Imparare a prendere decisioni nell'adolescenza: dall'impulsivo al prudente

È vero che non abbiamo sempre tempo sufficiente per sviluppare un processo decisionale adeguato; devi anche imparare a prendere decisioni in queste circostanze. Ma nella fase di apprendimento che ci riguarda, è consigliabile, di volta in volta, mettere in pratica una serie di passaggi logici nella presa di decisioni.

6 passaggi per prendere decisioni

1. Definire chiaramente il problema che vogliamo risolvere o l'obiettivo che intendiamo raggiungere.

2. Raccogliere informazioni: sulle circostanze che riguardano il problema da risolvere, sulle possibili soluzioni o risultati.

3. Formulare le diverse opzioni scegliere


4. Valuta le possibilità di azione nella sua giusta misura, con i suoi "pro" e i suoi "contras", senza fretta, studiando le probabilità di successo di ognuno di loro, i nostri gusti, ecc.

5. Prendi la decisione senza indugio, né indecisioni.

6. Effettuare. Non sarebbe coerente prendere una decisione nella nostra mente e non portarla avanti nella realtà, perché nostro figlio potrebbe diventare un sognatore, pieno di illusioni ma non di decisioni.

Dall'impulsivo adolescente al prudente

Quando definiamo una persona per la sua capacità di prendere decisioni, possiamo stabilire quattro tipi:

L'impulsivo: È lui che agisce per primo e poi riflette su ciò che ha fatto. Si lascia trasportare eccessivamente dagli impulsi del cuore e spesso lo rimpiange. In questo modo finisci per imparare a spese dei tuoi stessi errori.


Come guidarlo?
- Dovremo aiutarti a trovare diverse opzioni prima di agire e pensare diverse possibilità prima di decidere.
- Ti incoraggeremo anche a ragionare su ciascuna di queste possibilità prima di agire.
- E, successivamente, quei valori, quasi matematicamente, gli aspetti positivi e negativi di ciascuno dei possibili modi di agire.

L'indeciso: È l'adolescente a cui ogni decisione costa "un mondo". Per questo motivo, egli spesso abbandona la propria responsabilità e finisce per darlo agli altri. Lascia che decidano e quando lo fa, sente una grande colpa e insicurezza.

Come guidarlo?
- Dovrai stabilire limiti di tempo specifici per te per prendere una decisione. "Per domani devi dirmi ..."
- Puoi anche essere aiutato dandoti molte opportunità concrete in cui devi scegliere.
- Quando avrai preso una decisione, ti faremo le congratulazioni, rafforzando così la tua sicurezza e fiducia in se stessi.


Il rigido: agisce sempre allo stesso modo, perché si affida troppo alla propria esperienza. A volte non capisce che altre decisioni potrebbero essere migliori e più redditizie.

Come guidarlo?
- Cercheremo di suggerire nuove alternative con maggiori vantaggi. Ad esempio, ti incoraggeremo a fare uno sforzo per conoscere altri compagni di classe e fare amicizia con loro senza prevenirli in anticipo.
- Possiamo anche aiutarti a valutare ogni modo di agire e, soprattutto, a cercare informazioni preventive, facendoti vedere ogni volta che puoi migliorare o che ci sono dei cambiamenti che possono essere visti, come l'apparizione di un nuovo libro su un soggetto , o un amico che cambia il suo modo di pensare, ecc.
- Con esempi concreti delle nostre vite o di quelli dei nostri conoscenti, possiamo farti sapere che rettificare è saggio.

Il prudente: È lui che tende a riflettere sulle sue decisioni e poi agisce con energia per eseguirle. È il tipo di azione ideale, senza rigidità, indecisioni o precipitazioni.

Come guidarlo?
- Dobbiamo mostrare interesse nelle loro decisioni per rafforzare la loro autostima in questo modo.
- Possiamo anche proporre obiettivi coraggiosi e alti, perché sicuramente ti senti incoraggiato a intraprenderli.

Suggerimenti per prendere decisioni in adolescenza

- Prendere decisioni non significa passare ore e ore senza sapere cosa fare, ma seguire alcuni passaggi e scegliere un modo per agire il prima possibile. Mettiamo un limite di tempo per il tuo processo decisionale fino a quando non ottieni la scioltezza necessaria.

- A volte è più comodo, e spesso molto più veloce, non lasciare che i nostri figli decidano e scelgano per loro. Ma corriamo il rischio di diventare essenziali nelle loro vite a scapito della loro maturità.

- Quando devi prendere una decisione più o meno importante mostriamo interesse per il tuo processo decisionale, ma non ti sopraffare, perché potresti diventare impulsivo. Diamogli tempo, ma senza dimenticarlo. Quindi noterai che sei stimato e, allo stesso tempo, sei rispettato.

- Secondo la capacità di ciascun bambino, il suo grado di maturità e responsabilità, deve essere data autonomia per espandere l'elenco delle materie in cui è lui a dover decidere.

- Quando hai preso una decisione sbagliata, prova a non attaccarlo, ma fagli vedere tranquillamente il suo errore: gli errori vengono appresi e la lezione sarà ben registrata per il futuro.

- Una volta che hai deciso, dovrai impegnarti con lui per realizzare ciò che è stato proposto. In questo modo capirai che la libertà è sempre legata alla responsabilità.


Proponi al tuo bambino di cercare diverse alternative di campi o diverse attività per i mesi di vacanza. Che annotano i vantaggi e gli svantaggi di ognuno di loro, le possibilità che offrono, gli amici che verranno, l'ottimo rapporto qualità-prezzo, ecc. Infine, dovrai valutare e spiegare quali sono i motivi che ti spingono ad optare per uno specifico.

Marina Berrio
consiglio: Antonio Jiménez. Filosofo, psicologo e consulente familiare

Maggiori informazioni nel libro Le sei decisioni più importanti della tua vita, di Sean Covey.

Potresti anche essere interessato:

- Baccalaureato: trova la tua vocazione professionale

- È difficile fare amicizia

- La relazione tra genitori e adolescenti

- Test di personalità: sei una persona matura?

- Come insegnare la forza di volontà ad un adolescente

Video: Se Dovessi Vincere alla Lotteria, Sarebbe Un Incubo!


Articoli Interessanti

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

Idee per chiedere scusa: di solito chiedi perdono?

A volte la relazione con gli altri non è molto fluida; inoltre, a volte l'uomo è veramente un lupo per l'uomo, come diceva il filosofo. Eppure, siamo chiamati alla felicità e all'armonia. Cosa...

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

Conseguenze in una brutta sala da pranzo

I bambini di 4 e 6 anni che non mangiano bene, chiamati anche "cattivi mangiatori", hanno un livello di assistenza inferiore a quelli che mangiano sano, secondo uno studio realizzato con la...

I pericoli dell'inattività fisica

I pericoli dell'inattività fisica

È noto per tutti i benefici offerti da una vita attiva a un ritmo più rapido sedentario. Il primo di essi garantisce una buona salute mentre il secondo aumenta le probabilità di soffrire di obesità,...