I virus causano il 90% delle infezioni infantili e non hanno bisogno di antibiotici

I pediatri lo avvertono antibiotici sono medicinali usati per trattare infezioni causate da batteri e che non sono efficaci contro virus o altri microrganismi. Il rischio di uso improprio e abuso di antibiotici sta favorendo lo sviluppo di resistenza agli antibiotici da parte di microrganismi, in modo che domani non guarirà.

Il Comitato dei medicinali dell'Associazione spagnola di pediatria (AEP) vuole richiamare l'attenzione sull'abuso che potrebbe essere fatto di questi farmaci nel campo della pediatria. "Non c'è dubbio che un'alta percentuale di antibiotici prescritti non è necessaria", ha detto il dott. Roi Piñeiro Pérez, membro del comitato. "Oltre il 90% delle infezioni che i bambini hanno nei primi 2-3 anni di vita sono virali, e quindi no hanno bisogno di antibiotici; tuttavia, è raro trovare un bambino spagnolo al di sotto dei 3 anni che non abbia ricevuto 2 o 3 cicli antibiotici, almeno, durante la sua breve vita ".


Pressione dai genitori per richiedere un antibiotico

"Gli antibiotici non sono analgesici e non possono alleviare mal di testa, mal di gola, curare un raffreddore o rimuovere la febbre. infezioni invernalis che influenzano il naso, orecchie, gola o polmoni è prodotto da virusquindi somministrare antibiotici al bambino non è, in ogni caso, per alleviare questa sintomatologia ", afferma il dott. Piñeiro ricordando che, a volte, c'è una pressione da parte della famiglia che richiede un certo antibiotico per curare il catarro di suo figlio.

"I sintomi del raffreddore possono essere alleviati con altri farmaci, come gli analgesici che riducono il disagio o il dolore. Nel caso dell'influenza, l'unico modo per prevenire la sua insorgenza e i sintomi è attraverso la vaccinazione", aggiunge.


Aspetta prima di prescrivere un antibiotico

D'altra parte, questo esperto sottolinea che le malattie sono evolutive e raccomanda di attendere un tempo prudenziale che consenta di osservare l'evoluzione delle patologie e di avere una diagnosi, prima di somministrare un antibiotico. "Di fronte a una sindrome febbrile di meno di 6 ore di evoluzione, con buone condizioni generali e normale esame fisico, la cosa indicata è aspettare, la maggior parte delle malattie invernali migliorano dopo due settimane".

Tenendo conto di queste indicazioni generali, ricorda che i bambini sotto i 3 mesi con febbre devono sempre essere esaminati da un pediatra, "perché il rischio di una grave infezione batterica è maggiore", dice.

"Da lì, e soprattutto dopo 2 anni in bambini ben vaccinati, lo stato generale è molto più importante della stessa febbre, se il bambino risponde bene agli antipiretici, è felice, gioca, corre, mangia forma accettabile, ridere e / o combattere con il pediatra durante la consultazione, è molto probabile che non abbia un'infezione batterica ", spiega il medico.


Infine, i pediatri insistono sul fatto che "solo quando vi è il sospetto di infezione batterica possono essere prescritti antibiotici e i genitori non dovrebbero mai auto-medicare con un antibiotico senza consultare il pediatra". È anche importante che "venga assunto nelle dosi, nelle linee guida e nel tempo raccomandato dal pediatra, senza sospendere gli antibiotici anche se i sintomi della malattia scompaiono, tranne che per indicazione medica".

I pediatri fanno appello alla responsabilità dei genitori, che "devono fidarsi del loro pediatra, solo riducendo l'uso inappropriato di antibiotici ci proteggerà dalle infezioni da batteri multiresistenti, ogni antibiotico che risparmiamo è una nuova opzione terapeutica per il futuro", dice. il dottore

Antibiotici che hanno smesso di essere efficaci

Ci sono alcuni antibiotici, come la penicillina, che sono efficaci solo in alcune malattie. "Quando non servono a curare alcuna infezione, sarà come se fossero stati estinti, perché non avrebbe senso produrlo", avverte il dottor Piñeiro.

"Il tasso di sviluppo di nuove resistenze da parte dei batteri è maggiore della comparsa di nuovi antibiotici, quindi se non invertiamo questa tendenza, c'è il potenziale rischio di tornare all'era preantibiotica e l'arrivo di infezioni nei confronti In effetti, ci sono già alcune malattie infettive di fronte alle quali non esiste una cura, come una tubercolosi estremamente resistente ", dice questo dottore. Non invano, la resistenza agli antibiotici è classificata come "rischio globale" nella relazione annuale del World Economic Forum.

Marisol Nuevo Espín
consiglio: Doctor Roi Piñeiro Pérez, membro del comitato dei medicinali dell'Associazione spagnola di pediatria (AEP)

Potrebbe interessarti:

- 1.000 antibiotici adattano il loro formato alla dose esatta

- Ridurre l'uso di antibiotici aumenta le difese

- I farmaci per il raffreddore nei bambini sono pericolosi?

Video: Curación con Aminoácidos, por Adolfo Pérez Agustí


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...