le costolette d'agnello sono tipiche. Il morteruelo, che è il piatto principale di Castilla la Mancha, è una pasta fatta con fegato di maiale e altri ingredienti di selvaggina, che viene mangiata calda e spalmata sul pane. Per dessert puoi iniziare con latte fritto, anche se qualcosa di più tradizionale nella zona sono i panini, alcune ciambelle fritte e ricoperto di zucchero e cannella, o biscotti del villaggio, che sono ancora fatti a mano.

Molina de Aragón testimone di culture e tempi
Molina de Aragón è una città con una grande ricchezza monumentale, una testimonianza di culture e tempi. La sua strada attraverso il Medioevo domina la visione generale che si riversa sulla collina che circonda il villaggio e si fonde con il castello. Sullo sfondo, la Torre de Aragón osserva dalla collina e infastidisce la fortezza presa dal barbacane, che si vede da lontano. Una passeggiata per le sue strade ci introduce presto nel quartiere ebraico di grande bellezza medievale, poiché ci porta alla morería sull'altro lato del fiume Gallo. Oltre il fiume copre il passaggio Ponte romanico, del 13 ° secolo, simbolo del villaggio, fatto di arenaria rossa e formato da tre archi; accanto alle pile, i tajamares che si distinguono su entrambi i lati. I suoi templi cristiani di diversi momenti d'arte parlano della serena bellezza del romanico di Santa Clara, nella piazza che porta il suo nome, a Santa María la Mayor de San Gil; passando attraverso il Rinascimento si riflette a San Pedro, con il suo bel campanile mudejar o quello neoclassico del Convento di San Francisco. A testimonianza del suo splendore, i palazzi più significativi richiamano nei loro blasoni e iscrizioni i nomi dei loro illustri abitanti: la Casa del Obispado Díaz de la Guerra, il Palacio de los Arias, il Palacio de los Montesoro ... Il muro, noto come "El Cinto" ", ha circondato l'intero villaggio. Attualmente è possibile vedere resti nel quartiere ebraico e vicino al ponte romano.

Dormire con la storia
Due buoni consigli per rimanere a Molina de Aragón e avere da lì a un passo tutte le bellezze del Molina-Alto Tajo Geopark. il Hospedería Real Palacio de los Molina Si trova nel centro storico di Molina de Aragón. La facciata è rinascimentale e consiste in una bellissima porta adovelata a mezzo punto, due alte finestre a traliccio e scudi policromi della corona Molina. Nelle sue sale, nella sua sala da pranzo, nella sua caffetteria, nelle sue stanze, nelle sue scale ..., si può credere all'incrocio con Rodrigo Díaz de Vivar, Don Manrique de Lara, Tarik, Doña Blanca de Molina ... Camere da 75 euro / notte.

il Molino de Batán Si trova alle porte del Parco Naturale Alto Tajo, in un ambiente naturale unico e privilegiato. L'alloggio occupa una grande tenuta in cui si trova il mulino, una casa padronale e una grande estensione della terra dedicata alla prateria, la coltivazione di alberi da frutto e frutteto essendo tutti spazi aperti ai visitatori. L'hotel è un mulino del XIX secolo riabilitato in appartamenti rurali con identità storica completamente attrezzata: caminetti francesi, idromassaggi e salotti sociali. Ha un'offerta speciale di 3x2 dalla domenica al giovedì, prezzi da 50 euro a notte.

Enrique Sancho

Video: 5 Mostri Reali Ripresi da una Telecamera


Articoli Interessanti

L'università esce sempre più costosa

L'università esce sempre più costosa

Arrampicare l'ascensore universitario alla ricerca di un futuro migliore è sempre più costoso. Gli aumenti di prezzo nei gradi dei titoli universitari sono molto significativi, ma non tanto quanto...

Marsupio per l'auto: scegli il migliore

Marsupio per l'auto: scegli il migliore

Viaggiare in sicurezza in auto è una questione della massima importanza per i genitori, soprattutto perché hanno il loro primo figlio. Avere un marsupio sicuro per il nostro bambino è essenziale per...

ADHD, la sfida di fare amicizia

ADHD, la sfida di fare amicizia

Ciò che è diverso causa sempre qualcosa di paura. Lasciare la zona di comfort e sapere qualcosa di diverso costa molto ed è per questo che quando un bambino non si adegua al normale canone, può...