Più di 70.000 firme per la protezione delle vittime delle sciocchezze universitarie

"Urla, minacce, colpi, coercizione, tagli di capelli in cui ti sei rasato parzialmente la testa." Così Manuel riassume il suo arrivo al college quando si è trasferito a Madrid per iniziare l'università l'ultimo corso. Un'esperienza traumatica che l'ha portato ad iniziare una petizione Raccoglie già oltre 70.000 firme per proteggere le vittime dei nonnismo nelle università.

L'inizio del stage nell'università È un momento molto importante nella vita di ogni giovane, qualcosa che viene vissuto con intensità speciale se il nuovo studente universitario deve spostarsi fuori città per iniziare questa fase della sua vita. Un palcoscenico molto importante, sì, ma che può essere troncato se i giovani incontrano il temuto nonnismo: alcuni benvenuti Non sono sempre così piacevoli come dovrebbero essere.


Come ricorda Miguel, l'iniziatore dell'iniziativa, ogni settembre migliaia di studenti universitari iniziano il loro stage, molti di loro "sottoposto a nonnismo solo nelle scuole, ma anche nelle residenze, scuole, facoltà e campus universitari", una realtà che è stata documentata e denunciata per anni attraverso l'associazione "No más novatadas".

Violenza nel nonnismo

"Sono presentati a un tipo di violenza che i giovani riescono a normalizzare e la società di accettare, e che in nessun modo sarebbe tollerata in altri settori ", lamenta l'autista della raccolta di firme, che assicura che ci siano anche atti sessisti e sessisti che anche "fanno parte del cosiddetto" benvenuto " che, a volte, dura diversi mesi. "


Manuel racconta la tua storia nella lettera in cui chiede il sostegno della società della soda: "il il sonno fu interrotto a battere sulle porte e urla inviti a incontri con "veterani" per fare il brutto scherzo che ti hanno imposto ", ricorda." Il nonnismo durava fino alle prime ore del mattino, il che impediva un adeguato follow-up delle lezioni all'università ", continua.

In questo modo, questo giovane assicura che il nonnismo occupa gran parte del viaggio quotidiano: durante le mattinate le chiamate a questi incontri "sono continue" e il nonnismo "pesante e talvolta estremamente duro" tutto "per sottomettere il nuovo arrivato".

"Ho avuto paura di andare a mangiare nella sala da pranzo per tutti i disagi e le umiliazioni che sono state compiute là con totale impunità, senza l'intervento delle persone incaricate di assicurare una buona convivenza; con effetti sulla mia salute fisica, psicologica e sociale ", deplora questo studente universitario, il quale assicura che ciò sia accaduto" giorno dopo giorno, settimana dopo settimana ".


NO a non velare

Fortunatamente, nel suo caso si è piantato: "Ho deciso di rifiutare di sottomettermi a nonnismo". Che sì, questo non è rimasto in nulla: "di conseguenza, ho sofferto l'isolamento dalla parte di cui avrebbero dovuto essere i miei compagni, e un'aggressione fisica brutale per la quale dovevo ricevere cure mediche", lamenta come un modo per attirare l'attenzione su la durezza del nonnismo.

Nel suo caso, assicura che come vittima è stato trovato "in una situazione di totale impotenza". "Né informazioni veritiere, né canali di denuncia, né riservatezza, né azioni efficaci, né misure di protezione, né accompagnamento", enumera. Alla fine, la sua decisione fu di lasciare il college dove viveva e soffrire il nonnismo.

Dopo la sua esperienza, questo giovane ha forti motivi per capire che il nonnismo "è dannoso e producono molta sofferenza in solitudine ". "Se non ti presenti, sei escluso dal gruppo", dice, ed è per questo che ha deciso di lanciare questa misura per denunciare "impotenza e impunità" perché "nessuno osa agire".

Protezione per le vittime di nonnismo

Queste sono le richieste che questa vittima di nonnismo chiede al governo di affrontare in questa situazione. Puoi unirti a loro attraverso Change.org.

- Telefono centralizzato di informazione e guida per le vittime.

- Protocolli di segnalazione chiari con garanzia di riservatezza.

- Rimborso completo della prenotazione del posto in caso di dover lasciare un centro per non essere sottoposto a maltrattamenti da parte di non addetti ai lavori.

- Norme chiare da parte dell'autorità universitaria: assicurare il rispetto dello Statuto dell'Università, uguali diritti agli studenti universitari recentemente ammessi ed ex, ecc.

- Programmi di prevenzione nei centri ESO e Bachillerato.

- Campagne di sensibilizzazione promosse dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Angela R. Bonachera

Video: *DOCUMENTALES DE HISTORIA ???? LOS CELTAS,Tribu Marcial,DOCUMENTALESDOCUMENTALES COMPLETOS EN ESPAÑOL


Articoli Interessanti

Ricetta per smettere di fumare

Ricetta per smettere di fumare

Smetti di fumare! Sì, è facile da dire e difficile da raggiungere. Ci sono molte ragioni per smettere di fumare: dal costo economico alla salute di se stessi e degli altri, specialmente i figli di...

I giovani sono i più letti in Spagna

I giovani sono i più letti in Spagna

il lettura È una delle attività che ha i maggiori benefici per le persone. Dalla distrazione all'apprendimento di nuove conoscenze e allo sviluppo di capacità cognitive. Che siano su carta o sullo...