Acqua, quanto dovrebbero bere i bambini?

I bisogni di acqua e liquidi nei bambini e negli adulti sono molto diversi e variano in base all'età, al sesso, al tipo di cibo, al clima, all'esercizio fisico, all'abbigliamento, ecc. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha pubblicato valori di riferimento per un'adeguata assunzione di liquidi per gruppo di età, stabilendo 1.600 ml / die per bambini tra 4 e 8 anni, rispetto a 1.900 ml / giorno raccomandato per i bambini e 2.100 ml / giorno per le ragazze, tra 9 e 13 anni.

Nel caso di adolescenti e adulti, stabilisce un apporto di 2 litri per le donne e 2,5 litri per gli uominiessendo questa raccomandazione simile per gli anziani, poiché in essi si deteriora la capacità di conservare l'acqua nell'organismo e si perde la sensazione di sete.


L'EFSA raccomanda inoltre che il donne incinte aumentare l'assunzione di liquidi in base all'aumento del consumo di energia che fanno, e per le donne che allattano, che questo l'aumento di liquidi è di 700 ml / giorno, in relazione a donne non allattanti della stessa età.

Idratazione, essenziale per la vita

La funzione essenziale dell'acqua e delle bevande liquide in generale è quella di aiutare l'idratazione. In particolare, l'acqua è un nutriente essenziale per il mantenimento della vita e la regolazione della temperatura corporea. Inoltre, l'acqua è la base strutturale degli esseri viventi, è il mezzo per trasportare i materiali dal nostro corpo, serve per fornire sostanze nutritive ai tessuti, agisce come solvente per le reazioni chimiche e serve per eliminare le sostanze di rifiuto, tra altre cose


L'acqua è tra il 50 e il 60 percento del peso corporeo totale dell'essere umano e approssimativamente tra il 5 e il 10% viene eliminato ogni giorno attraverso perdite obbligatorie (respirazione, sudorazione, diuresi e feci). È un nutriente essenziale per la vita. L'idratazione è essenziale per il corretto funzionamento di numerose funzioni del nostro corpo.

Tipi di disidratazione nei bambini e negli adulti

Intorno al L'80% del consumo giornaliero di acqua è ottenuto dalle bevande e il Il 20 percento del cibo, specialmente le verdure e i frutti. Attualmente hanno definito gruppi di rischio speciale di disidratazione: bambini, anziani, donne in gravidanza o in allattamento, atleti e in generale coloro che lavorano in ambienti caldi e svolgono un intenso lavoro fisico (costruzione, estrazione mineraria, vigili del fuoco , ecc.).


La disidratazione può verificarsi a causa di un aumento dei bisogni (calore eccessivo) o perdite (diarrea, per esempio). Pertanto, diverse gravità e tipi di disidratazione sono stati definiti in base alla quantità di liquido perso, alla velocità di perdita e alla perdita parallela di soluti / elettroliti. Il tipo di disidratazione dipenderà dalla percentuale di perdita di peso. È considerato mite quando si tratta di una diminuzione del peso corporeo dell'1-3% e grave, quando la perdita è maggiore del 5%.

Sintomi di disidratazione

Fondamentalmente si concentrano su un aumento della fatica, una difficoltà di discriminazione e perdita di memoria quando si soffre di moderata disidratazione (perdita di peso del 2,8%). Le alterazioni del sistema nervoso centrale appaiono in associazione con un volume diminuito delle cellule cerebrali e comprendono alterazione dello stato mentale, debolezza, eccitabilità neuromuscolare e deficit neurologici. Semplicemente l'assenza di assunzione di liquidi per 24 ore condiziona un calo delle capacità mentali e psicomotorie, a partire dalle 9 del mattino e ci sono state riduzioni delle prestazioni che cominciano ad essere statisticamente significative.

Marisol Nuevo Espín

<

Video: Come calcolare quanto deve mangiare un neonato


Articoli Interessanti

Adolescenza: madri sullo sfondo

Adolescenza: madri sullo sfondo

Con l'adolescenza, avviene il baratto ruoli tra padre e madre che si stava preparando negli anni precedenti. Ora è papà che deve prendere una posizione più attiva, specialmente con i figli e mamma...

Come prevenire la congiuntivite

Come prevenire la congiuntivite

La congiuntivite è uno dei fenomeni oculari più comuni che colpisce tutta la famiglia, compresi i neonati. Anche se è molto fastidioso, nella maggior parte dei casi non è grave, ma è importante...