Nuova proposta per estendere il congedo di paternità e maternità

Portare un nuovo bambino nel mondo è uno dei momenti più belli della vita, ci sono ancora minuti per approfittarne e goderselo nel modo desiderato. Questa attenzione ai bambini viene a volte interrotta dal lavoro dei genitori, dal momento che, sfortunatamente, le esigenze della forza lavoro attiva dopo aver vissuto l'esperienza di avere un nuovo figlio, devi tornare al lavoro.

Proprio questo è ciò che critica il Piattaforma per permessi parziali e non trasferibili di nascita e adozione, PPiiNA, che ritiene che il tempo che la legge stabilisce per il congedo di paternità non sia sufficiente. Per questo motivo, hanno presentato una proposta con l'idea di trasformarla in una proposta di legge in modo che questa volta lasciata ai padri e alle madri per prendersi cura dei loro figli neonati aumenterà nel corso degli anni.


Congedo di paternità e maternità di 9 mesi in 5 anni

L'idea di PPiiNA è quella Entro cinque anni, il congedo di paternità e maternità sarà esteso a nove mesi tra i due. Vale a dire, l'obiettivo non è altro che aggiungere il tempo che la legge lascia ai genitori e quello che è concesso alle madri, i tre trimestri vengono raggiunti in modo che la cura dei bambini sia maggiore di quella che la legislazione consente al giorno di oggi.

Attualmente, lLa legge consente ai genitori circa due settimane di congedo di paternità e il congedo di maternità è di 16 settimane per le madri. PPiiNA intanto lo propone in un primo passo con il loro proposta il permesso dei genitori è esteso fino a sei settimane, cioè un mese e mezzo non trasferibile. Dopo un anno, questa volta aumenterebbe in altre due settimane e cinque anni dopo.e raggiungere 16 settimane proprio come le madri.


L'attuazione di questa proposta per estendere il congedo di paternità significherebbe un aumento di Investimento statale in sei anni per raggiungere 1.400 milioni di euro. Il tutto con lo scopo di implementare l'aumento dell'autorizzazione dei genitori che, come altri diritti, come le vacanze o la disoccupazione, dovrebbe essere "personale" e non trasferibile.

L'importanza del padre nella cura del bambino

Proposte come PPiiNA ripropongono il ruolo importante che l'uomo ha una volta nato il bambino. Una figura molto importante sia durante la gravidanza, dal momento che il padre diventa un supporto fondamentale per la gravidanza durante questo periodo, come una volta che il bambino torna a casa. Ed è che il padre ha anche un ruolo cruciale sia nella cura del neonato e della madre nella trance dura che è il postpartum.

Questo Il periodo successivo al parto comprende sei settimane dopo la nascita. Durante questo periodo, il padre deve assicurarsi che la casa non diventi una fonte di stress per il suo partner durante questo periodo di recupero, se il neonato ha fratelli, il padre dovrebbe far capire loro come cambierà la vita da ora in poi. Allo stesso tempo, dovresti aiutare il più possibile perché il bambino riceve le cure necessarie perché un neonato richiede molta attenzione che non può essere data da una madre single.


In questo modo un aumento del congedo di paternità potrebbe avere benefici non solo nell'educazione del bambino, ma una maggiore presenza dell'uomo a casa durante l'educazione del bambino aiuta la madre a superare i problemi che possono essere riscontrati sia fisicamente che emotivamente. la consegna

Damián Montero

Video: A BARI LA UILA PRESENTA LA RACCOLTA FIRME


Articoli Interessanti

5 trucchi per rendere il tuo trucco più a lungo

5 trucchi per rendere il tuo trucco più a lungo

Oggi ci sono diversi tipi di basi per il trucco sul mercato. Compatto, liquido, crema, stick ... e promettono tutti la stessa cosa: lunga durata. E se nessuno di loro mentisse? Che cosa succede se il...

Cibo solido per il bambino: mai prima di 6 mesi

Cibo solido per il bambino: mai prima di 6 mesi

Le associazioni pediatriche più importanti al mondo consigliano di introdurre alimenti solidi nella dieta del bambino dopo 6 mesi. Prima di questa data, il latte materno o la bottiglia sono...