Nascite e matrimoni aumentano in Spagna

Ci sono più bambini in Spagna. Non è un'impressione, è la realtà: dopo più di cinque anni di cadute, le nascite sono aumentate, anche se leggermente: solo lo 0,1 percento. Questo significa nel 2014 sono nati 426.303 bambini, ciò che è 588 in più rispetto al 2013. Non è l'unico aumento: lo hanno fatto anche loro matrimoni, che sono stati superiori dell'1,3% rispetto al 2013.

Lo dimostra lo studio del Natural Movement of Population pubblicato questa settimana dall'Istituto Nazionale di Statistica (INE) e che riflette come dal 2008, quando nacquero 519.779 bambini (il massimo in 30 anni), lLe figure di nascita non hanno fatto altro che scendere: la percentuale è stata ridotta del 18 percento.


In questo modo, Il 2014 è stato il primo anno in cui c'è stato un aumento dei bambini, anche se è stato molto leggero: 0,1% È anche degno di nota il fatto che il numero di bambini per donna sia aumentato: da 1,27 nel 2013 a 1,32 nel 2014. Questa notizia, sebbene buona, non ha influenzato il tasso di natalità, che rimane in 9,1 per mille abitanti.

Donne in età fertile

Ma questi non sono gli unici dati che possiamo estrarre da queste cifre. È stato anche osservato a riduzione di numero di donne in età fertile (vale a dire, tra 15 e 49 anni), che si trova a 10,98 milioni in Spagna, una cifra inferiore a 11,61 milioni nel 2009. La ragione di questo è, secondo l'INE, che "arrivano a quello fascia d'età meno numerose generazioni nate durante la crisi della nascita degli anni '80 e della prima metà degli anni '90, "per il" minor contributo dell'immigrazione straniera "e" il maggior numero di emigrazioni all'estero negli ultimi anni ".


E, parlando di migrazioni, i dati dell'INE mostrano che delle oltre 426.000 nascite, il 17,8% erano di madri straniere, una percentuale che è diminuita, poiché nel 2013 era del 18,6%. Tra le donne straniere, il numero di bambini per donna è superiore a quello delle donne spagnole: nel 2014 si è attestato a 1,61 rispetto a 1.27 bambini per ogni spagnolo.

D'altra parte, è interessante notare che i dati mostrano anche che l'età media della maternità è aumentata nuovamente nell'ultimo anno: è ora a 31,8 anni rispetto a 31,7 nel 2013 o 30,8 nel 2007 Tuttavia, questo è diverso tra le nazionalità: gli stranieri hanno figli prima (a 29,3 anni), mentre Le donne spagnole si aspettano di più, fino a 32,3 anni.

Questo è stato il 2014

Per quanto riguarda la morte, anche questi sono aumentati nel 2014: in quest'anno ci sono stati 395.045 decessi, ovvero l'1,2 per cento in più rispetto al 2013. Anche la mortalità infantile è aumentata: nel 2014 ci fu 2,9 decessi di bambini su migliaia di nati vivi, che è due decimi in più rispetto all'anno precedente.


Tutte queste cifre lo indicano in Spagna c'è stata una crescita vegetativa (nascite meno decessi) dell'11,6 percento in meno rispetto all'anno precedente: 31.678 persone, il bilancio più basso dal 2000. Inoltre, è stato negativo perché ci sono stati più morti di nuove vite in un totale di nove comunità: Galizia, Castiglia e León, Asturie, Aragona, Estremadura, Paesi Baschi e Cantabria. Queste comunità, infatti, avevano già numeri negativi nel 2013, e sono state aggiunte La Rioja e Castilla-La Mancha.

Dove nascono i bambini e i matrimoni

Il numero di nascite non è stato lo stesso in tutta la Spagna: è aumentato solo in 10 comunità autonome nel 2014, con maggiori aumenti di nuovi bambini nelle Isole Canarie (3,1%) ed Estremadura (3,0%) così come nelle città autonome di Ceuta e Melilla (rispettivamente il 10,6% e il 7,6%). D'altra parte, il numero delle morti è aumentato in tutte le comunità eccetto l'Estremadura, la Galizia e la città autonoma di Ceuta.

Per quanto riguarda i matrimoni celebrati in Spagna, queste cifre mostrano che nel 2014 sono state sposate 158.425 coppie, l'1,3% in più rispetto al 2013, e il tasso lordo è aumentato a 3.4 matrimoni per mille abitanti, un decimo in più rispetto all'anno precedente.

L'età media per il matrimonio continua ad aumentare, e attualmente si attesta a 36,9 anni per gli uomini e 34 per le donne. Nel 16% dei matrimoni celebrati con coniugi di sesso diverso, almeno uno di loro era straniero. Questa percentuale è inferiore a quella del 2013 (che era del 18,1%).

Angela R. Bonachera

Video: Ho'oponopono: Todo es Vibración, por Mª José Cabanillas


Articoli Interessanti

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

La condivisione è uno dei migliori valori che la maggior parte delle persone può imparare piccolo. Il fatto di dare agli altri l'opportunità di essere felici con ciò che si gode è qualcosa di...

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Poche situazioni impongono tanto quanto arrivare con la nostra prima figlia dall'ospedale e sapendo che, all'improvviso, siamo irrevocabilmente e permanentemente responsabili di questo piccolo e...