Madri e lavoratori, la giocoleria della conciliazione

La donna è venuta al mercato del lavoro per restare e oggi, la stragrande maggioranza delle madri combina il loro ruolo nell'educazione dei figli con una prestazione professionale. Il dibattito sulla conciliazione sindacale rimane aperto su più fronti e, nel frattempo, ogni madre cerca di adattarsi alle condizioni che sono imposte nella vita per affrontare il meglio che può. Qui non ci sono ricette miracolose. In ogni casa gli ingredienti sono adattati in modo che l'importante sia sempre "thisfamilywelove".

Cosa chiedono le donne nel mercato del lavoro?

Perché funzionano? Funzionerebbero se non avessero bisogno dei soldi? Il lavoro fuori casa viene eseguito dalle madri? Le famiglie hanno capito i cambiamenti nei ruoli tradizionali? Dalla generazione delle nostre nonne alla nostra c'è stato un cambiamento sostanziale nel modo di comprendere il ruolo delle donne sia all'interno che all'esterno della casa. Ma come in tutti i cambiamenti sociali, c'è ancora molta strada da fare fino a quando l'equilibrio tra lavoro e maternità è perfetto.


Una delle insidie ​​insidabili che le donne incontrano il suo sviluppo professionale è quello del cosiddetto soffitto di vetro. Il problema non sta nel fatto che le donne abbiano o meno accesso a posizioni dirigenziali. Questo punto di vista, spesso distorto dall'ideologia, è ovvio se le donne vogliono davvero avere accesso a posizioni dirigenziali per finire a creare quote che possono persino danneggiare l'immagine delle donne che riescono a raggiungere i loro sforzi, e non con discriminazione positiva.

Il nodo gordiano è, per la professoressa Cristina Noriega, terapeuta familiare presso l'Istituto di famiglia dell'Università San Pablo CEU, se l'attrezzatura aziendale "punisce" ancora quelle donne che decidono di porre un limite ragionevole al loro lavoro per essere in grado di riconciliarsi con la maternità. Per questo esperto, in quella punizione, che è specificamente inquadrata nelle difficoltà da promuovere, si trova la decisione di molte donne di posporre e limitare la loro maternità. Vale a dire, la maternità finisce per essere vista come un limite allo sviluppo professionale, come una scelta contro la crescita del lavoro, invece di essere intesa come elementi complementari e arricchenti.


Lavora con un maggior grado di conciliazione

Da un punto di vista sociologico, in generale ci sono donne che lavorano per la crescita personale e che potrebbero scoprire che, una volta raggiunte posizioni elevate, trovano molto difficile rinunciare a ulteriori promozioni per conciliare; mentre altre donne lavorano per necessità, perché non hanno soldi, o perché preferiscono un lavoro per restare a casa. Nel punto medio, spiega Noriega, ci sarebbe l'equilibrio mantenuto da queste donne che sono chiare loro vogliono lavorare e allo stesso tempo Cercano posti di lavoro che consentano loro un maggior grado di conciliazione.

Sebbene la società stia aprendo gli spazi necessari per l'integrazione delle donne nel mercato del lavoro, resta ancora molto da fare una vera conciliazione e una piena accettazione del cambiamento dei ruoli cosa sta succedendo In realtà, le difficoltà affrontate dalle donne sono ancora più pronunciate in Spagna rispetto agli altri paesi limitrofi, perché gli orari di lavoro rendono meno praticabile che la conciliazione sia una questione sia per le donne che per gli uomini.


Poiché molti lavori non sono compatibili con la vita familiare, un membro della famiglia è costretto a limitare il proprio lavoro per prendersi cura della prole. Nell'attuale configurazione della società e con un divario di stipendio brevettato tra uomini e donne, è ancora la madre che interrompe la sua carriera professionale in misura maggiore.

Il ciclo di vita delle donne: la maternità

In questo stesso senso, accade che il ciclo di vita delle donne finisca segnato non tanto dalla famiglia ma dai loro leader. La decisione sulla maternità non si basa su una componente economica attuale, ma sulle ripercussioni sul lavoro e sulle conseguenze derivanti dall'annunciare una nuova gravidanza o un nuovo congedo di maternità.

Se al lavoro hai bisogno di un cambiamento di atteggiamento nei confronti della maternitàanche in casa è necessario che tutti i suoi membri comprendano il peso di una donna lavoratrice. L'idea della madre che può con tutto deve essere sostituita da quella di una madre che, mentre lavora, ha bisogno e si aspetta la collaborazione di tutti. Solo quando la donna e il suo ambiente capiranno che ci sono tali limiti, saranno in grado di vivere pienamente l'equilibrio tra lavoro domestico e lavoro fuori casa.

che L'equilibrio richiede non solo di valutare il lavoro fuori casa, ma anche di valutare la famiglia. Perché uno dei problemi che stiamo ancora vivendo con la rapida trasformazione della società dopo l'incorporazione delle donne nel mercato del lavoro è che siamo passati da un estremo: l'idea che la madre lavoratrice rinunciasse alle funzioni - al contrario - l'idea che la madre che vuole prendersi cura di sé non sia realizzata come persona. Il problema è che "i movimenti sociali tendono a passare da un estremo all'altro", afferma Noriega.

Nel frattempo, non ci sono ricette miracolose."La vera conciliazione è quella di adeguare le circostanze lavorative in base a ciascuna famiglia", conclude questo esperto dell'Istituto di famiglia dell'università San Pablo CEU.

María Solano Altaba. Professore e direttore della rivista CEU Thisfamilywelove

Video: Anche Bari ha il suo "Pipita": Gonzalo re dei giocolieri al semaforo


Articoli Interessanti

Ricetta per smettere di fumare

Ricetta per smettere di fumare

Smetti di fumare! Sì, è facile da dire e difficile da raggiungere. Ci sono molte ragioni per smettere di fumare: dal costo economico alla salute di se stessi e degli altri, specialmente i figli di...

I giovani sono i più letti in Spagna

I giovani sono i più letti in Spagna

il lettura È una delle attività che ha i maggiori benefici per le persone. Dalla distrazione all'apprendimento di nuove conoscenze e allo sviluppo di capacità cognitive. Che siano su carta o sullo...