Trattamenti farmacologici: quando sono necessari?

Quando i genitori scoprono che i loro figli usano droghe, le reazioni iniziali spesso includono sensi di colpa, rabbia, vergogna o addirittura non vogliono accettare la realtà. Nel mezzo di questa tempesta di emozioni, i genitori si trovano soli e senza supporto, qualcosa che contrasta con la situazione dei bambini. Probabilmente fanno parte di un gruppo che parla apertamente di droghe e si sostiene l'un l'altro ... spesso contro, appunto, i genitori.

Quando è necessario un trattamento contro la tossicodipendenza?

il trattamento farmacologico È essenziale quando le droghe sono integrate nella vita di una persona, in modo tale da organizzarla sottoponendo altri obiettivi vitali come relazioni affettive stabili, mantenimento di un lavoro, livello di studi o problemi legali. Tuttavia, non è necessario attendere che le situazioni di gravità facciano ricorso a un centro di assistenza sanitaria poiché in esse, i consumatori e le loro famiglie, troveranno informazioni e indicazioni.


Attraverso il trattamento della tossicodipendenza si intende che la persona rimanga in astinenza ai farmaci, cioè che non ha bisogno di consumare, affrontando la loro dipendenza sia fisicamente che psicologicamente. Ci sono anche altri trattamenti in cui questi obiettivi non vengono sollevati, ma un miglioramento della qualità della vita, cioè una riduzione del danno prodotto dal consumo, senza pretendere l'astinenza alla sostanza consumata.

Quali tipi di trattamento farmacologico esistono?

Secondo gli obiettivi stabiliti dal trattamento farmacologico, ci sono diversi programmi:

- Programmi senza farmaci. Mirano ad astenersi e a cambiare lo stile di vita del farmaco dipendente. Consiste di tre fasi:disintossicazionedove si tratta di dipendenza fisica;riabilitazione, il cui obiettivo è quello di ristrutturare la vita dell'individuo che recupera la famiglia, i rapporti sociali ... e il reintegrazione, che mira a facilitare il loro adattamento all'ambiente sociale.


- Programmi di riduzione del danno. L'obiettivo è migliorare la qualità della vita del consumatore senza pretendere di essere astinente (programmi di metadone, centri di emergenza sociale, dispositivi mobili ...).

Alternative quando non vi è alcuna motivazione per il trattamento

A volte, quando la persona non riconosce la propria dipendenza o non mostra alcun interesse nel fare un trattamento, o modifica la propria situazione di consumo, le azioni della famiglia sono decisive. È necessario che la famiglia stabilisca chiari modelli di risposta a questo problema, poiché dipenderà, in molti casi, dalla decisione finale della parte interessata. Per questo, è molto utile andare in un centro di consulenza familiare, dove i professionisti aiutano a stabilire queste linee guida, al fine di ottenere tale motivazione per il trattamento.

Cosa può fare la famiglia?

La famiglia svolge un ruolo importante nel processo assistenziale di un tossicodipendente, oltre a rendere più facile per il consumatore prendere la decisione di fare qualcosa per porre rimedio alla propria situazione, motivarla per il trattamento, può offrire un sostegno parallelo ad essa, decisivo nella riabilitazione. Parallelamente al processo che viene eseguito con le persone colpite, ci sono programmi in cui sono fornite linee guida di orientamento e azione per i membri della famiglia, consentendo loro di affrontare meglio queste situazioni.


Come affrontare il problema del consumo di droga a casa

Cosa dovresti evitare:

- disperazione Non tutti quelli che iniziano nel consumo di droghe diventano consumatori abituali.

- Incolpa lui, o "gettargli in faccia" tutto ciò che abbiamo fatto per lui.

- Diventa un persecutore, ossessionato dal seguire i suoi passi.

- Le critiche sono continuate e comportamento violento.

- Usa la punizione come l'unica risorsa per impedirgli di continuare a consumare.

- Lo molesto continuamente con domande, sospetti, accuse, ecc. lo allontanerà sempre di più da noi.

- Per ignorarlo non prestando attenzione.

Cosa dovrebbe essere cercato:

- Discuti con nostro figlio analizzando le circostanze che hanno portato al consumo.

- Favorire l'approccio di nostro figlio verso di noi, comportandosi in modo tale che vede in noi qualcuno a cui rivolgersi per chiedere aiuto, e non qualcuno che fugge per paura della punizione.

- Mostragli affetto per quello che è, indipendentemente da quello che fa.

- Rifletti su cosa possiamo fare per nostro figlio Cerca di trascorrere più tempo e fai più attenzione.

- Comprendi che siamo di fronte a un essere umano che ha problemi e non "un problema".

- Trasmettici che crediamo nelle sue capacità fermare i farmaci

- Sempre d'accordo con il nostro coniuge per quanto riguarda l'uso di droghe. Il messaggio non può essere ambivalente.

Non appena viene rilevato il consumo, sia esso sporadico o dipendente, dobbiamo agire il prima possibile e non nascondere il problema. Il primo passo è richiedere assistenza e guida. Questo primo contatto con i professionisti è essenziale per non sentirsi soli e persi.

Ricardo Regidor
consiglio: Trevor Grice, direttore di The Life Education TrustGuida per i genitori preoccupati per le droghe. Commissario per la droga. Junta de Andalucía. Documenti della FAD.

Video: Trattamento farmacologico dell'epilessia, cosa c'è di nuovo?


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...