Come superare una pausa sentimentale ed essere il tuo miglior partner

Tutto il rotture sentimentali Riguardano il disagio e un certo livello di dolore. Anche se non tutti sono per le stesse ragioni, e quindi alcuni sono addirittura liberatori, ad esempio quando si lascia una relazione distruttiva o tossica, che ha generato molta sofferenza e tensione, superare una rottura sentimentale ed essere il tuo miglior partner durante i primi 100 giorni è difficile trovare di nuovo la solitudine.

A volte. per l'affetto che a volte rimane o per la paura di lasciare la zona di comfort che, sebbene non renda felici le persone, è più facile per alcuni affrontare e creare una vita diversa da quella che hanno avuto fino ad ora, superare una rottura sentimentale Può essere fatto molto in salita.


Ma senza dubbio, i crolli emotivi più dolorosi sono quelli in cui è l'altro che decide di lasciarlo, ma siamo innamorati o c'è stato tradimento, infedeltà e inganno. In questi casi si danneggia anche l'autostima e la persona si sente affondata, triste, senza direzione, arrabbiata e insicura.

La sofferenza nelle rotture sentimentali

In ogni caso, è necessario affrontare la solitudine, avere la forza interiore per ricominciare, recuperare l'autostima e guarire le emozioni che ci danneggiano e impedirci di essere felici e liberi di nuovo.

Molte volte, oltre alla normale difficoltà di ricominciare senza la compagnia della persona che amiamo un giorno, lo troviamo Molte persone si puniscono, incolpano se stessi e sentono di aver fatto qualcosa di sbagliato, che hanno fallito, che avrebbero dovuto essere o aver fatto altre cose salva la relazione, hanno messo sulle loro spalle la totale responsabilità che il rapporto non ha funzionato o si sentono vittime e si lasciano prendere dal risentimento e dal male che l'altro ha fatto, nel male che è.


E mentre continuano a occuparsi degli errori degli altri e di quanto si sentano poveri, perdono ogni attenzione per essere felici e creare una nuova vita e imparare da quello che è successo.

Tutto ciò si allunga soffrendo molto più del necessarioRende persino alcune persone intrappolate in un evento traumatico del passato per anni, lamentandosi e rassegnato o risentito per gli uomini, le donne o la vita.

Come essere il tuo miglior partner dopo una pausa sentimentale

Per non soffrire più del necessario e lasciare una pausa più forte, dobbiamo imparare alcune chiavi:

1. Evitare di cadere vittima. Qualunque cosa l'altro abbia fatto male, appartiene a lui, dobbiamo amare noi stessi abbastanza da voler stare bene e lasciare andare quello che è successo e l'altro. A volte, arrabbiarsi con l'altra persona è il modo di rimanere uniti alla persona cattiva, perché perdonare e concentrarsi sulla propria vita dà più dolore e paura che lasciar andare quella persona e il passato che hanno vissuto insieme.


È normale che alcune settimane siano arrabbiate, ferite, ossessionate dall'evento e poi passino attraverso il dolore e la paura del futuro. davvero è utile lasciarci piangere, gridare, scrivere tutto ciò che fa male, quello che sentiamo e poi lo bruciamo, colpiamo un cuscino, diciamo cosa ferisce chi amiamo. È salutare esprimerlo apertamente, senza volere essere forti, perché è anche la forza di dare il permesso di essere vulnerabili e di essere tristi o spaventati, quelle emozioni devono essere canalizzate ed eliminate e quindi accettare ciò che è accaduto ed essere in grado di girare la pagina.

Ma una volta passato quel duello e aver permesso a tutte quelle emozioni di esprimersi e di avere un posto, è necessario prendere il passo di lasciar andare. Liberare è essenziale per amare noi stessi per immaginare una vita diversa, bello, felice e pieno del nostro amore e quello di amici o familiari. Per uscire dalla vittima la persona ha bisogno di riconoscere il suo potere personale, la sua forza interiore e che la sua vita è nelle sue mani e che non è un povero burattino mosso dalla vita, con sfortuna.

