Trucchi per raccontare storie ai bambini

Il meglio delle storie, se non lo contate correttamente, difficilmente raggiungerà il cuore dei bambini. La voce e i gesti sono come l'esclamazione o punti interrogativi, come importanti o più del contenuto della storia che abbiamo. Ci danno l'emozione della storia. Danno credibilità per avvicinare la storia alla realtà emotiva in cui viviamo.

Leggere in modo piatto e lineare, senza cadenze o intonazione, o senza gesticolare delle labbra, degli occhi o del viso in generale, fornisce informazioni razionali, ma ci priva dell'accesso al canale emotivo del bambino, che è fondamentale.

Narratori di emozioni

L'immaginazione del bambino è descrittiva, emotivamente facilitata. Non prosegue. È eminentemente emotivo. Si lascia trascinare proiettando immagini di ciò che sente nella sua mente grazie alla facilità di immaginare.
Le storie servono ai bambini per proiettare le loro emozioni. La fantasia della storia suggerirà come reindirizzare, come mettere da parte il loro disagio, la loro incapacità di andare avanti. E, per questo, è fondamentale che il nostro modo di trasmettere emozioni, quando leggiamo la storia, sia coerente con le emozioni dei protagonisti di quella storia.


Per raccontare storie che impari

Non è complicato raccontare storie ... se le crediamo, se ci lasciamo intrappolare dalla storia, se lasciamo che le nostre orecchie ascoltino i personaggi e se le loro emozioni diventino nostre. Pertanto, raccontare storie è appreso. Se crediamo alle emozioni della storia, sarà più facile metterci sulla carta e interpretare i gesti, l'intonazione e la cadenza della nostra voce che fluiscono da soli.
Raccontare storie non è né buono né cattivo ... è semplicemente fatto, credendo in ciò che viene fatto, situandoci nel posto dei nostri figli. È essenziale credere alla storia che viene raccontata.

Trucchi per essere il miglior narratore

Linee guida semplici per diventare genitore-narratore magico:
1. Valuta come sei. Se siamo arrabbiati, o troppo tristi, probabilmente non trasmettiamo la calma al bambino. In questo caso, se abbiamo la possibilità di riorganizzarci rapidamente, vai avanti! Altrimenti, sarebbe più appropriato lasciare la storia per un'altra volta, limitandosi a baciare la buonanotte, o molti baci e abbracci ... e domani sarà un altro giorno.


2. Cerca di evitare interruzioni. È importante passare il tempo a raccontare la storia, senza sapere se abbiamo lasciato qualcosa a metà, a meno che non sia essenziale. Altrimenti, la magia scomparirà e sarà probabilmente costoso riprendere il livello di attenzione e tensione emotiva che avevamo raggiunto.

3. Cattura l'attenzione mentre tu nomini è più facile se manteniamo il contatto visivo e gestiamo con le nostre bocche.

4. Le dinamiche della narrazione sono più attive con frasi brevi e semplici, in cui esprimiamo in modo chiaro e concreto ciò che vogliamo trasmettere. Di conseguenza, è essenziale selezionare gli eventi che stiamo per narrare, distinguendo quelli che sono fondamentali da quelli che non lo sono.

5. Il tono della nostra voce È importante quanto il ritmo di esso. Secondo l'avanzamento della storia e in base all'emozione che il personaggio esprime, il nostro ritmo verrà trasformato e la forza cambierà. In questo senso, se siamo stati in grado di avvicinarci alle emozioni dei protagonisti e abbiamo imparato la storia, il nostro sistema emozionale farà progredire ciò che viene dopo e faciliterà il flusso delle emozioni adattando il nostro tono, forza e ritmo.


6. Valutare il momento di maturazione del bambino. Questo è fondamentale, ma spesso dimentichiamo che ci sono alcuni fatti, azioni e comportamenti che non saranno compresi da tutte le età. E ci sono anche alcuni esempi, personaggi o ricreazioni magiche che con alcuni anni non sono più credibili.

7. Specifica l'emozione del tuo bambino: la paura che vogliamo diluire, annullare, eliminare. Dicono che quello che copre un sacco di piccole spremute ... e in questo caso è vero. È importante determinare l'emozione che verrà proiettata nella storia. In questa linea, quando si tratta di paure, cerchiamo di indurre un piccolo stato di rilassamento prima della storia. Inizialmente adatteremo il nostro ritmo respiratorio, facendolo più calmo e più lento, per indurre quello dei nostri bambini. Più tardi il nostro si adatterà al tuo, quando sarà più calmo.

8. Il posto concreto dove abbiamo intenzione di raccontare le storie non è importante, ma è importante tenere a mente lo spazio fisico in cui ci troviamo. È importante includere alcune caratteristiche dell'ambiente dei nostri bambini nella storia che stiamo per dirvi. In questo modo diventa molto più presente, credibile e facilitatore del "tele-trasporto" all'interno della storia. Inoltre, svolge una seconda funzione, quella di concentrarsi su alcuni aspetti fisici del "nostro qui e ora conosciuto" le emozioni tranquille che la storia può evocare.Pertanto, tenendo presente la stagione dell'anno o il clima e includendolo come parte del "sostegno" delle nostre brevi storie, le rende ancora più credibili.

Seguendo queste semplici istruzioni e, una volta redatta la nostra "storia speciale per i nostri bambini speciali", si sentiranno intrappolati dalla storia e dal narratore. E in questo modo, la storia realizzerà perfettamente la sua funzione terapeutica.

Rilassati e aiuta i bambini a superare le loro paure

Prima di iniziare con la nostra storia, cerca di rilassarti. Per fare questo, accompagna il respiro fisico con quello emotivo, mentre dici le "parole magiche":
  Ricorda che insegneremo il nostro cervello,
Quanto lentamente riesci a respirare
In modo che il nostro corpo,
A poco a poco puoi rilassarti.

I bambini sono molto suggestionabili; e se hanno paura, ancora di più. Per questo motivo, vale la pena sfruttare la loro capacità di suggerire di comunicare loro che possono superare le loro paure. Se li impressioniamo, attiveranno la convinzione e, più tardi, l'autosuggestione. In breve, per avere successo e catturare l'attenzione del bambino che ci ascolta con impazienza, è necessario abbandonarsi alla storia e vivere con essa tutta la storia che ti aiuterà a essere guarito dalla tua paura.


Ana Gutiérrez e Pedro Moreno. Psicologi clinici Autori di libri Bambini, paura e storie. Come raccontare storie che guariscono. Pubblicato da Desclée de Brouwer.

Video: Biancaneve e i sette nani storie per bambini - Cartoni Animati - Fiabe e Favole per Bambini


Articoli Interessanti

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

Fase egoista, cosa c'è dietro questo atteggiamento?

La condivisione è uno dei migliori valori che la maggior parte delle persone può imparare piccolo. Il fatto di dare agli altri l'opportunità di essere felici con ciò che si gode è qualcosa di...

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Il bambino arriva ... senza manuale di istruzioni!

Poche situazioni impongono tanto quanto arrivare con la nostra prima figlia dall'ospedale e sapendo che, all'improvviso, siamo irrevocabilmente e permanentemente responsabili di questo piccolo e...