Dormire lontano da casa per la prima volta, consigli per decidere

Condividere un momento magico con un buon amico come la notte è un piano che eccita ogni bambino. Al contrario, i genitori vivono nell'angoscia in questo momento, sia che sia solo una notte o in un campo. Pertanto, è necessario conoscere in precedenza e in modo responsabile analizzare l'ambiente e le circostanze in modo che siano appropriati alla loro età e personalità.

Dormi a casa di un amico

I bambini, a queste età, sono così amichevoli che non è sufficiente per loro passare l'intera giornata insieme, ma adorano anche addormentarsi raccontandosi storie e avventure. In effetti, molte volte le esperienze e le risorse più piacevoli dell'infanzia hanno a che fare con queste esperienze. Questa situazione dovrebbe essere utilizzata dai genitori per crescere in vari aspetti della loro istruzione, purché siano soddisfatti determinati requisiti:


-  Che la famiglia sia conosciuta molto bene dell'amico in questione, essendo l'ambiente di quella casa sana e secondo le proprie idee.

-  Che il ragazzo è preparato vivere con altre persone diverse dalla loro famiglia.

Prima di lasciare il bambino a dormire fuori casa

Un cattivo invito può porre fine a molti sforzi educativi dei genitori o far vivere al bambino situazioni molto impegnative. In questo senso, i genitori dovrebbero valutare su quali argomenti è importante informarsi prima che il figlio vada a casa di un amico per un fine settimana, un anno per studiare all'estero o semplicemente per trascorrere una serata fuori.


1. Con chi sarà il tuo bambino? È bello scoprire se tuo figlio e il suo amico saranno i genitori, i fratelli maggiori o le babysitter. Non tutti i fratelli maggiori, né tutti i "canguri" sono veramente responsabili e il tuo bambino può vivere situazioni complicate come: vedere un film scoraggiato per la loro età; invitare altri amici e mettere su una festa approfittando del fatto che i genitori non ci sono; vederli fumare; invitare gli sposi e non comportarsi correttamente, ecc.

2. Controllo del computer e della televisione. Molte volte, i bambini hanno un computer o una televisione nella loro camera da letto e nessuno ne controlla l'uso. Pertanto, è bene che con discrezione scopri se l'amico ha un computer o una TV nella tua stanza. Il tuo bambino potrebbe essere coinvolto nella visione di un film inappropriato o entrare in siti web inappropriati che tu stesso non ti permetteresti di controllare a casa.


3. Da solo o accompagnato. Ci sono genitori che non danno importanza a lasciare soli i bambini, mentre il bambino può sentirsi molto impotente, persino angosciato, al pensiero di essere lasciato senza la cura di un adulto. In caso di un incidente domestico, è importante che abbiano qualcuno a cui rivolgersi, soprattutto quando si verifica un incidente lontano da casa.

4. La situazione familiare. È ugualmente necessario conoscere l'ambiente in cui lasci tuo figlio. Per questo, devi conoscere in precedenza alcuni aspetti, ad esempio se i genitori sono separati e, nel caso in cui lo sono, come questa situazione è vissuta. Sarà un modo per evitare che tuo figlio viva una situazione di conflitto, sempre molto difficile per un bambino.

5. Modalità di istruzione. Ogni matrimonio dà più o meno importanza a vari aspetti come: modestia, cortesia, vocabolario, austerità, ecc. Pertanto, devi tener conto di come quella famiglia vive quegli aspetti educativi e se coincidono, almeno nell'essenziale, con il modo in cui vivono all'interno della tua famiglia.

Consigli per decidere se il tuo bambino dorme fuori casa

- Rispettare l'età consigliata. Quando un bambino rimane a casa con amici e familiari, non importa quanti anni hanno, ma dove vanno e chi saranno con tutto il tempo. D'altra parte, ci sono bambini con un attaccamento speciale, che non sono immaturi, che ricordano la loro famiglia e hanno difficoltà quando sono lontani da casa. Tuttavia, se si tratta di un campo, il più raccomandato è che vanno dopo circa 9 o 10 anni circa.

- Conosci tuo figlio. Ci saranno sempre bambini molto eccitati per dormire fuori casa, mentre altri rifiutano l'idea. Alcuni sono eccitati perché è un'avventura andare a letto più tardi e sentirsi più anziani e altri rifiutarlo a causa dell'insicurezza se ancora non padroneggiano i loro bisogni come il resto dei loro amici, o perché, per esempio, di notte non possono dormire in altre case. Pertanto, dobbiamo prima conoscere i bambini e scoprire se vogliono davvero farlo e sentirsi capaci.

- Decidi con chi e con chi no. In alcune occasioni, i genitori dovrebbero far sapere ai propri figli che possono andare in alcune case e non in altre. Non puoi sempre convincerli a capirlo, né devi fingere. Quello che devi tenere a mente è che i genitori sanno, meglio dei loro figli, cosa gli si addice e dovrebbero assicurarsi che sia così.

- Dì "no" in alcuni casi. A volte è bene dire "no", senza eccezioni, senza sentirsi obbligati a farla franca o impegnarsi. I genitori devono fare, in base ai propri criteri, ciò che pensano sia meglio per il loro bambino.

Dormire lontano da casa implica

- Corrisponde all'invito. Dopo che un bambino dorme a casa di un amico, è importante sempre corrispondere e invitare i propri amici a casa, qualcosa di molto utile per vedere quel bambino o quel cugino in azione e osservare come si comporta.

- Non abusare delle chiamate. Chiamarli quando dormono fuori continuamente, o dare loro un cellulare per localizzarli in ogni momento, non li aiuta a maturare. È meglio aspettare il possibile, senza perdere di vista chi è con loro.

Maria Lucea
CONSIGLIERE: Maite Mijancos. Direttore dell'IEEE

Video: I 4 Killer della Salute - Dr. Filippo Ongaro


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...