Perfezionismo e confronto: i due veleni dell'autostima

Nella costruzione di una sana e buona autostima ci sono due freni, perfezionismo e confronto, che impediscono il loro sviluppo. E c'è una grande differenza tra avere un certo livello di Auto-richiesta ed essere un perfezionista, o non essere mai soddisfatto perché stai sempre confrontando te stesso con gli altri.

Il fatto di mettere interesse a fare il meglio in ogni momento e mostrare tutte le nostre capacità e qualità, e non la metà, è qualcosa di positivo e proattivo. Vivere con la decisione di offrire e mostrare tutto il bene che c'è in noi ci aiuta a migliorare noi stessi e a dare il meglio, ma sapendo che possiamo offrire solo ciò che abbiamo.

Invece, il il perfezionismo è utopico, è camminare verso un impossibile, perché come esseri umani abbiamo più parti lavorate, qualità e punti di forza, ma anche altri che devono essere sviluppati e che hanno, quindi, un grande potenziale di miglioramento. Cercare di evitarli o nasconderli può sempre indebolire il tuo stima di sé.


Perfezionismo, nemico dell'autostima

Fingere di piacere sempre, fare tutto bene ed essere il migliore in tutto è una lotta estenuante e impossibile che spesso genera molta frustrazione, delusione, senso di colpa e bassa autostima, perché ti fa sentire che qualsiasi cosa tu faccia "non è mai abbastanza" e "ci potrebbe sempre essere fatto meglio. "

Le persone perfezioniste tendono ad avere un certo grado di insicurezza e mancanza di fiducia e spesso soffrono di ansia e stress, per questo motivo è importante superare il perfezionismo. Ritarda il lavoro, i progetti e i sogni cercando di renderli perfetti, perdendo opportunità e gran parte del loro tempo libero e tempo libero.

E il fatto che crediamo di poter fare meglio, ci collega a questo secondo veleno per l'autostima, che è il paragone, perché se penso che potrei fare meglio, il paragone entra in gioco perché cosa intendo di meglio? ?


Il paragone, il secondo veleno per l'autostima

Ci siamo tutti paragonati più di una volta a qualcuno, forse perché siamo abituati a vederlo intorno a noi, nella nostra famiglia, a scuola con compagni di classe perché: studiano di più, ottengono voti migliori, sono più ordinati, più obbedienti, più coraggioso, più calmo ... la lista è infinita.

Dal piccolo siamo in competizione con gli altri per sentirci validi e amati, "abbastanza" e ci confrontiamo con gli altri a volte con la fortuna che l'altro "ha peggio" e così ci sentiamo superiori grazie all'errore o alla debolezza dell'altro e altri A volte ci sentiamo male, incapaci perché il nostro falso concorrente "lo ha reso migliore".

Crescendo, cresce anche la lista dei paragoni: ho più o meno studi, guadagno più o meno soldi, ho un buon partner o non ce l'ho ...

Soluzioni per migliorare l'autostima

- Impara a sentirti unico e speciale, proprio come lo siamo noi.
- Presta attenzione a ciò che ci rende felici, senza guardare gli altri.
- Ama quello che siamo e quell'amore ci fa sentire bene per evitare il bisogno di approvazione esterna.
- Metti l'accento più sulle virtù e sui punti di forza, nella nostra essenza.
- Fare le cose a modo nostro e offrire il meglio di te stesso.
- Osserva l'altro, non per confrontare, aumentare o diminuire me, ma per imparare.


Cercare di piacere a tutti è sempre perdere tempo perché l'opinione degli altri dipende da molti fattori e ti sentirai sotto pressione e teso senza essere in grado di essere veramente te.
La proposta è di essere la versione migliore di te stesso e lasciare che il mondo apprezzi la tua essenza, perché non c'è nessuno come te, che pensa, muove, parla ... come te.

Idoia Berridi. Nutrizionista e life coach. Autore del metodo BeLove del libro. Blog Sii felice, sii sano, sii tu.

Video: Mensagem 09 - A Libertação do Espírito


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...