Perché lo dico e punto

Ho paura, cari lettori, che oggi sono politicamente scorretto. Attenzione in modo che nessuno venga ingannato perché, come direbbe mia madre "Colui che avverte non è un traditore". Ci ha detto questo a lungo dopo varie ammonizioni per cattivo comportamento che hanno accompagnato una bella frase che, riconosco, ha impiegato anni per capire:

"Stai mettendo in palio una zuffa e hai tutte le schede ". Il guantazo non è arrivato perché bastava il tono arrabbiato della voce per reindirizzare i comportamenti al suo corso. E più tardi, quando ho capito la lotteria e le schede, mi è anche piaciuto.

La verità è che una volta educato molto - non so se bene ma sospetto meglio di adesso - con il "Perché lo dico, punto". E poi è arrivata questa moda molto progressista e molto democratica di discutere tutto con i bambini e vincerli in una prova di retorica in ogni combattimento - e non sono pochi - nel giorno per giorno. In diverse occasioni ho già detto che non vedo la democrazia nelle famiglie. Abbiamo quattro figli e mio marito e io saremmo in chiara minoranza prima dei dibattiti di fortuna: puri di spinaci verdi salutari o pizza grassa con formaggio?


Stava frequentando l'altro giorno dalla comoda distanza a uno di quei discorsi di "mamme moderne". Scena tipica di "primípara añosa" con un figlio single che è stato lucido e che aveva già passato il riso di buona educazione e con nove anni è stato un rispondente, uno di quelli che genera cattiva atmosfera nel gruppo di amici in cui è . Nella generazione di mia nonna avrebbe esclamato: "un paio di buoni dadi" e qualche nonno terziario: "con una mano aperta". Ma ho già capito che oggi dire questo è brutto. Anche se ci pensiamo.

Il ragazzo aveva fatto un grosso errore e la madre ha cercato di spiegare le ragioni della sua tristezza, non arrabbiato. E dico, la madre pensa davvero che il bambino di nove anni che sta cadendo "il polpo" si preoccupi del più piccolo peperone di come si sente tua madre? Ma se viene sottoposto al più stupefacente dei rimproveri! Il bambino si preoccupa di essere vittorioso. È nella nostra natura: prendiamo la minima critica come un emendamento alla totalità e togliamo l'artiglieria pesante da un momento all'altro.


C'è ancora un altro problema nell'argomentazione della madre: pensi davvero che a tuo figlio importi l'intero film che ha messo in testa con il suo cattivo comportamento? I bambini e gli adolescenti hanno difficoltà a vedere il concetto di tempo come gli adulti lo capiscono e sono terribilmente limitati nel comprendere le conseguenze a lungo termine delle loro azioni.

Ecco perché un giorno si gonfiano le caramelle e finiscono l'altra, passano la paga mentre cadono nelle loro mani, anche se non vogliono niente e hanno problemi a studiare per un test che non ha ancora un appuntamento. Quindi è buffo e ridicolo pensare che il bambino che stiamo cercando di spiegare che deve finire i suoi compiti di matematica sia associato alla necessità di "essere qualcuno nella vita". Non riesce a concentrare la sua attenzione sui doveri di quel pomeriggio, tanto meno visualizzerà il suo passaggio alla Secondaria, al Baccalaureato, all'Università, a un lavoro * E, naturalmente, non sembra un disoccupato "nini" per la carne del cannone della vita. per un capitolo di "Grande fratello".



Qual è il "Perché lo dico, punto", non può essere usato come unica misura di un modello educativo autoritario.


Ma non è male che viene usato come un modo efficace per definire le regole del gioco e stabilire chi le firma. Alla fine, in una partita di calcio, non importa quanto ci sia un dibattito sull'opportunità o meno di una penalità, chi prende la decisione è il ragazzo con il fischio e questo ci lascia tutti soli perché qualcuno ordina le nostre vite.

E la chiave è che non possiamo dimenticare che non siamo qui per compiacere i nostri figli, per giustificare le nostre azioni, condividerli o accettarli, ma per renderli moralmente buoni adulti capaci di rendere il mondo un luogo un po 'meglio Perché? Perché lo dico, punto ;-)

- La guida e l'autorità dei genitori in famiglia - Genitori autoritari o genitori con autorità

- La chiave per l'obbedienza dei bambini

- Come insegnare ad obbedire ai bambini

Video: PERCHE' NON CI PIACE IL LUNEDI'?? ECCO LO DICO IO!


Articoli Interessanti

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

La condivisione è uno dei migliori valori che la maggior parte delle persone può imparare piccolo. Il fatto di dare agli altri l'opportunità di essere felici con ciò che si gode è qualcosa di...

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Poche situazioni impongono tanto quanto arrivare con la nostra prima figlia dall'ospedale e sapendo che, all'improvviso, siamo irrevocabilmente e permanentemente responsabili di questo piccolo e...