Limiti e norme nell'educazione dei bambini: obiettivi

I limiti rendono i bambini più efficaci in diverse situazioni sociali, perché qualcosa che limita l'insegnamento è rispettare il diritto dell'altro. L'obiettivo principale dei limiti è che i nostri figli attraversano la vita con una serie di linee guida e norme sociali, e che agiscono guidati da motivazioni interne e in modo responsabile. Questo è ciò che chiamiamo autodisciplina.

Obiettivi dei limiti e delle norme nell'educazione dei bambini

1. Autodisciplina L'obiettivo principale è che i nostri figli attraversino la vita con una serie di linee guida e norme sociali e che agiscano guidati da motivazioni interne e in modo responsabile. Questo è ciò che chiamiamo autodisciplina.


L'autodisciplina è ciò che il bambino impone a se stesso dopo averlo interiorizzato attraverso la pratica quotidiana. Certamente, un bambino di due anni non ha motivazioni interne. Ha le prime motivazioni esterne e dobbiamo insegnargli progressivamente a regolare il proprio comportamento.

La responsabilità esercitata di propria iniziativa dalle scelte fatte dal bambino porta all'indipendenza e all'autoregolazione del proprio comportamento, e questo è l'obiettivo ultimo, che mio figlio è indipendente ma è in grado di autoregolarsi il suo comportamento, che non ha bisogno della mamma o del papà per tutta la vita per dirgli cosa è buono e cosa è sbagliato, cosa può essere fatto e cosa non può essere fatto.


2. Combatti la ribellione.La disciplina tradizionale era una disciplina guidata assolutamente da motivazioni esterne, c'era una ricompensa per il buon comportamento e la punizione per il cattivo comportamento. Nella disciplina tradizionale, i genitori sono responsabili del comportamento del bambino. Ed è qualcosa che ispira paura e che, naturalmente, incita alla ribellione.

Una tranquilla ribellione nel bambino della scuola è una ribellione manifesta nell'adolescente. Se una persona viene sollevata dicendo "non farlo, non farlo ...", lo sosterrà a scuola, perché è l'unico modello che conosce e penserà che in tutte le famiglie succede lo stesso. Ma quando quell'adolescente di 14 o 15 anni esce nel mondo e vede che il mondo funziona in un modo diverso, è molto probabile che si ribelli.

3. Educazione alla responsabilità. Questo inizia quando il bambino è piccolo e iniziamo a stabilire dei limiti che, all'inizio, non capisce, ma sentirà come li ripetiamo più e più volte nel corso degli anni. E rapidamente i bambini cominciano a capire, prima di parlare capiscono il "no" e il "sì".


Ricorda che i bambini devono imparare cosa è "non" chiaro, cosa è "sì" e cosa "scegli". E i "tu scegli" sono fondamentali perché è il prologo dell'autoregolamentazione, che si sa che ha delle opzioni, che valuta le possibili conseguenze di ogni opzione e che sceglie e poi si fa carico delle conseguenze. Ciò è incoraggiato consentendo al bambino di scegliere sempre tra diverse alternative e di esporsi sempre alle conseguenze della sua scelta.

Ignacio Iturbe

Video: #WebTalk 1 L'era della grande menzogna - Mauro Scardovelli, Marco Guzzi, Paolo Maddalena


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...