Un terzo dei lavoratori soffrirà di sindrome post-festiva

L'estate finirà a metà settembre. Ma prima che la stagione estiva finisca, molti adulti saranno già tornati al loro lavoro. Una situazione che può generare molto stress nei genitori, una situazione che è conosciuta come la tanto temuta 'sindrome post-festiva', quella sensazione di stress che appare prima dell'idea di dire addio per riposare e ciao alle responsabilità di lavoro.

Infatti, come indicato da Adeccoalmeno un terzo dei lavoratori in Spagna ne soffrirà sindrome post-festiva. Quello che suppone che l'adulto passi attraverso un quadro di stress e stanchezza che di solito è legato a un cattivo adattamento alla routine e all'ordine dopo i giorni di riposo e le carenze di responsabilità che hanno segnato il corso dell'estate.


Frustrazione e cambiamenti

Gli esperti sottolineano che, sebbene non vi sia alcun profilo concreto di operaio suscettibili di soffrire di sindrome post-festiva, ci sono fattori che aiutano a capire l'origine di questo stress:

- Bassa tolleranza per il cambiamento. I dipendenti con una tolleranza inferiore per la frustrazione sono i più soggetti a soffrire di sindrome post-festiva. Il cambiamento di situazione che si verifica alla fine delle vacanze e in cui viene recuperata la "normalità" è più complesso per coloro che non sanno come gestire queste situazioni.

- Durata delle vacanze. I lavoratori che vivono lunghi periodi di vacanza hanno più difficoltà a tornare alla routine perché si sono abituati a una situazione di costante rilassamento e improvvisamente vi si abbandonano.


Coloro che attraversano la sindrome post-vacanze non solo li soffrono. Il padre è la base della famiglia, se la attraversano situazione, la casa noterà. Pertanto, deve essere fatto tutto il possibile per tenere sotto controllo questa situazione. In effetti, ci sono modi per garantire che questo stress non influisca su coloro che devono vivere il ritorno al lavoro dopo questo periodo di riposo.

Ad esempio, quelle persone che sono abituate ad andare a letto e alzarsi tardi durante le vacanze, possono tornare alla routine di sognare solito nei giorni prima del ritorno del lavoro, un adattamento graduale. Con l'avvicinarsi della fine di questo periodo, è consigliabile andare a letto tutti i giorni un po 'prima e fare lo stesso al momento del risveglio. In questo modo, il corpo non noterà un cambiamento così improvviso.


È anche preferibile non tornare dalle vacanze il giorno prima di tornare al lavoro. È meglio farlo qualche giorno prima in modo che il dipendente possa abituarsi al suo ambiente abituale e avere abbastanza tempo per riprendere la propria attività quotidiana. Ma ciò che è più raccomandato è un atteggiamento positivo, senza pensare che il lavoro sia un peso.

E se la sindrome post-festività è già presente

Per quanto sia stato prevenuto, può anche comparire la sindrome post-vaccinazione. Coloro che ne soffrono manifestano sintomi come apatia, affaticamento, mancanza di energia e difficoltà a concentrarsi sul lavoro. Altre caratteristiche comuni in questi lavoratori sono disturbi del sonno, nervosismo eccessivo, stress e una sensazione di tristezza. In alcuni casi, attacchi di ansia, mal di testa e malessere.

Se alcuni di questi sintomi si verificano, è necessario iniziare a lavorare per risolvere la situazione e impedire che la casa venga influenzata da questo contesto. Tra i trucchi più efficaci ci si sveglia un po 'prima del solito per andare al lavoro. Sebbene a priori possa sembrare controproducente, avere più tempo al mattino aiuta ad affrontare la giornata senza fretta e senza fastidi.

Damián Montero

Video: PEDOPHILIE DES ELITES FRANCAISES TEMOIGNAGE DE SEVERINE


Articoli Interessanti

Come comportarsi se un bambino ha commesso un crimine

Come comportarsi se un bambino ha commesso un crimine

Indipendentemente da quanto impeto tu abbia dato all'istruzione di un bambino, ci sono episodi in cui non puoi controllare le tue azioni. Che sia per la vicinanza dei suoi amici o perché si sia...