L'inserimento lavorativo: l'ascesa sociale dei giovani

La crisi economica iniziata nel 2007-2008 e che attualmente si sta ritirando ha avuto un impatto piuttosto negativo sulla popolazione giovane, anche se prima di iniziare questa crisi, i giovani erano già uno dei gruppi con la maggiore difficoltà nel loro inserimento lavorativo. Ma il livello di formazione può migliorare l'occupabilità per ottenere un lavoro.

La maggior parte delle relazioni pubblicate su questo argomento concludono che la formazione è la chiave per ottenere un lavoro o un lavoro di qualità, con salari più alti e meno precarietà del lavoro. Il cosiddetto "sollevamento sociale" dei giovani continua a funzionare attraverso l'allenamento, una chiave per il loro inserimento lavorativo.

Fattori che influenzano l'inserimento lavorativo dei giovani

Trovare un primo lavoro è ciò a cui aspirano i più giovani, che battono la bandiera della loro educazione attraverso il loro curriculum. L'accesso alle aziende tramite una borsa di studio o un contratto di tirocinio è solitamente il più comune. Questi sono alcuni fattori che hanno contribuito a far brillare il curriculum dei giovani:


- Insuccesso scolastico nei suoi due aspetti: Abbandono scolastico che risponde a diversi problemi: fattori personali, scuola, ambiente familiare e sociale e assenteismo scolastico che si verifica principalmente nella fase obbligatoria del 3 ° e 4 ° dell'ESO e può essere il preludio dell'insuccesso scolastico.

Anche se il fallimento scolastico è attualmente in calo nel nostro paese, e sebbene continui a essere quasi il doppio della media UE, sta contribuendo a ridurre il numero di "ni-nis".

- Orientamento professionale. Se pensiamo che ci stiamo attualmente muovendo in un mondo del lavoro molto mutevole, non ha molto senso scegliere studi in funzione se ora c'è lavoro in una determinata specialità. Ma è importante fare un lavoro di "auto-conoscenza" (sono le aspettative che la persona considera valide per sviluppare il loro lavoro futuro: interessi, motivazioni, buon stipendio, socievolezza, creatività, prestigio, sicurezza, realizzazione personale, ecc.)


- Giovani con formazione universitaria sono valutati positivamente dalla maggior parte delle aziende, anche se alcuni pensano che manchino di formazione pratica, capacità di risolvere problemi, iniziativa, ecc. Ma apprezzano anche le aziende che ottengono esperienza e miglioramento della lingua se viaggiano all'estero per un po ', perché quando ritornano aumentano le loro possibilità di trovare un lavoro migliore.

È importante aumentare gli stage nelle aziende attraverso accordi stabiliti con le università.

Aumentare il numero e la dotazione economica nella concessione di borse di studio perché, a causa della crisi economica, la sua concessione e l'importo sono diminuiti, colpendo gli studenti con minore capacità economica.

- Nel caso della formazione professionale l'aumento degli studenti di cicli di formazione si distingue da alcuni corsi. Secondo l'OCSE, le aziende hanno bisogno di più lavoratori con una formazione di medio livello, con competenze superiori rispetto all'istruzione primaria ma inferiori a quelle acquisite nell'università. Secondo lo stesso organismo verso il 2020, quasi due terzi dei nuovi posti di lavoro saranno occupati da profili tecnici, vale a dire con il titolo di FP. Di conseguenza, le politiche educative dovranno rafforzare ulteriormente questa formazione.


Il Dual Vocational Training è un esempio di alcuni studi che ogni anno accademico stanno aumentando il numero di studenti e collegano la formazione con il lavoro e lo stage in azienda, ricevendo allo studente un piccolo stipendio. Si stima che circa il 40% degli studenti che completano la formazione vengano assunti nella stessa azienda che ha sviluppato il proprio apprendimento.

- Per il gruppo di giovani chiamato "ni-ni", che né studi né lavoro e che grazie al miglioramento dell'attuale mercato del lavoro il loro numero è stato ridotto, dal terzo trimestre del 2015, è iniziato il piano di garanzia per i giovani nel 2013, un'iniziativa del Fondo sociale europeo per ridurre la disoccupazione giovanile rivolto a persone di età compresa tra 16 e 25 anni o di età inferiore ai 30 anni con un grado di disabilità, iscritto o meno ai servizi di occupazione.

L'obiettivo è garantire che ricevano un'offerta di lavoro, una formazione continua o un periodo di tirocinio nei quattro mesi successivi alla costituzione del programma. È finanziato e programmato per il periodo 2014-2020, con una valutazione intermedia prevista per il 2017.

Infine, oltre ai fattori esposti, ce ne sono altri che possono aiutare i nostri figli, come il bisogno di coinvolgimento della famiglia, la società, il mondo del lavoro e altre istituzioni, e valorizzare i valori dei nostri giovani come la tolleranza alla frustrazione, resilienza, perseveranza, motivazione ed empatia tra gli altri, possiamo migliorare le capacità professionali e formative per accedere all'occupabilità dei nostri giovani.

Mercedes Corbella

Video: Elezioni Germania: rifugiati sempre ben accetti?


Articoli Interessanti

Ricetta per smettere di fumare

Ricetta per smettere di fumare

Smetti di fumare! Sì, è facile da dire e difficile da raggiungere. Ci sono molte ragioni per smettere di fumare: dal costo economico alla salute di se stessi e degli altri, specialmente i figli di...

I giovani sono i più letti in Spagna

I giovani sono i più letti in Spagna

il lettura È una delle attività che ha i maggiori benefici per le persone. Dalla distrazione all'apprendimento di nuove conoscenze e allo sviluppo di capacità cognitive. Che siano su carta o sullo...