Pregorexia: la paura di ingrassare in gravidanza

Restare magri durante la gravidanza è un'ossessione che colpisce sempre più donne, sebbene vada direttamente contro le leggi della natura. L'aumento di peso in gravidanza è necessario per la buona salute della madre e del bambino, eppure un nuovo disturbo alimentare sta entrando nel mondo delle donne incinte: pregorexia o la paura di ingrassare in gravidanza.

Sfoggiare unoestrema magrezza durante la gravidanza, come nel caso di alcune celebrità, ha portato a un nuovo disturbo alimentare, noto come Pregorexia, che è direttamente correlato alla paura di ingrassare. Nonostante le raccomandazioni di ostetrici e ginecologi sull'importanza di un moderato aumento di peso in gravidanza, ci sono molte donne che si sentono in colpa quando vedono che perdono la linea durante la gravidanza.


Disturbi alimentari in gravidanza in esame

Uno studio condotto nel Regno Unito sull'incidenza dei disturbi alimentari in gravidanza ha rivelato che il 7,6% delle donne in gravidanza studiate presentava sintomi compatibili con i disturbi alimentari e il 23,4% era molto preoccupato per la loro peso e la tua figura.

Un altro studio, in questa occasione australiana, ha rilevato che il 41% delle donne incinte che non soffrono di anoressia hanno problemi a controllare il proprio peso e il 20% crede che sia in questa fase della loro vita in cui sono più preoccupati del loro peso e dieta.

A Parigi, un altro studio è stato condotto sui disturbi alimentari durante la gravidanza, coinvolgendo 250 donne del reparto maternità di un ospedale parigino. Questa ricerca ha dimostrato che le donne in gravidanza vogliono controllare ciò che mangiano per non ingrassare troppo (poiché dopo il parto è molto difficile sbarazzarsi di quei chili in più) e anche per coprire i bisogni nutrizionali del bambino. Pertanto, per molti si tratta di raggiungere l'equilibrio tra i propri bisogni e quelli del bambino, che non può essere diagnosticato come patologia.


Tuttavia, si stima che, in generale, il 30% delle donne in gravidanza non ingrassi correttamente, anche se una percentuale esatta non può essere determinata dal cosiddetto Pregorexia.

Sintomi per rilevare pregorexia

La dott.ssa Fulvia Mancini, dirigente medico di Clínicas Eva in Catalogna, ha osservato alcune linee guida con cui identificare le donne che soffrono Pregorexia. "Queste sono donne che ossessivamente contano le calorie, cercano sempre di mangiare da sole o saltare i pasti, allenarsi eccessivamente e possono vomitare". Nei primi tre mesi di gravidanza, questi sintomi possono essere mascherati con quelli del Gestazione: nausea e vomito, principalmente Alcune donne hanno problemi con quale tipo di cibo e persino perdere l'appetito.

"La cosa normale, aggiunge, è che questi pazienti non riconoscono il loro problema e, inoltre, rifiutano il trattamento. È molto raro che ammettano spontaneamente di avere un problema di comportamento alimentare".


Pertanto, è consigliabile che "i familiari e le persone dell'ambiente di queste donne siano attente, specialmente se hanno sofferto di disturbi alimentari, come l'anoressia e la bulimia". Qualsiasi cambiamento nel rapporto con il cibo, la coppia oi familiari dovrebbero contattare il ginecologo o il medico di famiglia, il medico stesso dovrebbe sospettarlo in un paziente che non aumenta o perde peso durante la gravidanza ", dice il ginecologo Mancini.

Conseguenze di pregorexia per madre e bambino

La pregorexia può comportare un rischio di gravidanza a causa di un peso inadeguato e avere le seguenti conseguenze:

Per la madre: può sviluppare anemia, decalcificazione ossea, bassa produzione di latte durante il parto e perdita di capelli, tra gli altri.

Per il bambino: Le conseguenze nel feto possono essere molto serie. Durante il primo trimestre, se il paziente non assume integratori vitaminici, aumenta il rischio di cambiamenti del tubo neurale come la spina bifida. Aumenta anche il tasso di aborto spontaneo. Durante il secondo e il terzo trimestre, aumenta il rischio di parto prematuro, ritardo della crescita intrauterina, ritardo mentale o paralisi cerebrale, ossa, malformazioni digestive o cardiovascolari. In casi molto gravi, può essere raggiunta la morte intrauterina.

Aumento di peso in gravidanza

L'aumento di peso in gravidanza dovrebbe essere progressivo e mantenere una buona nutrizione materna durante i nove mesi garantisce una gravidanza sana sia per la madre che per il bambino. Questo aumento di peso in gravidanza è direttamente correlato alla costituzione della madre, sempre tenendo conto della massima che "non devi mangiare per due, ma devi mangiare meglio".

Quindi, dobbiamo ottenere "il numero di chili appropriato per la massa corporea stessa.Se questo è fatto correttamente, una volta che ha dato alla luce, la perdita di peso è veloce e fisiologica, cioè non dovrai fare diete rigorose o avere fame ", dice il ginecologo.

Ma quanti chili dovrebbe aumentare una donna durante la gravidanza?

1. Una donna con un peso ridotto: la cosa normale è che guadagna tra 13 e 18 kg.

2. Una donna obesa: tra 5 e 9 kg.

3. Una donna con peso normale: lo standard è tra 11 e 16 kg.

Questi valori cambiano se la gravidanza è gemellare.

Marisol Nuevo Espín
consiglio: Dott.ssa Fulvia Mancini. Ginecologo e medico responsabile delle cliniche Eva in Catalogna.

Video: Pregorexia: La desconocida obsesión de alguna mujeres en el embarazo


Articoli Interessanti

Ricetta per smettere di fumare

Ricetta per smettere di fumare

Smetti di fumare! Sì, è facile da dire e difficile da raggiungere. Ci sono molte ragioni per smettere di fumare: dal costo economico alla salute di se stessi e degli altri, specialmente i figli di...

I giovani sono i più letti in Spagna

I giovani sono i più letti in Spagna

il lettura È una delle attività che ha i maggiori benefici per le persone. Dalla distrazione all'apprendimento di nuove conoscenze e allo sviluppo di capacità cognitive. Che siano su carta o sullo...