L'esame PISA 2018 misurerà il rispetto per altre culture

Il rispetto è un valore essenziale, necessario nell'educazione per raggiungere persone di successo in grado di assumersi la responsabilità. Il fatto che un bambino sia tollerante oggi ci dà indizi che, domani, sarà un adulto integrale, responsabile ed etico. Ed è proprio la presenza di questi valori nell'infanzia che l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) vuole misurare nel suo Test PISA del 2018.

Nello specifico, il Programma per la valutazione internazionale degli studenti (PISA) vuole includere un nuovo questionario durante l'anno 2018 misurerà il rispetto per le altre culture. Queste domande sono destinate ad analizzare l'atteggiamento degli studenti di 15 anni nei confronti di altre culture, il valore che danno alla dignità umana, se rispettano gli altri e il loro livello di responsabilità.


Responsabilità e tolleranza, importanti quanto la matematica

Finora, le variabili di base che misurano i vari test PISA erano la lettura di abilità, matematica e scienze. L'idea di aggiungere competenze relative al rispetto per gli altri è emersa a metà maggio in a Riunione dei ministri dell'istruzione del G7, cioè, Regno Unito, Canada, Francia, Germania, Italia, Stati Uniti e Giappone.

"La ricerca di soluzioni innovative per l'escalation dei problemi, dall'esaurimento delle risorse naturali a una più equa distribuzione della ricchezza e delle opportunità, dipende dalla capacità delle persone di agire in modo creativo ed etico e in collaborazione con gli altri. ", ha sottolineato la direttrice del Gabinetto dell'OCSE, Gabriela Ramos, che è stata incaricata di presentare la proposta.


Valutare la concorrenza globale è l'obiettivo dell'OCSE

In questo modo, l'obiettivo dell'OCSE è valutare la "competenza globale" degli studenti di 15 anni. Questo è, secondo Ramos, il "centro" di una visione più ampia che deve comprendere l'educazione del 21 ° secolo, che deve essere plasmata da tre principi: equità, coesione e sostenibilità.

A questo proposito, il direttore dell'istruzione e della formazione dell'OCSE, Andras Scheleicher, sottolinea che le scuole "devono preparare gli studenti a un mondo in cui le persone hanno bisogno di lavorare con altri di diversa origine culturale e apprezzare idee, prospettive e valori diversi dai tuoi ". Cioè, per essere in grado di lavorare in un ambiente sempre più globale.

In sostanza, ci si aspetta che i giovani di tutto il mondo siano sempre più immersi in ambienti multinazionali. "La sua vita sarà influenzata da problemi che vanno oltre i confini nazionali", afferma Scheleicher nel documento Competizione globale in un mondo inclusivo. Per questo motivo, è necessario che i giovani sviluppino maggiore fiducia nelle persone di altre culture, perché dovranno collaborare con loro.


Se questo nuovo questionario è approvato in PISA, potrebbe aiutare a rispondere se gli studenti di 15 anni sono preparati per la vita e l'impiego in un mondo globalizzato. Permetterà inoltre di sapere se i bambini hanno la capacità di comprendere e analizzare notizie e questioni culturalmente diverse; se le scuole educano i loro studenti a questo multiculturalismo e quali metodi usano; o come gli stereotipi ei pregiudizi culturali e di genere siano affrontati nei centri educativi.

Come può essere misurato? La proposta dell'OCSE stabilisce che vengono valutate diverse componenti cognitive dello studente: analisi del pensiero critico, capacità di interagire con rispetto, empatia, conoscenza e comprensione dei problemi globali o conoscenza interculturale, per citarne alcuni. .

Cosa succede con gli insegnanti?

L'educazione che i giovani ricevono nelle classi è essenziale. Ecco perché gli studenti devono essere in buone mani: persone che possono trasmettere quei valori di cui parliamo così tanto. Pertanto, l'OCSE prevede anche di conoscere la capacità degli insegnanti di rispondere alle diverse comunità studentesche e alle loro strategie di insegnamento in questo campo.

A tal fine, questa organizzazione internazionale ha pensato di misurare questa stessa "competenza globale" nell'ambito dello studio internazionale di insegnamento e apprendimento (TALIS), una sorta di test PISA che viene fatto agli insegnanti di tutto il mondo.

Damián Montero

Video: DOCUMENTAL - El gran misterio de las Matemáticas,DOCUMENTALES CIENCIA,


Articoli Interessanti

La nausea può essere davvero buona in gravidanza?

La nausea può essere davvero buona in gravidanza?

Nausea e vomito sono disagio molto frequente durante il gravidanza. Nonostante quanto sia difficile sopportare, una recente indagine mostra che possono essere utili per proteggere il bambino dalle...

Evoluzione del disegno per bambini

Evoluzione del disegno per bambini

Strisce, cerchi e zig zag sono i tratti che compongono gli scarabocchi dei bambini. Man mano che i bambini crescono, le opportunità di giocare, disegnare, imparare a parlare, camminare in modo...