Solo 1 su 19 euro va a supporto familiare

La Spagna è uno dei paesi dell'UE che è tra i meno preoccupati per la famiglia europea, come evidenziato dal Institute of Family Policy (IPF) nella sua ultima relazione La protezione sociale della famiglia in Spagna. Questo è il secondo studio che l'IPF rende pubbliche di una serie di cinque indagini che prevede di pubblicare prima delle elezioni generali.

Questo rapporto mostra che la famiglia riceve attenzione quasi * marginale * nei bilanci e che la crisi economica ha aggravato questa situazione. Infatti, nel 2013, solo il 5,19% di tutte le prestazioni di protezione sociale in Spagna erano dedicati alla famiglia. Dal 2002, anno in cui i sussidi sono scesi al livello più basso, il 4,55%, così poco è stato mai assegnato alla famiglia.


Per capire meglio queste percentuali, se le passiamo alle cifre, lo vediamo di 19 euro che sono destinati alle spese sociali, solo uno è per i benefici di protezione per la famiglia. Ciò dimostra, secondo l'IPF, che l'aiuto alla famiglia non è una priorità in Spagna.

La situazione precaria della famiglia in Spagna

In relazione al resto dei paesi dell'Unione europea, la relazione dell'IPF mostra il piccolo sforzo che viene fatto in Spagna per incoraggiare gli aiuti finanziari alla famiglia. In generale e globalmente, il PIL dedicato alla famiglia è diminuito negli ultimi anni. Pertanto, nel 2013 era solo dell'1,3%, ma cinque anni prima era stato dell'1,43%. Alcune percentuali ben lontane da quelle considerate nell'Unione europea, dove il 2,2% del suo PIL è raggiunto come media nelle voci assegnate alla politica familiare.


Nella classifica, La Spagna è classificata 21 dei 28 stati dell'UE ed è allo stesso livello di Romania e Portogallo.

Proposte di miglioramento per le famiglie

La famiglia spagnola può percepire quattro tipi di allocazioni dirette, ma sono soggette a restrizioni. L'Institute for Family Policy (IPF) ha proposto i seguenti miglioramenti in questo rapporto:

1. Il pagamento di cento euro al mese. Viene ricevuto dalle madri che lavorano fino a quando il bambino non raggiunge l'età di tre anni. Dal 2003, ha perso il 24% del suo valore reale.

miglioramento: aumentare la paga di 100 euro a 125 euro per le madri lavoratrici.

2. Il vantaggio per i bambini a carico. Questa dotazione rimane congelata per quindici anni ed è una delle più basse del continente: ammonta a 24 euro al mese, mentre la media europea si attesta a 91 euro. La restrizione è che solo le famiglie che non superano 11.547 euro all'anno per unità familiare possono riceverlo, mentre in una grande parte dei paesi dell'UE è universale, cioè, è ricevuto da tutte le famiglie, indipendentemente dal loro reddito.


miglioramento: aumentare il beneficio per i figli a carico, avvicinandosi alla media europea (91 euro al mese), con carattere universale in modo che tutte le famiglie lo ricevano.

3. Il PIL dedicato alla famiglia. Nel 2013, solo l'1,3% del PIL è stato destinato agli aiuti alle famiglie. La media europea è al 2,2%.

miglioramento: rivalutare gli assegni familiari annuali e destinare il 2,2% del PIL a favore di questa istituzione.

Marisol Nuevo Espín

Video: ALBERTO BAGNAI - CE LO CHIEDE L'EUROPA


Articoli Interessanti

10 parchi naturali da visitare in famiglia

10 parchi naturali da visitare in famiglia

Oggi viviamo in città dove il mattone guadagna terreno sul prato. È vero che ci sono numerosi parchi urbani in cui si può godere un po 'di natura vivente, ma questi riduzioni ci fanno dimenticare le...

15 costumi originali per bambini per questo carnevale

15 costumi originali per bambini per questo carnevale

il carnevale È una festa divertente che può servire come scusa per passare dei bei momenti con la famiglia ci travestiamo da esseri dei più diversi. Pertanto, ti incoraggiamo a mascherare quest'anno...

Amicizia: 10 film sul valore degli amici

Amicizia: 10 film sul valore degli amici

amicizia, una parola con tre sillabe e che ha solo due vocali ma che è indubbiamente qualcosa di essenziale nella vita di tutte le persone. Gli amici sono anche un argomento che vediamo spesso nel...