Perché non possiamo cambiare alcune cose che accadono a noi, ma ovviamente se possiamo scegliere come viverli, sia come disonore, sia come qualcosa da cui possiamo imparare, con ciò che possiamo essere più forti e come una nuova opportunità di vivere esperienze migliori, che sono più in linea con ciò che vogliamo e ci rendono felici. Essere consapevoli del fatto che una porta si chiude, ma si aprono infinite possibilità.

2. Metti l'accento su ciò che vuoi sperimentare, invece di ciò che non hai o non ti manca. È importante alzarsi ogni mattina pensando a cosa posso fare oggi che mi rende felice? La persona dovrebbe coccolarla e prendersi cura di lei come si prenderà cura di un bambino delicato, con molta tenerezza, comprensione e amore e con l'intenzione di renderla felice e darle tutto quello di cui hai bisogno

Per questo, è molto bello da fare una lista di cose che mi rendono felice e quindi impostare le date per eseguirli. Perché quando abbiamo torto, tutto ci dà pigrizia e nulla di ciò che sentiamo, ma dobbiamo prima fare lo sforzo di fare le cose anche se non ne abbiamo voglia, di cambiare l'energia e rompere l'abitudine di pensare a quello che è successo perché questo ci porta a generare Le stesse emozioni che ci feriscono e ci stagnano.

3. Rimani attivo. Ora possiamo riprendere: corsi di sviluppo personale, cucina creativa, pittura, danza, sport, viaggi, design, giardinaggio, fotografia ... La persona deve uscire di casa, essere attiva e soprattutto fare cose diverse perché crea nuove reti neurali e con essa nuove emozioni diverse da quelle che riportano ricordi del passato e che producono dolore.

Essere attivi produce anche sostanze neurochimiche che ci fanno sentire bene e questo è ciò di cui la persona ha bisogno, uscire dall'abitudine di rimanere intrappolato in quello che è successo e dai ricordi che affondano sempre di più.

4. Re innamorato della vita. La persona ha bisogno di sentire di essere nato di nuovo, ma più saggio e più capace, con più strumenti per vivere l'avventura della vita, che si aspettano migliaia di nuove esperienze e che ha la cosa più importante, la vita.

Quando termina un ciclo, è vitale vederlo come qualcosa di più naturale, proprio come il giorno finisce e inizia la notte, qualcuno che amiamo si allontana per lasciare il posto a nuove esperienze.

Possiamo ringraziare per il bene che abbiamo ricevuto ad un certo punto ed essere compassionevoli con noi per aver scelto o mantenuto qualcosa che non ci ha fatto bene, ma ci sentiamo orgogliosi e fortunati perché siamo liberi di ricominciare.

Ciò di cui hai particolarmente bisogno è amare te stesso per voler andare avanti con la tua vita ed essere felice, non sprecare il prezioso tempo che ti è stato dato con ciò che non lo è, ti sta amando per continuare a pensare a qualcosa che non esiste più? Non pensi di meritare di essere felice? Credi in te

Idoia Berridi. Nutrizionista e life coach. Autore del metodo BeLove del libro. Blog Sii felice, sii sano, sii tu.

Video: Come far sì che senta la tua mancanza


Articoli Interessanti

Ricetta per smettere di fumare

Ricetta per smettere di fumare

Smetti di fumare! Sì, è facile da dire e difficile da raggiungere. Ci sono molte ragioni per smettere di fumare: dal costo economico alla salute di se stessi e degli altri, specialmente i figli di...

I giovani sono i più letti in Spagna

I giovani sono i più letti in Spagna

il lettura È una delle attività che ha i maggiori benefici per le persone. Dalla distrazione all'apprendimento di nuove conoscenze e allo sviluppo di capacità cognitive. Che siano su carta o sullo...