Bullismo: chi punisce la legge?

Il suicidio di Diego, un ragazzo di undici anni, precipitato da una finestra in una scuola di Madrid, riapre il dibattito sociale sull'efficacia delle misure contro il bullismo. Attualmente, 1 su 4 bambini viene attaccato nelle aule, secondo lo Studio sulla violenza e le molestie nelle scuole in Spagna, e il 25% dei bambini nella scuola subisce trattamenti degradanti dai loro coetanei. Ma, in questi casi, quando la persona coinvolta è minorenne nel Bullismo: chi punisce la legge?

Piano strategico di coesistenza scolastica

Il Piano strategico per la coesistenza scolastica è il testo di riferimento per il bullismo, che è stato presentato dal Ministero della Pubblica Istruzione lo scorso gennaio. Ha un focus preventivo e influenza la formazione di insegnanti e genitori per l'individuazione di comportamenti inappropriati nell'ambiente scolastico legati al bullismo. Allo stesso modo, il piano include misure per i bulli e le loro famiglie, nel tentativo di scoprire la radice di questi comportamenti antisociali.


Un telefono gratuito completa questo protocollo, che diverse associazioni di genitori di studenti, inclusa l'Associazione contro le molestie scolastiche, considerano "insufficiente".

Il vuoto giuridico del bullismo

Il molestatore non ha responsabilità penale fino all'età di 14 anni. "Il nodo del conflitto, spiega José Carlos Avendaño, avvocato della ditta Le Morne Brabant, è l'impossibilità di punire criminalmente il molestatore, in quanto minorenne e non esiste alcuna legislazione repressiva nei suoi confronti. fino a 14 anni che sono totalmente esenti da qualsiasi tipo di responsabilità, dato che la legge del minore si applica ai minori tra i 14 ei 18 anni ".

Né vi è alcun articolo specifico relativo al bullismo all'interno del codice penale e la cifra si riflette nel 173 che regola il comportamento contro l'integrità morale e punisce con una pena da sei mesi a due anni di carcere a "Colui che ha inflitto un altro trattamento degradante della persona, minando seriamente la loro integrità morale * "


Bullismo, chi risponde alla giustizia?

José Carlos Avendaño afferma che "sia il centro che i genitori, i molestati e molestati, gli insegnanti e i tutori, potrebbero essere accusati del crimine di omissione di aiuti per non aver attivato il protocollo contro le molestie della scuola in questione". Gli adulti sono in ultima analisi responsabili dei minori e, come sottolinea José Carlos Avendaño, "hanno l'obbligo di sorvegliarli nell'ambiente familiare e scolastico".

Protezione dell'immagine dei molestati e dei molestatori

Lo stalker, essendo un altro minore, in pieno sviluppo psicosociale, deve essere protetto, poiché è suscettibile di cambiare il loro comportamento. Né ha raggiunto la maturità emotiva, quindi è anche, per scopi legali, una figura da proteggere.


Il bullismo è anche nella stessa situazione, con l'esasperazione di essere stato molestato e sottoposto a una situazione di vergogna e stress. Pertanto, l'immagine di uno e dell'altro dovrebbe essere protetta.

Carmen de Blas
consiglio: José Carlos Avendaño. Avvocato di Le Morne Brabant

Ulteriori informazioni: Ministero dell'Industria, Energia e Turismo. Governo della Spagna. INTECO Guida d'azione contro il cyberbullismo

Potresti essere interessato

- "Sesting" e "cyberbullismo" aumentano il rischio di depressione

- Video sconvolgente contro la toelettatura

- Il bullismo ha conseguenze mentali peggiori dell'abuso

- Bullismo: formazione dei giovani per mediare conflitti

- Come combattere contro il bullismo

Video: Ragusa, il figlio è vittima di un bullo: i genitori lo prendono a sprangate


Articoli Interessanti

Adolescenza: madri sullo sfondo

Adolescenza: madri sullo sfondo

Con l'adolescenza, avviene il baratto ruoli tra padre e madre che si stava preparando negli anni precedenti. Ora è papà che deve prendere una posizione più attiva, specialmente con i figli e mamma...

Come prevenire la congiuntivite

Come prevenire la congiuntivite

La congiuntivite è uno dei fenomeni oculari più comuni che colpisce tutta la famiglia, compresi i neonati. Anche se è molto fastidioso, nella maggior parte dei casi non è grave, ma è importante...