Più di 200.000 persone chiedono che il congedo per maternità e paternità sia di 32 settimane

Avere un figlio e avere accesso a 32 settimane di congedo di maternità e paternità recuperare dopo il parto, adattarsi a tutti i cambiamenti ed essere presente nei momenti più vitali della vita del neonato. Questo è quello che stanno chiedendo Più di 200.000 persone dalla Spagna attraverso le loro firme per una petizione attraverso la piattaforma Change.org, che cerca di raggiungere 300.000.

La petizione è stata lanciata da una donna spagnola di nome Elena Tena all'inizio di luglio, e in meno di un mese ha quasi raggiunto il suo obiettivo: 300.000 persone sostengono l'iniziativa richiedendo al Ministro del Lavoro, Fátima Báñez, una riconsiderazione dei giorni di congedo dopo aver avuto un figlio.


"L'attuale politica dei permessi sta sradicando i bambini dei genitori, e questo è innaturale ", ha spiegato il promotore dell'idea, riferendosi al fatto che attualmente in Spagna le madri hanno 16 settimane di permesso, mentre i genitori ne hanno solo due.

Qualcosa che colpisce di questa iniziativa è che il promotore non è una madre: "essendo autonomo e lavorando nel mio studio, la maternità non è qualcosa a cui posso aspirare adesso, purtroppo", dice. Tuttavia, è un esempio di empatia: ha visto passare degli amici "True Calvaries" a causa del breve periodo di tempo tra la consegna e il ritorno al lavoro, che ha fatto scendere questa donna al lavoro.


Ragioni per estendere il congedo di maternità e paternità

Nella sua petizione, Tena lo assicura rispondere alle esigenze del bambino "Favorisce un senso di fiducia in lui, che si consolida per tutto il primo anno ed è di vitale importanza". A questo punto, aggiunge: "se il bambino può fidarsi delle persone che si prendono cura di lui, non vedrà il mondo come un posto minaccioso e imparerà a fidarsi anche degli altri".

"È essenziale estendere i periodi di maternità e paternità per prendersi cura dei propri figli e proteggere il loro impiego quando tornano al lavoro, con un periodo di adattamento alla posizione in cui non possono subire il mobbing", chiede, aggiungendo 10 motivi per questo:

1. Proteggi il tasso di natalità

2. Proteggi il dovere di bambini

3. Proteggi il tornare al lavoro di madri / padri


4. Proteggi il lattazione (L'OMS consiglia 6 mesi di allattamento esclusivo)

5. Proteggi il riconciliazionelavoro e famiglia

6. Garanzia di sostenibilità economico della famiglia

7. Impedire a tuo figlio di prendersi cura di lui così piccolo a strano

8. Evitare di dover lasciare il tuo impiego

9. Evita il mobbing lavoro per tornare al tuo lavoro

10. Garantire i bambini il genitorialità dai loro genitorichi sono quelli che lo faranno meglio?

Direttiva europea

Il promotore dell'idea ricorda nella sua scrittura che la direttiva europea sul congedo di maternità "ha 23 anni e non è cambiata da quando è stata approvata". Secondo questa regola, i governi devono dare alle donne un minimo di 14 settimane di permesso, qualcosa che questa donna (e molti altri) considerano insufficiente.

"È ora di chiedere a tutte le parti e, in particolare, al governo, di impegnarsi a stabilire un congedo di maternità / paternità di almeno 32 settimane in Spagna, come già fanno i paesi europei più avanzati, "dice, riferendosi a casi come la Finlandia, dove le donne hanno un permesso di 37 settimane.

Occupazione e nascita

Nella sua petizione, Elena menziona anche l'importanza di proteggere il lavoro dei genitori poi, come dice lui stesso, "in Spagna c'è un po 'di paura di perdere il lavoro per avere un figlio", il che significa che nel nostro Paese "nascono sempre meno bambini". "Mentre in paesi come la Svezia e Noriega sono riusciti ad aumentare in modo esponenziale i tassi di natalità, grazie al fatto che hanno attuato politiche per sostenere la maternità, in Spagna non c'è praticamente nessun aiuto di questo tipo", si lamenta.

Le sue argomentazioni hanno convinto più di 200.000 persone e il ragioniere continua a salire. "Sono una donna e voglio essere una madre e prendermi cura del mio bambino senza dover rinunciare al mio stipendio. Non ho altra famiglia oltre al mio partner in cui vivo. Non voglio che un estraneo si prenda cura di mio figlio prima di almeno 8 mesi. E voglio nutrirlo esclusivamente con l'allattamento al seno ", dice uno dei firmatari.

Altri (sia uomini che donne), commentano che si tratta di una richiesta "equo" e "logico"e questo aiuta a "proteggere i diritti dei bambini". "I nostri bambini hanno bisogno di noi", spiega un'altra delle molte madri che hanno firmato.

Angela R. Bonachera

Video: LIMONATA EPICA --EDIZIONE CARNEVALE 2017


Articoli Interessanti

Separa gli studenti nelle aule

Separa gli studenti nelle aule

Nel corso della storia, governi, ministeri e scuole hanno escogitato diversi metodi per migliorare il sistema educativo, ruotando intorno a una questione centrale: Come dovrebbero essere raggruppati...

Vantaggi del camminare a scuola

Vantaggi del camminare a scuola

Adolescenti che camminano verso l'istituto hanno una performance cognitiva migliore di quelli che viaggiano in autobus o in auto. Inoltre, coloro che trascorrono più di 15 minuti a piedi nel proprio...