Come stimolare la memoria dei bambini

Il processo di apprendimento è complesso e la memoria interviene come protagonista. Per migliorare la memoria dobbiamo conoscere il suo funzionamento e usarlo a nostro vantaggio. Come stimolare la memoria dei bambini ha un trucco: è necessario migliorare il modo in cui studiano partecipando all'apprendimento e memorizzando con le tecniche in modo che possano studiare efficacemente ed efficientemente.

Il cervello codifica costantemente nuovi ricordi e accede ai ricordi. Usiamo la nostra memoria per svolgere attività come il calcolo delle distanze, andare in bicicletta, parlare di ciò che abbiamo fatto il giorno precedente, essere esposti a un nuovo scenario, leggere un libro o volontariamente quando vogliamo memorizzare qualcosa.

Cos'è la memoria?

La memoria ha tre livelli o compartimenti: memoria sensoriale, memoria a breve termine e memoria a lungo termine.


1. Memoria sensoriale è dove entrano tutti gli stimoli che ci circondano. Questa memoria è attivata inconsciamente e può inviare informazioni direttamente alla memoria a breve termine, dove diventa informazione cosciente, o può passare a una memoria a lungo termine dove rimarrà inconscia.

2. Memoria a breve termine è paragonabile a quell'informazione di cui siamo consapevoli qui e ora. Ciò che definisce ciò che entra e ciò che non entra nella memoria a breve termine è l'attenzione. Tutto ciò che passa attraverso la memoria a breve termine va alla nostra memoria a lungo termine, ma nonostante ciò spesso non ricordiamo cose che abbiamo imparato o letto consapevolmente. Ciò può essere dovuto a due motivi: non aver codificato bene le informazioni o non essere in grado di accedere a questa memoria.


3. Memoria a lungo termine Contiene tutte le informazioni su tutti gli stimoli a cui siamo esposti. È composto da tutti i nostri ricordi, che ne siamo consapevoli o meno.

La memoria e il suo sviluppo nei corsi scolastici

Durante i primi anni di vita scolastica, la memoria funziona in una sorta di pilota automatico in cui questi processi vengono eseguiti senza molta volontà. A partire dall'età di 6 anni, i bambini iniziano volontariamente a voler codificare una memoria o accedere a una memoria specifica in termini di studi.

A partire da 6 anni, il curriculum scolastico inizia a richiedere agli studenti di avere una conoscenza preliminare di concetti ed eventi per migliorare l'apprendimento. Inizia a richiedere un maggiore utilizzo della memorizzazione per poter continuare a progredire nell'apprendimento scolastico.

Così, comincia a essere necessario che i bambini piccoli e piccoli imparino a codificare i ricordi a breve termine nella memoria a lungo termine e che gradualmente imparino a passare memorie a lungo termine a ricordi a breve termine.


Trucchi per migliorare la memoria dei bambini

1. Prima di memorizzare qualcosa, devi prestare attenzione. La quantità e la qualità dell'attenzione che dedichiamo a uno stimolo determina quanto correttamente e rapidamente lo ricordiamo. Per questo motivo, è importante che quando si studia non ci siano molti elementi che distraggono e non viene fatto alcun tentativo di fare più di un'attività alla volta. Per ottenere ciò, è importante che i nostri figli abbiano uno spazio specifico per i loro studi. Questo spazio deve essere libero da tutti gli oggetti che non sono specificamente rilevanti per ciò che viene studiato. Uno studio condotto nel 2011, pubblicato dal Dr. Gherri e dal Dr. Eimer, ha rilevato che le persone che cercano attivamente di ascoltare musica mentre studiano richiedono più tempo per apprendere e codificare informazioni spesso non pertinenti, ignorando i pezzi importanti da imparare.

2. Per ottimizzare la memoria, È meglio suddividere le sessioni di studio in argomenti o unità invece di cercare di studiare tutto in una sola seduta. Se l'obiettivo è quello di ottenere una conservazione delle informazioni a lungo termine, è necessario dividere i periodi di studio in spazi temporali. Il modo migliore per far ricordare ai nostri figli ciò che è studiato in ogni unità è di avere un momento dopo ogni sessione di studio per ricordare ciò che hanno studiato.

3. Per ottenere il massimo dalla memoria è importante dormire bene. Dormire fornisce una condizione ottimale per il consolidamento dei ricordi. Non solo c'è un tempo in cui ci sono meno stimoli e il cervello può memorizzare meglio ciò che è stato studiato, ma è anche il momento in cui il cervello integra ciò che è stato studiato con ciò che è noto. Mentre dormiamo, i nostri ricordi si stabilizzano nel nostro archivio di memoria a lungo termine. Più i nostri ricordi sono stabili, più è facile accedervi in ​​seguito, più sarà facile inviarli dall'archivio di memoria a lungo termine alla memoria a breve termine. Assicurandoci che i nostri figli dormano bene, ci assicuriamo che ciò che hanno studiato sarà ricordato più tardi. D'altra parte durante le ore di sonno, il nostro cervello rafforza quell'informazione rilevante e importante e dimentica attivamente quell'informazione irrilevante (Saletin and Walker, 2012).

4. La memoria è ottimizzata con la partecipazione attiva al proprio apprendimento. Dr.Kornell e il suo team di ricercatori hanno condotto uno studio molto interessante in cui hanno dimostrato che quelle persone che partecipano attivamente a ciò che apprendono, ricordano meglio ciò che hanno appreso. È importante sapere che l'apprendimento e la memorizzazione non sono la stessa cosa. La conoscenza non viene fornita dall'insegnante o dai libri, ma è costruita dallo studente. Incoraggiare i nostri figli a pensare di più a ciò che studiano, a fare letture complementari oa chiedere cosa non capiscono sono modi per migliorare la codifica della memoria e l'accesso ad essi.

Maite Balda Aspiazu. Psicologo e Master in Neuroscienze Cognitive

Potresti anche essere interessato:

- Le fasi del linguaggio del bambino

- Lo sviluppo della memoria dei bambini

- Esercizi per stimolare la memoria dei bambini

Video: Come migliorare l'attenzione nei bambini: attività pratica


Articoli Interessanti

Incubi e terrori notturni nei bambini

Incubi e terrori notturni nei bambini

Gli incubi sono un brutto sogno su un pericolo o una minaccia immaginaria. Gli incubi e i terrori notturni nei bambini si verificano comunemente durante il sonno REM. Questa fase del sogno si alterna...

L'uva di fine anno, un pericolo per i più piccoli

L'uva di fine anno, un pericolo per i più piccoli

Chi non vorrebbe il meglio per loro nel nuovo anno? Attrarre la fortuna è un problema che molti vogliono e la tradizione indica che mangiare 12 chicchi d'uva è uno dei modi in cui la fortuna entra...

I rischi di un'adolescenza prolungata

I rischi di un'adolescenza prolungata

Ci sono molte fasi che una persona attraversa per raggiungere la fase adulta. Dal momento che sono bambini, passando attraverso la loro infanzia, preadolescenza, gioventù e alla fine della maturità,...