Come raggiungere l'autonomia nei bambini con deficit di attenzione

Educare un bambino non è un compito facile. Questa missione diventa particolarmente difficile in quei casi in cui il bambino ne presenta alcuni problema come il deficit di attenzione. In queste situazioni che vengono messe in salita devi sapere come procedere e stimolare il modo migliore per il piccolo.

La prima cosa da sapere in questi casi è che i bambini con un disturbo di deficit di attenzione non hanno una capacità intellettuale inferiore rispetto al resto. Questo è indicato dal neuropsicologo clinico Paloma Méndez da Miguel, Hospital Quirónsalud San José, il che spiega che questi studenti possono studiare la loro vita accademica nel modo più normale dei loro compagni di classe.


Autonomia nei bambini con deficit di attenzione

Il fatto che un bambino soffra di deficit di attenzione non significa che abbia meno capacità dei suoi pari, semplicemente che ha bisogno di aiuto per stimolare la sua autonomia. Il dottor Méndez spiega che anche se "appaiono" difficoltà negli studi nei bambini con questo disturbo neurobiologico "questi saranno correlati all'intensità dell'immagine e non" con l'intelligenza di questi, dato che l'ADHD non è legato alla capacità intellettuale ".

Per raggiungere la normalità scolastica nel scuola con deficit di attenzione, è necessario scommettere su strumenti che promuovono la loro autonomia. Ecco alcuni modi per aiutare questi bambini:


- Dividi i compiti scolastici. Questi bambini dovrebbero essere divisi i loro compiti in piccoli passi. Ciò aumenterà la tua persistenza quando si tratta di risolvere i compiti.

- Migliora il modo di dare ordini. Questi bambini dovrebbero ricevere istruzioni chiare, brevi e semplici.

- I genitori dovrebbero favorire l'uso e l'applicazione delle auto-istruzioni incoraggiare la lingua interna come fattore importante nella direzione dei comportamenti.

- Aumentare la motivazione. Non c'è nulla che stimoli più di una ricompensa per un lavoro ben fatto o un complimento quando si raggiunge qualcosa di positivo in modo che la sensazione di competizione li spinga ad andare avanti.

- Aumenta la tua riflessività. Dopo aver completato i loro compiti, devono consentire ciò che pensano ad alta voce e ciò che potrebbero migliorare per favorire il linguaggio interno come mediatore del comportamento.


- Non prestare attenzione. Se il bambino ha capito cosa dovrebbe fare, dobbiamo lasciarlo agire con autonomia e fidarsi di lui. Ovviamente, i genitori devono essere presenti per risolvere eventuali dubbi del minore, se ciò si verifica, ma non per distrarlo.

- Evita discussioni e rimproveri poiché l'attenzione negativa è anche un rinforzo.

 

Obiettivo dell'autonomia nei bambini

Non dimenticare che la missione al momento di stimolare l'autonomia nei bambini non è che semplicemente approvano. L'obiettivo è che sia in grado di fare le cose per se stesso, senza che nessuno le ricordi e possa affrontare nuove sfide che potrebbero sorgere in futuro. Per questo motivo, i genitori dovrebbero essere di supporto, non un sostituto quando si tratta di risolvere i problemi dei loro figli.

Né dovrebbero essere a freno e negando ai bambini la possibilità di agire per se stessi. Dobbiamo dare fiducia, finché non c'è pericolo per il bambino, al fine di aumentare i gradi di autonomia dei membri più giovani della famiglia. Ad esempio, vuole vestirsi da solo, prima gli deve essere insegnato come farlo e spiegare a cosa serve ogni indumento, quindi può ripeterlo in un secondo momento.

Damián Montero

Video: Riabilitazione per Bambini con Disturbi del Neurosviluppo (autismo, ritardo psicomotorio)


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...