Nel pomeriggio accedo alla modalità madre

Se ci prendiamo la briga di scrivere su Google "soffitto di vetro" scopriremo che il web è inondato da fiumi di inchiostro su questo termine, che si riferisce a quella incapacità della società di consentire alle donne di superare determinate soglie sul posto di lavoro.

Con questa domanda del "soffitto di vetro" è molto importante non semplificare, perché non sappiamo se questo tetto è imposto dagli uomini, se rimane chiuso dalla società o se sono le donne stesse che, per loro stessa scelta, preferiscono non romperlo.

Perché, non inganniamoci, nel XXI secolo il problema non è dove la donna vuole andare - abbiamo scienziati, politici, banchieri, ma ne abbiamo pochi - ma cosa sei disposto a rinunciare per arrivarci


E la rassegnazione è, nella stragrande maggioranza dei casi, famiglia. Certo, quelli che difendono la piena eguaglianza arriveranno ora e assicureranno che la donna non possa ascendere fino a quando l'uomo non cambierà così tanti pannolini come lei. Ma questa non è la domanda.

Il coinvolgimento del padre in compiti precedentemente riservati alla madre è molto buono, ma ciò non significa che la madre sia costretta a rinunciare a determinate attività a causa della sua crescita personale. Cioè, sebbene il premuroso padre si occupi pomeriggio dopo pomeriggio dei suoi esigenti figli affinché la madre di successo possa lavorare, la madre si arrende ugualmente. Solo che invece di rinunciare alla cura della sua famiglia attraverso un caregiver, si dimette attraverso il padre dei bambini. Ma lui rinuncia anche.


Ecco perché penso che il soffitto di vetro che non abbiamo ancora rotto - in parte perché la società ancora non lo accetta, in parte perché alcuni uomini non lo vogliono - è quello della vera conciliazione, che ci permette di porre un limite spazio-temporale a ciascuna area di azione della persona, che permette di dire: "Fino a qui", e di entrare da quel momento in "modalità madre".

La sfida non è affatto banale, perché abbiamo ancora lo schifo vecchio stile di ieri che equivale programma di presenza con un lavoro efficace. Prima di frasi e rancido del tipo "lavora molto, lascia molto tardi al lavoro", da un giovanissimo pensavo che in realtà quello che succede è che si ciba molto poco, o che forse è distratto da una frequenza inusuale, o che, con quella del fumo devi lasciare l'edificio, puoi vedere più dentro che fuori, o che i pasti "di lavoro" sono più lunghi di quanto ti rendi conto.



La prima volta che ho detto di no a un incontro di lavoro in "programma per bambini" ho continuato a pensare che sarebbe stato, per il resto della mia vita, considerato "che non arriverà a nulla perché non ha tempo".


Ma, con mia sorpresa, la controparte dell'incontro non solo non ha posto il minimo problema, ma piuttosto si è congratulato con il mio coraggio e la mia decisione di dividere in compartimenti il ​​tempo e mi ha citato per la prima cosa la mattina dopo. So che questo non si applica a tutti i lavori. Riconosco che non tutti gli orari sono conciliabili. Ma molti possono riconciliarsi di più.

Immagino che mentre invecchio sto diventando più spudorato e già ci sono pochi impegni che accetto oltre il tempo di andare a prendere i miei figli a scuola.

La sorpresa è che questo "soffitto di vetro" non era né un soffitto né un vetro. Era un limite che credevo esistesse ma non era davvero lì. Perché mi sono incontrato solo in questo periodo con una persona che ha confutato la discussione. Il resto - uomini e donne - applaude che, alla fine, per finire davvero con questi famosi soffitti, mettiamo tutto al suo posto e, soprattutto, nella sua ora.

- Madri e lavoratori, la giocoleria della conciliazione

- 7 consigli per riconciliare famiglia e lavoro

- Le madri spagnole hanno solo due ore e mezza al giorno per i loro figli

- Le donne conducono meglio degli uomini

- 10 proposte politiche per essere una donna e una madre

Video: Utilizzare il motore di ricerca di Google per trovare il telefono


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...