La Spagna riduce il numero di ni-nis

Negli ultimi anni, la Spagna ha assistito all'aumento del cosiddetto "Ni-nis", giovani che non studiano né lavorano. Tuttavia, sembra che la situazione stia iniziando a migliorare e la Spagna vede come la sua "Ni-nis" sono ridotti. Tuttavia, c'è ancora molto da fare per raggiungere il limite del 10 percento, una percentuale in cui permangono alcuni paesi dell'Unione Europea come Germania, Olanda, Lussemburgo e Islanda.

Il 23% di "ni-nis"

Secondo il rapporto Panorama of Education 2016 dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) in Spagna, il numero di giovani di età compresa tra 15 e 29 anni che non studiano né lavorano è stato considerevolmente ridotto. Se nel 2014 questa percentuale della popolazione si attestava al 26%, nel 2015 questa cifra è stata ridotta a 23%.


Tre punti percentuali in meno che mostrano che in Spagna la situazione di questi giovani ni-ni, che non studiano né lavorano, è qualcosa di meglio. In effetti, questi dati migliorano se aggiungiamo l'aggiornamento che è stato fatto dal Ministero della Pubblica Istruzione che figura in a 19,4 % la popolazione di queste età che non studia né lavora. Secondo questo organismo, i dati dell'OCSE hanno valutato solo il primo trimestre del 2015 e il resto dell'anno questi dati sono migliorati.

Certo, è ancora lontano da quelli del 2005, quando la crisi economica non era iniziata. In quell'anno i "ni-nis" rappresentavano poco meno del 16% dei giovani di tra 15 e 29 anni. La riduzione di queste cifre ha reso la Spagna già in vantaggio rispetto ad altri paesi del nostro ambiente come la Grecia, con il 26,1%, o l'Italia, con il 27,4%. Inoltre, se si tiene conto dei dati del Ministero della Pubblica Istruzione, la differenza con altri paesi La Francia non è così tanto, dal momento che il paese gallico ha una popolazione del 17,2% "ni-ni".


C'è ancora lavoro per ridurre il numero di ni-nis

Ma prima dell'innegabile miglioramento della situazione dei "ni-nis" in Spagna, dobbiamo ricordare che dobbiamo continuare a lavorare. I dati del nostro paese sono ancora lontani dalla media dell'OCSE che è situata in a 14,6%. Entrambi i numeri forniti da questa agenzia e quelli offerti dal Ministero della Pubblica Istruzione sono lontani da questa percentuale, una prova che dobbiamo continuare a lavorare in questo senso.

In effetti, i paesi europei come Germania, Islanda, Lussemburgo e Olanda mantenere i valori di "ni-nis" sotto il 10%. Un obiettivo che la Spagna aspira a raggiungere nei prossimi anni e la riduzione di questo settore della popolazione nel 2015 fornisce ragioni per pensare che questo obiettivo possa essere raggiunto.

Apprendimento delle lingue per trovare un lavoro

Secondo uno studio condotto da Adecco, un importante consulente nel settore delle risorse umane in Spagna, in collaborazione con Infoempleo, il 32% delle offerte di lavoro che sono pubblicati nel nostro paese specifica la necessità di conoscere, almeno, una lingua straniera. Ma solo il Il 51% degli spagnoli domina un'altra lingua, un livello inferiore alla media europea, il 66%, secondo i dati di Eurostat.


Tuttavia, conoscere un'altra lingua aumenta le possibilità di assunzione. Nello specifico, la probabilità di essere scelti per un lavoro aumenta del 30% grazie al comando di un'altra lingua. Tuttavia, nonostante l'importanza di queste competenze per qualificarsi per un posto di lavoro, la Spagna è il terzo paese dell'Unione europea con un numero inferiore di adulti tra i 25 ei 64 anni che parlano almeno una lingua straniera, seconda solo all'Ungheria e alla Bulgaria.

Damián Montero

Video: Will New Technology Replace Jobs and Result in Greater Economic Freedom?


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...